Frag Movie: un documentario sul Pro Gaming

[youtube=http://it.youtube.com/watch?v=ngV1abyDGKM]

Dopo quello sui MMORPG, che vi avevo presentato un pò di tempo fa, sono venuto a conoscenza grazie a Stermy dell’esistenza di un progetto, ancora “in progress” ma vicino al suo completamento, davvero molto interessante.

Si tratta di un documentario sul “pro gaming” cioè sui giocatori professionisti e chiaramente è americano. Tra l’altro anche Alessandro (Stermy, appunto) verrà intervistato in merito alla sua professione, cioè videogiocare per vivere.

Eh già, perchè proprio di questo stiamo parlando: pro gamer significa professional gamer, cioè giocatore pagato per giocare. Che sia uno sponsor, un clan, un team professionistico o i premi dei tornei, l’obiettivo è rimanere a galla giocando. Sopravvivere con una professione ancora pioneristica in molte parti del mondo ma molto vicina ormai a diventare realtà (per molti già lo è).

Il film non sembra comunque parlare molto bene del pro gaming e sembra trattare anche argomenti scottanti per un videogiocatore professionista, come l’isolamento e l’alienazione. Certo che dal trailer che vi ho postato, l’immagine che esce fuori di chi è riuscito nell’impresa è invitante: fama, ricchezza e donne. Fatal1ty in piscina con tutte quelle ragazze che si strusciano mi ha fatto un certo effetto “pruriginoso”.

Tra l’altro c’è anche un secondo trailer davvero istruttivo. Spesso e volentieri ho cercato si piegare ad amici e conoscenti in cosa sono invischiato ed è molto difficile parlare del mondo del progaming. Questo video spiega evidentemente tutto ciò che c’è da sapere almeno per non parlare a vanvera. Lo posto qui di seguito.

[youtube=http://it.youtube.com/watch?v=T3qlyxyv05E]

Perchè lavorare insomma? Non è meglio giocare e diventare delle star mondiali piene di soldi?

Mmm, io mi tengo stretto il mio lavoro (non ho più l’età ;) ) però ripeto, la jakuzzi da gran pappone non me la farei sfuggire se fossi in voi ;)

Questo post è stato scritto da:

- ha scritto 1304 articoli su Inside The Game.

Contatta l'autore

Commenti

Commenti

17 Di risposte a “Frag Movie: un documentario sul Pro Gaming”

  1. PeG scrive:

    sembrano un po’ i video della dharma… chi è addicted come me di lost sa di cosa parlo … :)
    Cmq fatality in piscina con tutte quelle tipe avrà pensato… “Se avessi un redimer adesso, potrei fare un mo-mo-mo-monster kill! ”

    Tornando seri… questi ragazzi sono leggende viventi… mi tolgo il cappello!

  2. Peppe scrive:

    eheh il sogno di una vita!!! Ma anche l’esperienza come game tester non è male…..detto questo, voglio la maglietta con lo stemmino CPL!

  3. Depa scrive:

    bellissimi video,complimenti al nostro connazionale stermy! :)

    Sarebbe bello essere pagati per giocare,per ora sono arrivato a farmi pagare premium e server ts come massimo ;P
    è già un passo avanti per diventare un PROgamer.

    faboulos ;P

  4. Maverick scrive:

    Beh ma le ragazze me sa che stanno in piscina per i soldi o cmq per un montaggio televisivo, non certo perchè è un progamer :asd:

  5. AKirA scrive:

    Ehm scusami maverick ma ti vorrei far ragionare su due cose. Se sei un progamer c’hai i soldi, se sei un progamer sei in televisione e fai montaggi televisivi. Quindi le ragazze stanno lì perchè è un progamer :)

  6. PeG scrive:

    annoso dilemma… ma le veline stanno con i calciatori perché sono calciatori o perché hanno i soldi?

    Io, fossi un calciatore professionista, non mi farei tutte ste domande mentre sono a mollo in piscina, con canalis, satta, merz e compagnia varia! e quindi non importa perché le tipe sono a mollo con fatality… :D

  7. Maverick scrive:

    Akira, sappiamo benissimo che fatal1ty è un progamer “speciale”, per molti motivi, non ci sono altri giocatori, almeno in occidente, che hanno la sua fama e i suoi soldi.
    Ci sono molti progamer al mondo ma non è che abbiano i soldi, almeno per come intendo io la frase “avere i soldi”.

  8. Maverick scrive:

    x PeG: vabbè i calciatori sono storia a se, hanno i soldi ma sono esponenzialmente più popolari di chiunque, qualsiasi progamer non ha la popolarità di un calciatore professionistico.

  9. FrantZ scrive:

    no ragazzi… quelle di fatality in realtà erano bambole gonfiabili giapponesi di ultima generazione! :P

  10. AKirA scrive:

    Mave Fatal1ty non è speciale è solo il primo di una lunga serie che in futuro verrà. Ora è l’unico, il più famoso, quello di cui parlano tutti. Continuerà ad essere un mito, un idolo. Ma vedi che in America di gente come lui ne sta emergendo e tanta. La MLPro va su ESPN, il che significa essere popolari quanto un tizio di uno sport minore: e molti sono popolari lì, perchè c’è tanta gente che segue (come nel gaming). In Germania i gemelli di FIFA (Styla e Hero che ci hanno raccontato cose interessanti a Napoli, 1 anno fa) sono riconosciuti per le strade e fidati che si possono permettere ragazzine a gogo :) . E non ti cito i coreani: li ho visti a Seoul, Boxer e gli altri cessi-mangiacani giocatori di Starcraft. Non so quanti soldi e quanta fama abbiano, ma le donne loro le ho viste e fidati sono da mascella per terra. Insomma ora come ora, per carità, gli esempi sono più unici che rari. Però per quelle eccezzioni che ci sono la “celebrità” non è un accessorio. Noi siamo qui a parlarne e già questo è un bel passo avanti :)

  11. PeG scrive:

    Mav… Questa per me è popolarità…
    http://www.veoh.com/videos/e62413RqKwPT9Q

    L’idea di poter arrivare ad una Lan indossando una felpa con scritto sopra SK per me significa sentire i brividi…

    Non è un altro mondo, non è un’utopia… abitano 500 km sopra le nostre teste… e girano degli spot come quelli che ti ho linkato sopra (ce ne sono anche di più fighi… ndr).

    E’ chiaro che si sta sempre parlando di popolarità relativa a uno sport minore… perché il netgaming attualmente è uno sport minore… ma se mi chiedessero: “vuoi diventare il campione mondiale di FIFA08 o il campione mondiale di Curling (scopettone sul ghiaccio)?” … io risponderei senza pensarci alla prima… vuoi mettere? Bisogna crederci però… e in italia crediamo sempre troppo poco.

  12. PeG scrive:

    … altra cosa scusa :) … alex brandon… italian FIFA08 player… ai campionati europei a colonia ha perso 2 partite ai supplementari contro SK.Hero … campione del mondo in carica. Al termine della partita il tedesco si alza e dichiara: “Oggi è il mio giorno fortunato”… quelle semplici parole per me valgono tanto. Vuol dire essere quasi arrivati… vuol dire sfiorare con la punta delle dita quello che per molti di noi rappresenta un sogno inarrivabile. come diceva il poster appeso dietro alla scrivania di Fox Mulder… I WANT TO BELIEVE! :)

  13. AKirA scrive:

    Peg… è ufficiale… sei un drogato :)

  14. PeG scrive:

    :D … lo prendo come un complimento! :D

  15. raz3r scrive:

    Pagherei per far si che il netgaming italiano raggiungesse le vette tedesche o americane. Ma forse è solo un sogno :(

  16. HD scrive:

    smettetela di gasarmi che poi ci rimango male :(

Trackbacks / Pingbacks


Rispondi