Categorie | GamingPolitics, Opinioni

Quanto tira il porno? Poco, nei videogame

Quanto tira il porno? Poco, nei videogame

Oggi, dopo l’apertura del mio blog, mi butto su temi seri e su riflessioni altisonanti: il porno! :)

Non scherzo. E’ una cosa seria.

E’ sotto gli occhi di tutti (non fate i furbetti… anche sotto i vostri!) che il porno sia un fenomeno incredibile, dalle dimensioni spropositate. Su internet specialmente: se si pensa che la diffusione stessa del medium orizzontale è stata fortemente trainata dalla possibilità di scambiarsi le acrobazie di eroine come Sylvia Saint o Jenna Jameson, ci si fa un’idea migliore della grandezza intrinseca dell’argomento. Cioè, in verità di grande ci sono solo certe “dimensioni”, il resto è solo attrazione: di artistico o profondo, secondo me, non c’è niente (anzi al contrario la mercificazione della figura femminile che in molte nostre teste è realtà la dobbiamo al 50% ai video che teniamo in qualche cartella segreta dell’hard disk, l’altra metà la dobbiamo alle veline e alla TV: maledetto tubo catodico).

Questa mia riflessione nasce perchè, nella frenetica attività di spulciare i vostri commenti dal blog, ho dato un’occhiata ai “post più letti” della giornata su wordpress: tre su dieci erano racconti erotici molto spinti (ma molto…). Anche nei Blog, quindi, dove si dovrebbe finalmente riflettere, si cerca di attrarre persone nelle maniere più bieche (ops, lo starò facendo anche io adesso? :) beh non credo, non vi sto mica facendo arrapare spero :) ).

PlayboyAllora rifletto con voi partendo dal video che ho appena postato: si tratta di Custer’s Revenge per Atari 2600, uno dei primi esempi di videogiochi “spinti”. Chiaramente fallì, la dimostrazione è che di questo gioco non si ricorda nessuno se non per i suoi problemi legali. Tra l’altro era veramente incommentabile: si impersonava il generale Custer che doveva violentare delle indiane legate , destreggiandosi in una pioggia di dardi. Che schifo. Tornando a noi, cosa dobbiamo concluderne? Il porno nei videogiochi non tira e non ha mai tirato. Perchè?

Innanzitutto c’è una ragione prettamente “tecnica”. I videogiochi sono un mezzo interattivo e ad occhio e croce anche masturbarsi: a meno di avere una “terza mano” sarà difficile fare entrambe le cose contemporaneamente ;). A questo aspetto pratico si aggiunge la poca verosimiglianza delle “playmate di pixel“: insomma meglio vedere nuda Jenna Jameson, se si eccettua quella punta di curiosità, che Lara Croft (a meno che non si tratti della Jolie, nel qual caso…).

A questo si aggiunge la povertà ludica dei videogiochi erotici o pornografici. Sempre o quasi sempre si trattava al limite di spingere i tasti furiosamente per vedere muoversi una scenetta prerenderizzata. Forse l’unico esempio divertente era Gals Panic, ma in era un clone di un altro gioco, cioè Qix. Anche negli ultimi tempi le cose non sono cambiate, e la mera operazione commerciale Playboy The Mansion (che comunque regala pochissimo in termini pornografici) fa abbastanza pena. La qualità prettamente video ludica delle produzioni di questo tipo è scarsa, molto scarsa. Ciò non toglie però che del prodotto sovra citato si sia parlato: tutti sannoNon vi faccio vedere altro di San Andreas se non un sederino va... che c’è un simulatore di Hugh Hefner in giro.

E qui sta il punto!

Sono quindi giunto ad una conclusione: è vero che porno e videogiochi non vanno d’accordo, ma è altrettanto vero che, comunque, un minimo riesca a cambiare le sorti di un videogioco. Chi ricorda (solo i più “vecchi” ci riusciranno) Fascination? Avventura grafica abbastanza mediocre, con qualche minima scena piccante: io la giocai attirato da questo. Vogliamo parlare di quanti abbiano modificato GTA: San Andreas per gustare “senza censure” le scene di sesso? E quanti video su youtube ci sono relativi alla scena osè di God of War?

Ma soprattutto quanti utenti mi farà guadagnare il titolo di questo post? :)

Questo post è stato scritto da:

- ha scritto 1298 articoli su Inside The Game.

Contatta l'autore

Commenti

Commenti

18 Di risposte a “Quanto tira il porno? Poco, nei videogame”

  1. Killy77 scrive:

    Il problema di fondo secondo me è dovuto al fatto che il porno nei titoli da te citati, rappresentano solo una parte del gameplay, che (purtroppo) resta fin troppo fine a se stessa. Di videogiochi VERAMENTE porno ne esistono; alcuni per gameplay e struttura sociale sono paragonabili ai MMORPG, con un client da scaricare e tanti personaggi (non so se esistano delle classi o se tutti siano uguali come in Second Life) con cui interagire in modi certamente facili da immaginare. In altri casi come per Virtually Jenna (non fornisco volutamente il link), siamo proprio di fronte a un videogames a sfondo pornografico, dove la protagonista si esibisce in performance tutte sue. Per il futuro secondo me, con l’innalzamento dell’età media dei videogiocatori, la quantità e la qualità di questi titoli è destinata a crescere. Anzi, cominciare a muoversi adesso pensando al futuro potrebbe rappresentare un interessante opportunità professionale.

  2. s3cco scrive:

    Beh non dimentichiamoci che i videogiochi cosidetti “simulatori d’appuntamento” che hanno nella quasi totalità dei casi uno sfondo hentai hanno un successo enorme.
    Non saprei darti delle cifre ma è senza dubbio un fenomeno importante.

  3. PeG scrive:

    Il miglior gioco a sfondo sessuale rimane strip poker… La maggior parte dei ragazzi ha scoperto che il colore batte la scala spogliando donnine virtuali. ;)

  4. Maverick scrive:

    A dire la verità akira, i videogiochi a sfondo sessuale hanno un successo mastodontico in Giappone (hentai), anche se sono perlopiù giochi 2D abbastanza scialbi.
    Il punto è che nessuno si diverte ad avere un videogame di SOLO sesso (o SOLO erotico). Molto meglio vedersi un porno scaricato da emule o su un sito piuttosto che giocare al !cowboy che stupra le indiane”.
    Comunque, qualche componente erotica nei videogame di successo la si trova…come dimenticarsi il caro vecchio Duke Nukem 3D, quando andavi nei night club e pagavi le signorine per fargli abbassare il top. In fondo, anche questo ha contribuito a rendere famoso il “duca” a suo tempo.

  5. Marioooooooo scrive:

    “è vero che porno e videogiochi non vanno d’accordo, ma è altrettanto vero che, comunque, un minimo riesca a cambiare le sorti di un videogioco.”

    nn ho capito bene.. in che senso riuscirebbe a cambiare le sorti di un videogioco? come vendite, attrazione? nel senso che da un qualcosa in piu al videogioco?

  6. templaR scrive:

    che lamer :asd:

  7. AKirA scrive:

    Si beh, gli Hentai e il giappone non li avevo dimenticati ma si sta parlando comunque di un altro mondo fondamentalmente e anche soprattutto di persone culturalmente molto avanti soprattutto rispetto ai videogiochi. In giappone qualunque tipo di videogioco ha successo perchè tutti giocano: anche i videogiochi artistici che da noi non vendono lì comunque hanno successo, per fare un esempio banale.
    Per rispondere a Mario si, dicevo a livello di attrazione e vendite. Fondamentalmente volevo dire che se c’è, comunque è meglio :) Ma si tratta di allusioni, provocazioni o comunque di qualche capezzolo scoperto, non certo di porno.

  8. raz3r scrive:

    è da portare in eps sto gioco O_o no apparte gli scherzi ma solo a me ha dato uno strano effetto? ha un che di inquietante..

  9. FrantZ scrive:

    perfettamente d’accordo con Maverick, nulla da aggiungere :P

  10. vale 181 scrive:

    raga per me il porno nei videogiochi non serve niente e poi gli sviluppatori non gli conviene metterlo perchè la censura gli piazzerebbe un bel vietato ai minori e le vendite come ovvio diminuiscono

  11. Fucktotum scrive:

    E’ vero, bisogna però anche dire che ormai il mercato si è allargato a dismisura: se qualcuno ritenesse interessante fare un gioco “adulto” e se ci fosse un modo per impedire che il prodotto finale giunga nella mani sbagliate…Troppi “se” vero? :D :D

  12. vale 181 scrive:

    giusto quello che dici che il mercato si è allargato ma alle mani di minorenni ci finisce. Cmq ci sono molti giochi che sono dei capolavori eppure non si sente bisogno di scene erotiche. La scena erotica di god of war stona con il gioco, come anche il filmato(assai)erotico di fahrenheit. Preferisco molto di più le scene sdolcinate e piene di amore(sentimento) un pò alla final fantasy per capirci che quelle. :D

  13. vale 181 scrive:

    ecco qua raghttp://it.youtube.com/watch?v=Qr8Yqtj3ybA&feature=relateda

  14. Fucktotum scrive:

    Beh quel che è certo è che il tuo filmato di FF sia mega romanticone :shame:
    Nella varietà sta la bellezza secondo me: oguno dovrebbe poter avere i contenuti che cerca, quindi benvenuta la scena pacioccosa, quella “hard” di Kratos e quella “soft core” di Mass Effect , così sono contenti tutti :D :D

  15. vale 181 scrive:

    giusto infatti si devono rispettare tutti gusti. Come si dice il mondo videoludico è vasto ce ne sono per tutti gusti :) :) cmq sono dei splendidi giochi peccato che ancora non ho giocato a mass effect.

  16. Fucktotum scrive:

    Super consigliato (è uscito pure per pc) a patto però che ti piacciano i giochi di ruolo “classici (quindi non giapponesi) e le mega saghe fantascientifiche!!!

  17. vale 181 scrive:

    grazie fucktotum per il consilglio mica si vive solo di final fantasy saranno anni che non ci gioco pensa che non ho ancora giocato a lost odyssey, adesso mi sto dedicando alla modalità acchiappademoni di devil may cry 4 però un amico mi presta eternal sonata ci gocato a casa sua ed è veramente bello.Cmq per mass effect se me lo farò lo faccio su xbox 360 perchè il mio caro pc non ce la farebbe :( grazie cmq ;)

Trackbacks / Pingbacks


Rispondi