Categorie | Senza categoria

Finalmente una data per Rock Band!

[youtube=http://www.youtube.com/watch?v=84FJQvg8f0I]

Non sono solito a comunicare date di uscita senza qualche news succosa. Infatti non lo farò neanche adesso.

Electronic Arts ha dichiarato che uno dei suoi titoli di punta uscirà il 23 Maggio, dopo circa 4 mesi in cui stavo “dando di matto” per capire quando e se avrei potuto esibirmi con le mie doti di super batterista in Rock Band (anche di cantante, perchè no :) o chitarrista!).

Finalmente quindi so quanti giorni devo contare prima dell’avvento di questo fantastico gioco (di cui ho ampiamente parlato per l’uscita del nuovo singolo dei Metallica o nel confronto con Guitar Hero 3)che attendo davvero con le note alla bocca. Ci sono però alcune “novità” su questa uscita e alcune non sono per niente positive.

Prima però il piacere: alla sua uscita il titolo godrà di tutti i contenuti scaricabili già disponibili in America. Alcuni ad un prezzo scontato. Inoltre ci saranno delle “bonus tracks” solo per il mercato del vecchio continente (sicuramente gli americani dovranno pagarli per averli: pagare moneta per vedere cammello, dice il saggio ;) ). Qui terminano le buone notizie.

Veniamo alle medie: il titolo, almeno inizialmente, rappresenterà un esclusiva Xbox360. Le versioni PS2 e PS3 si faranno attendere almeno fino all’estate. Insomma chi ha scelto Microsoft rispetto a Sony sembra essere avvantaggiato nuovamente dopo lo “scippo” di molte anteprime.

Adesso veniamo alle note dolenti. Nulla di ufficialissimo per ora (99%), ma una notizia molto data dall’influente Eurogamer parla di un prezzo assolutamente esorbitante per acquistare Rock Band e gli strumenti ad esso collegati nella confezione americana (una batteria di plastica, una chitarra di plastica, un microfono di plastica). In America, a 169$ si avevano a disposizione il pack con gli strumenti e il gioco. In Europa a 169€, ci daranno SOLO GLI STRUMENTI! Poi andrà acquistato il gioco a 69.00€. Questo significa una spesa di 240€ per avere la possibilità di godere del titolo a pieno regime (comunque senza basso, che andrà simulato a questo punto): più del doppio del prezzo americano convertito in euro. Tra l’altro questo cambia davvero molto le carte in tavola. Io ero già intenzionato a comprarlo al day one; ora ci penserò sicuramente su 240€ sono un sacco di soldi!

Non voglio fare polemica con il “colosso” americano, non mi permetterei mai visto che sono un umile blogger. Vorrei però lanciare un mini appello almeno per capire perchè gli Europei devono pagare un gioco vecchio di sei mesi così tanto senza comunque avere un gran valore aggiunto (nove tracce bonus, se sono confermate almeno quelle). Tra l’altro un gioco davvero utile alla causa viste le sue grandi qualità educative in ambito musicale (non solo, è anche e soprattutto un gioco di gruppo).

Come italiano (ultima ruota del carro… lo so) e come europeo mi sento davvero indignato! Andrò su qualche forum straniero (come quello ufficiale di EA) ad esporre la mia ira. O quantomeno a chiedere perchè!

Nel video una vera batteria adattata per giocare a Rock Band! Non male no? :)


RadioGifP.S. Inutile che ve lo ricordo vero? Tra circa un’ora, alle 21:30 di questa sera, c’è La Zona X. Radio recensione di Call of Duty 4, ospite per il multiplayer del suddetto capolavoro e consigli per gli acquisti. Parleremo anche di Rock Band, è chiaro! Seguiteci, su Radio 181 Fragtime. Clikkate sulla nostra fantastica radiolina lampeggiante per saperne di più.

Questo post è stato scritto da:

- ha scritto 1297 articoli su Inside The Game.

Contatta l'autore

Commenti

Commenti

10 Di risposte a “Finalmente una data per Rock Band!”

  1. Maverick scrive:

    Ma com’è che quando la lira era più debole del dollaro ce lo mettevano in culo col cambio…adesso che l’euro è forte ce lo mettono in culo col cambio…ma a noi sempre dietro ce lo devono mettere? lol

  2. AKirA scrive:

    LOL :) Non credo qui sia questione di cambio!

  3. Maverick scrive:

    eh beh sicuramente no, a meno che nn vivo in un altro mondo, però è sintomatica sta cosa

  4. Fucktotum scrive:

    E vogliamo parlare del costo raddoppiado dei mini pack di espansione? Da 80 MP in USA a 160 da noi…
    Cambio o non cambio, qui ce lo vogliono appizzare! :)

  5. Fucktotum scrive:

    Questo è quanto è stato detto in proposito, ripreso da multiplayer.it:

    Rob Kay, design director di Harmonix, ha dichiarato oggi che l’azienda non “sta cercando di fregare la gente”, in seguito alle polemiche certamente molto accese che sono derivate dall’annuncio del prezzo europeo di e dal modo in cui sarà distribuito, con un bundle contenente solo le periferiche senza il software di gioco che dovrà essere comprato a parte. Kay dihiara che certamente se si converte direttamente il prezzo US con quelli PAL la differenza di prezzo esiste, ma che dipenda da una miriade di piccole differenze che poi risultano in tale discrepanza. Come ad esempio il VAT inglese del 17.5%, compreso nel prezzo, mentre il prodotto distribuito in US ha un prezzo base non comprensivo delle tasse che sono diverse di stato in stato. “Non stiamo cercando di fregare la gente. Vogliamo dare alle persone la possibilità di entrare in Rock Band ed abbracciarne l’esperienza. Crediamo che quando ci giocheranno comprenderanno che vale il suo prezzo. Comprendiamo che gli utenti si sentano un pò feriti dalla questione ma speriamo che il gioco saprà cancellare questi sentimenti”. Non possiamo che augurarcelo anche noi.

    Balle? :evil:

  6. AKirA scrive:

    Io sto seriamente pensando di comprarmi solo il gioco e giocarci con la chitarra di guitar hero… O addirittura NON COMPRARLO. Un conto so 170 euro per il set + il software. Un conto so 250. Al limite vado in America e grazie al cambio ce spendo la metà! E dire che era uno dei giochi più attesi dell’anno per me! :(

  7. Maverick scrive:

    Ma che non dicano troppe cazzate per favore, 169 dollari sono si e no 105 euro, già con 169 euro abbiamo 65 euro di aumento, ma che tasse ha visto questo, sono più del 60 %, senza contare che il tutto completo costa 240 euro da noi e in America 169 dollari (105 euro). 130 euro di differenza non hanno giustificazioni se non il chiaro intento di specularci.

  8. Fucktotum scrive:

    Secondo me hanno visto il super successo riscosso e ora ci marciano…Ma vogliam commentare i 6 mesi di attesa per un titolo che non necessita di localizzazzione?
    E i brani “eslusivi” per l’europa? Praticamente delle stra cagate (qui vavo sul soggettivo, ma i Tokyo Hotel? :| ) .
    Boh…Io non lo compro sicuro.
    Mi chiedevo: gli strumenti sono sicuro compatilibili, quindi perchè non import? :D

  9. PandreoL scrive:

    Concordo, nn va comprato cosi vediamo se la smettono di prenderci per il culo. 240 Euro sono veramente troppi quoto in pieno Maverick e Fucktorum.

  10. Fucktotum scrive:

    Sempre da multiplayer.it, le mezze verità di un altro personaggio di Harmonix:

    Greg LoPiccolo, development manager di Harmonix, ha espresso in un lungo post sul forum ufficiale dell’azienda la sua personale posizione in merito alla questione del prezzo europeo di Rock Band, sottolineando che si tratti di commenti da attribuire a lui personalmente, che non si esprime a nome dell’azienda ma solo di se stesso.
    “Non abbiamo intenzione di uccidere Rock Band in Europa, siamo inceredibilmente sensibili ai problemi di prezzo. Siamo anche dolorosamente consapevoli del fatto che più alto è il prezzo, meno copie venderemo. [...] Data la nostra ambizione di rendere Rock Band il primo titolo musicale in Europa, siamo fortemente motivati a mantenere il prezzo il più basso possibile. Ciò detto, non siamo disposti a rimetterci soldi. Il problema è che rilasciare il gioco in Europa è molto più costoso che in America, in molti modi questo è più vero per Rock Band che per altri titoli, a causa delle dimensioni delle periferiche.” Quanto affermato da LoPiccolo trova riscontro nelle spese di spedizione per confezioni delle dimensioni di quella in questione che sono davvero alte, molto più che su territorio US. Le altre ragioni per cui LoPiccolo trova scorretto paragonare i prezzi delle due regione risiede in un’altra differenza fra Eu ed US: quella relativa alle tasse, che in europa sono integrate nel prezzo finale agli utenti mentre in US no e che in molti stati corrisponde ad un 5% aggiuntivo sul prezzo. Inoltre mentre i rivenditori americano sono legati al prezzo finale, in Europa lo stesso è considerato “prezzo consigliato”, che permette ai rivenditori di effettuare sconti e promozioni che sono negati agli utenti americani. Purtroppo le tasse europee sono molto più elevate rispetto al 5% americano, con il 17.5% applicabile in UK ed ancora di più in altri paesi del Vecchio Continente. In sostanza, afferma LoPiccolo, non si tratta di una sorta di macchinazione nei confronti del nostro territorio, bensì il doversi confrontare con una serie di imposizioni economiche superiori rispetto a quelle americani e non aggirabili, quali i costi di spedizione e le tassazioni.

    BUFFONI!!!! :evil: :evil:

Trackbacks / Pingbacks


Rispondi