Counter Strike 2: verso la reincarnazione?

[youtube=http://www.youtube.com/watch?v=WtnC_CLpB3Y]

Counter-Strike è una delle invenzioni più rivoluzionarie dell’intera internet. Quantomeno in ambito videoludico. Se si pensa banalmente solo ai numeri, si sta parlando di un MOD, una semplice “modifica” ad un pre esistente videogioco (Half Life) creato da due studenti universitari (Minh “Gooseman” Le e Jess “Cliffe” Cliffe che ora lavorano, pensate un pò, in Valve ), diventato lo sparatutto online più giocato della storia dell’umanità. Già così sarebbe un risultato incredibile. Se apriamo la parentesi Sport Elettronici, poi, allora non possiamo che meravigliarci della potenza di un gioco ormai diventato disciplina sportiva in molti stati del mondo (in Svezia è lo spettacolo più seguito dopo il calcio, in Germania poco ci manca). Estrapolando addirittura questo successo dai lidi meramente videoludici, Counter Strike rappresenta la punta dell’iceberg di una “cultura”, di un “movimento”, destianato sicuramente a far parlare di sè.

Inutile però pensare di concentrare in dieci righe la storia di Counter Strike o dei suoi successi passati, parliamo quindi del presente e del futuro. Al momento abbiamo un “conflitto di interessi” di Valve e delle community di interesse relativo alla “versione” da supportare: Counter-strike 1.6 o Counter-strike: Source? Mentre l’Italia non si chiede nulla in proposito (la vecchia versione è stata quasi totalmente rimpiazzata da quella nuova, purtroppo) negli altri paesi è in atto un vero e proprio dibattito virtuale che rischia di finire con una sconfitta di entrambe le scene. Infatti 1.6 e Source non sono intercambiabili, potremmo definirli addirittura due giochi differenti o quasi; non entro nei dettagli per non risultare noioso (o per non essere corretto da chissà quanti esperti del settore ;) ) ma non disperate perchè un giorno potreste vedere il post 1.6 vs Source come ho provato a fare con Starcraft vs Warcraft III. Per ora mi limito a dire ciò che ho affermato prima, la divisione della community globale tra le due versioni del medesimo gioco ha indebilito gli Sport Elettronici in generale, non più uniti sotto la stessa unica bandiera. Parlare infatti di un milione di giocatori (un totale, totalmente ipotetico di CS 1.6 + CSS) o parlare di 300.000 in un caso e 700.000 (è un esempio anche questo) nell’altro fa comunque differenza, soprattutto perchè dove i numeri non sono così ampi, una delle due community rischia di sparire.

Ora, tramite le parole di Gabe Newell prendiamo atto che Counter Strike 2 sarà realtà. Non è più “un sogno nel cassetto” vedere riuniti tutti i giocatori delle due community sotto lo stesso tetto. Così come Starcraft 2 si propone di riunire molte community di RTS, soprattutto quelle legate ai giochi Blizzard, il seguito di CS cercherà di intraprendere la medesima strada. Il gioco è ancora in fase di pre-produzione, quindi ben lontano da essere realtà, anche per questo motivo il condizionale è d’obbligo. Magari CS 2 potrebbe non piacere nè ai fan della 1.6 nè a quelli del Source.

Ciò che però colpisce maggiormente è che questa nuova edizione di Counter strike potrebbe essere quella realmente “decisiva” per trasformare la passione del netgaming in qualche cosa di più anche in Italia. Perchè? Semplice,basta dare un’occhiata alle piattaforme su cui è in sviluppo il titolo, PC, Xbox360 e PS3. So già che verrà innalzato un coro di “disgusto” a queste mie parole per la questione di sostituire con il joypad l’amato binomio mouse + tastiera. Gli stessi però che solleveranno questo polverone sono al corrente che ad Unreal Tournament 3 per PS3 si può giocare collegando le proprie periferiche preferite (avete letto bene: MOUSE + TASTIERA) alle USB della console Sony?

Devo dire che sono davvero molto eccitato per questa notizia, anche se ci vorranno anni prima della sua realizzazione. Le console in Italia sono giocatissime (il PC è rimasto con un misero 14% delle vendite globali dei videogiochi nel nostro paese) e con la nuova connessione ad internet hanno fatto scoprire il netgaming “passivo” (cioè senza affiliazione a nessuna community ma semplice gioco online) a moltissimi giocatori. La notizia che in futuro potrebbe essere il seguito di Counter Strike il gioco più giocato su Xbox Live o PS network non può che rallegrare chiunque si interessi al fenomeno. Milioni di persone potranno quantomeno avvicinarsi a conoscere questo splendido sport elettronico.

Nonostante mi sia impegnato così tanto a scrivere l’articolo probabilmente il video attrarrà maggiormente la vostra attenzione: si tratta di un virale da 2 milioni di click: Counter Strike fatto con i mattoncini più famosi del mondo :)


RadioGifP.S. Non perdetevi questa sera la nuova puntata de “Il Bar dell’eSport e Dintorni“! Inutile dire altro dopo il bellissimo sommario di revng, il primo post sul blog di un differente autore (applausi!). Stasera ci saranno grandi ospiti, grandi curiosità e grandi notizie. Non mancherà la solita musica rock e la solita dose di umorismo che caratterizza Il Bar dell’eSport e Dintorni da ben 10 puntate. A proposito, oggi è il nostro primo anniversario, fateci gli auguri! :)

Questo post è stato scritto da:

- ha scritto 1304 articoli su Inside The Game.

Contatta l'autore

Commenti

Commenti

20 Di risposte a “Counter Strike 2: verso la reincarnazione?”

  1. niccobricco scrive:

    wooow notizia bomba….cmq stamattina han fatto vedere gli zerg di sc2. Una ficata!

  2. Maverick scrive:

    Ci spero molto in sto gioco, Counter Strike per molti (me compreso) resta tutt’ora l’e-Sport per eccellenza, il “calcio” dei videogame, almeno per il settore fps.

  3. TILT scrive:

    Il settore videoludico multiplayer purtroppo sta palesemente puntando le mani in basso per accogliere quanta più massa giocante è possibille.
    S’è persa quella sana relazione tra multiplayer = competizione, pare essere una mera estenzione del singleplayer. Sono abbastanza sfiduciato dai developer attuali, basti vedere le scelte di Valve – chi dovrebbe realmente conoscere quanto sia producente il rapportarsi alle community – con CSS.
    CS ancora oggi soppianta di diverse volte il totale di player giocanti, a distanza di 9 anni, del suo cugino Source eppure questo pare non faccia ragionare chi i titoli oggi come oggi li produce.

  4. sk0d3 scrive:

    posso solo dire…
    …BUON ANNIVERSARIO!!!
    Confidando che le cose vi vadano sempre meglio.. ;)

  5. PeG scrive:

    AUGURIIIII!!! :D

  6. Tony Montana scrive:

    Stasera vi seguo per la prima volta!^^

    Auguriiii!!!XD

  7. Marioooo scrive:

    “Il settore videoludico multiplayer purtroppo sta palesemente puntando le mani in basso per accogliere quanta più massa giocante è possibile.”

    Quoto, ed aggiungo che il successo di Counter-Strike è stato dovuto proprio al fatto che non sia stato realizzato da una softhouse, ma da appassionati: un gioco fatto da gamers, per i gamers.

  8. AKirA scrive:

    Boh, io sinceramente non vi capisco. Siete troppo “Straightedge” per usare un termine inglese coatto che non vi ci fa capire niente :) Il discorso è il solito: non è il multi, non è il nostro mondo ecc sono i videogiochi che sono diventati sempre più facili per abbracciare una fetta di pubblico sempre maggiore. Più facili però non vuol dire per forza peggiori. Il discorso source, secondo me, va affrontato a più livelli: a livello di competizione e tornei è peggiore di cs 1.6 perchè ha un sacco di bug; a livello però di gioco è assolutamente allo stesso livello se non addirittura superiore in molti punti (fisica realistica che porta a lanci di granate credibili, oggetti disseminati per la mappa che lo rendono più “realistico” ecc).
    Ora è chiaro che stiamo parlando di e sport e che il dibattito potrebbe quindi finire qui: cs 1.6 è meglio. Però se quel titolo è troppo “settoriale” era anche giusto fare qualcosa per espandere questo settore, non rovinando eccessivamente il gameplay. Cosa che secondo me è stata rispettata in pieno.
    Se poi il circuito dei tornei “professionistici” non ha voluto “guardare avanti” (tutto tra virgolette mi raccomando) è un altro discorso.
    Dire però che css è na bufala e 1.6 è strafico non corrisponde secondo me a sottolineare la verità.
    Tra l’altro i creatori sono gli stessi ;)

    Da gamers per gamers!

  9. TILT scrive:

    Dire che son gli stessi è abbastanza un azzardo, visto che un conto è produrre/lavorare per conto proprio e coltivare le proprie idee ed un altro è quello di rispettare le meccaniche del mercato videoludico e le esigenze di bilancio.
    Da che mondo e mondo lo sport è competizione, su meccaniche difficili ma basilari tipo dare calci ad un pallone, se ci mettessero la rete attorno al campo per non fare uscire la palla e rendere più spettacolare il gioco coi rimbalzi e le capriole sarebbe più figo ma non sarebbe più il calcio.

  10. AKirA scrive:

    Mmm, ottima risposta, anche se non mi hai convinto.
    Fondamentalmente piegarsi alle leggi del bilancio e alle meccaniche del mercato, se posso permettermi è una cosa che hanno fatto in tanti (ad esempio Electronic Arts) ma di cui invece non si può proprio incolpare Valve. Degli sviluppatori di cui il capo supremo, Gabe Newell, risponde personalmente alle e mail che la community amante dei loro giochi gli manda. Una società che ha assunto più modder di qualunque altra al mondo. Una compagnia che sa ascoltare e rendere realtà i desideri del cliente e non del mercato.

    Io chiedo solo a te e a tutti gli altri fidi estimatori della competizione senza fronzoli di fare attenzione a non confondere la bellezza di un gioco con la “perfezione” di un altro. L’esempio del calcio secondo me lascia il tempo che trova perchè non sarebbe più spettacolare con rimbalzi e capriole ;) Css invece assicura al 100% una maggiore spettacolarità grazie al fatto che è più facile da seguire per chi non conosce nulla di netgaming o gli sport elettronici (il solo fatto che nella 1.6 si spari attraverso i muri disorienta molto lo spettatore, aumentando però a dismisura la skill che bisogna possedere per giocare ad alti livelli, senza citare le esplosioni e la grafica migliore).

    Io le vedo molto più come due facce della stessa medaglia, non per forza una cattiva e una buona. Un pò come Sc e Wc3. Certo poi se devo preferirne una non posso che concordare con te sul fatto che un match di 1.6 avrà molto più significato (tattico, tecnico, adrenalinico, storico) di uno di css.

  11. TILT scrive:

    Lo spettacolo che da un match di 1.6 (a livelli alti) coi suoi muri di cartapesta e le texture grosse come un pugno non lo da nessun altro titolo di gioco (a livelli alti) compreso CSS. Non vedo perchè altrimenti a distanza di 9 anni debba ancora stare al top degli investimenti in montepremi nonostante ci sia una costante politica detronizzante (e qui ci sarebbe da aprire un altro capitolo in tema, esempio sulle licenze di CS deciso da Valve, l’amante delle community).
    Possiamo andare a sindacare qualsivoglia ragione, ma alla base c’è sempre il fatto è che il titolo in sè che è concepito diversamente e cioè per essere competitivo e quindi di riflesso spettacolare. Questo penso fosse l’obiettivo primario di un tempo per il multiplayer, non solo per CS ma per i vari Quake, Unreal, Starcraft che se vai a guardare sono sempre inversamente sensazionali rispetto al numero della loro versione.
    Crysis, megagioco EA, per quanto è figo dovrebbe bastare fargli il multiplayer (come è stato fatto) per renderlo il titolo definitivo, eppure non convince nessuno neppure in Germania dove nasce e cresce.

    Sono sicuro che entrambi sappiamo a quale feeling mi riferisco e in contropartita a quale sia la mia delusione riguardo i titoli attuali, ma non so portarti migliori motivazioni se non le sensazioni che provi in prima persona ;)

    Gabe Newell è un genio, poco da dire, a fare quel che fa. Si rapporta con le comunità e le munge delle idee che nessun’altro – se non chi gioca ed ha giocato – può produrre nei suoi sogni. Ma da qui a dire che fa il lavoro che tempo fa ha prodotto come paladino delle community ce ne passa.
    Per me il romanticismo è morto, pure nel gaming ;b

  12. Maverick scrive:

    Sinceramente io ritengo che CSS sia un buon gioco per il multiplayer, molto meglio di Call of Duty 4 ad esempio, che, a mio parere, è un titolo pessimo a livello agonistico ma che, per forza di cose, ha e avrà grande successo. CSS ha l’unico difetto di avere alle spalle una eredità veramente pesante, CS è, dal punto di vista agonistico, un gioco perfetto, un pò come lo è stato SC per gli rts ed è veramente difficile migliorare un gioco che funziona alla grande già di per se. A mio avviso la Valve avrebbe dovuto prendere CS e portarlo sulla grafica del Source, senza impegnarsi troppo in cazzate che lasciano il tempo che trovano.
    C’è comunque da dire che il mercato dell’esport rappresenta unq auota veramente minima del fatturato globale, per gli sviluppatori conta molto di più rendere il gioco noob friendly e attirare più persone possibili.

  13. AKirA scrive:

    Ultima frase di mave molto saggia :)

  14. AKirA scrive:

    Comunque aggiungo una cosa al discorso su cui non abbiamo riflettuto e cioè che secondo me l’approdo su console di Cs2 non potrà che fare bene a CS in generale. Voi che ne pensate?

  15. Maverick scrive:

    Mah non lo so simo, comunque vada le due community saranno due cose diverse, chi gioca su PC e chi gioca su console, come succede adesso con CoD4. Sicuramente sarà molto più conosciuto, ma io rimango dell’idea che gli fps si debbano giocare con mouse e tastiera, con il joypad perdono il 50% della loro bellezza. E’ un vero peccato che molti titoloni console (GoW, Halo3, ecc) non vengano fatti subito anche per PC ma solo dopo mesi se non anni (vedi il primo Halo).

  16. AKirA scrive:

    Si però il fatto è che mouse e tastiera si stanno pesantemente avvicinando alle console. Su PS3, come ho scritto, puoi già liberamente usarle se il gioco supporta l’opzione (affermo questo per sentito dire, non ho ancora direttamente provato). Per 360 è già uscito un aggeggio “pirata” che permette di attaccare mouse e tastiera e farle riconoscere come joypad. Chissà che i tempi non siano maturi :)

  17. Maverick scrive:

    Ah beh se così fosse e le due piattaforme fossero compatibili sarà sicuramente un bene vista la base di console installate

  18. cs scrive:

    quello usava i cheat! :D

Trackbacks / Pingbacks

  1. […] Counterstrike 2, verso la reincarnazione […]


Rispondi