Categorie | Events, Opinioni

E3 2008: tempo di bilanci

E3 2008: tempo di bilanci

Se c’è un aspetto indiscutibile riguardo all’E3 è che, nonostante mantenga sempre un fascino notevole, non è più la più importante sede in cui vengono presentati i nuovi giochi.

Non più tardi di oggi Miyamoto ha confidato che non ritiene (e quindi Nintendo con lui) che la fiera di Los Angeles sia la sede più adatta per mostrare i core games, cioè i giochi fondamentali per il suo pubblico più fedele.

Ciò non toglie che in questa settimana ne abbiamo viste delle belle: oggi anzichè disquisire di vittorie e sconfitte, console war o dati di vendita, cercheremo di dare uno sguardo d’insieme ai titoli più interessanti che vedremo di qui a breve.

Innanzitutto abbiamo quei giochi che occorre definire “per molti ma non per tutti“, nel senso che pur essendo multipiattaforma non approderanno sui lidi di una o più delle macchine principali.

Menzione d’onore dunque per Final Fantasy XIII, perchè è ovvio che si tratti di un titolo pesante per sua gloriosa storia, ma che è anche chiamato ad ogni uscita a far gridare al miracolo. Square Enix sembra assolutamente in grado di raccogliere questa sfida, sfornando di sicuro un prodotto eccellente.
Come dubito che fallirà Capcom, che ha mostrato al mondo in versione giocabile Resident Evil 5. Graficamente spaventoso e con la straordinaria novità del cooperativo: per il resto sembra di trovarsi di fronte a una versione super potenziata del quarto episodio. Restando su questi lidi, cresce bene il progetto Street Figher IV: abbiamo ormai visto quasi tutto, manca solo l’occasione di provarlo perchè sembra super giocabile e particolarmente gradevole dal punto di vista estetico.

Di Fallout 3 ho quasi paura di parlare, per paura che il minimo sussurro me lo mandi in frantumi: lo sogno da anni, l’ho visto in forma smagliante, non  vedo l’ora di giocarlo e rigiocarlo.

Arriviamo così al gioco con la data d’uscita più vicina, cioè Dead Space: lo abbiamo visto crescere nei mesi e quanto mostrato in settimana fa ben sperare per Halloween (la data d’uscita ufficiale). Una grande ambientazione e un’innovativa tecnica di affrontare le creature che ci si pareranno davanti sembrano i suoi punti di forza mentre gli unici rischi derivano dagli enigmi, croce e delizia dei survival horror.

Rise of the Argonauts è un action Rpg “alla moda”, tutto sta nel capire quanto sarà approfondito il sistema di combattimento, dato che il fascino della sua ambientazione mitologica è innegabile. In ultimo mi aspetto tantissimo da Dragon Age:Origins, innanzitutto perchè Bioware non fallisce mai un colpo, secondo poi perchè è inevitabile paragonare quanto visto a uno dei più grandi successi della software house, cioè Baldur’s Gate. Sembra proprio che il sistema di combattimento sia un avanzamento sulla retta tracciata da quel mitico titolo, con la possibilità di mettere in pausa per valutare le strategie da adottare. Il tutto in un ricco mondo fantasy come copione impone.

Passando alla sponda Pc, buone notizie per i fan di Dawn Of War: il seguito è stato mostrato e sembra davvero migliore rispetto al predecessore, con l’unico limite della spada di Damocle di Starcraft 2 a incombere sul suo futuro (soprattutto pensando al multiplayer): qualche limatura al gameplay e un’impostazione leggermente modificata, basata più su piccole squadre che su una guerra totale.
Per il resto è ovvio che anche in quest’anno spopoleranno l’espansione di World of Warcraft e, almeno secondo il mio punto di  vista, anche Spore, titolo destinato probabilmente a scatenare una mania collettiva simile a quella per i Sims.

I possessori di XBox 360 hanno di che stare tranquilli grazie a Peter Molyneux e al suo Fable 2: gioco molto ambizioso ma che ormai è pronto all’uscita. Se i difetti del primo capitolo (che erano stati tutti creati dalle eccessive aspettative e dai proclami di Lionhead) saranno limitati, questo è un Rpg davvero interessante.

Nota a margine per il piccolo Geometry Wars 2 che, dopo il vero e proprio miracolo del primo, torna a stupirci col suo cooperativo a 4 giocatori contemporanei: uno stillicidio per gli occhi ma assolutamente imperdibile.

Tutto l’hype per Sony era concentrato sulle sorprese, invece la nota migliore arriva da Little Big Planet. Ancora le sue dinamiche sono poco chiare, ma anche qui vale quanto detto per Spore: dare agli utenti finali l’occasione di creare i propri livelli di gioco e condividerli col mondo potrebbe essere una mossa davvero vincente perchè il titolo è bellissimo , il protagonista è già un classico e promette un’eternità di modifiche. Uno dei migliori titoli visti all’E3.

Strano a dirsi, ma entrambi gli altri titoli attesi erano fps: Killzone 2 è graficamente spaventoso, ma l’aver mostrato il ricco multiplayer può essere indice di ritardi nello sviluppo per un gioco mostrato la prima volta a Los Angeles nel 2005. L’altro è Resistance 2, che deve andare assolutamente al di là di quanto fatto vedere dal diretto predecessore. E’ comunque zeppo di potenzialità, sperando che non si finisca per poi buttarlo subito in un angolo.

Chiudiamo con Nintendo che, come detto sopra, rinuncia a mostrare titoli complessi in favore di una line up molto particolare. Wii Music non può essere ritenuto un rivale per Guitar Hero o Rock Band, prechè non ne ha le pretese: vuole semplicemente essere un gioco immediato e divertente per piccoli gruppi di persone, ma se non dovesse avere una set list accuratamente scelta rischia di fallire. Wii Sport Resort si impone il fine di superare i clamorosi limiti di Wii Sport, soprattutto grazie al multi online che dovrebbe supportarne la longevità: tutto sta nello scegliere accuratamente le discipline, perchè il lancio del freesbee al cane non è proprio il massimo (ed è già previsto!).

In ultimo un titolo che ho amato molto, cioè Animal Crossing per Wii: qualche anno fa poteva anche essere innovativo, purtroppo ora la maggior parte delle attività possibili è stato introdotto in svariati MMORPG, il rischio quindi è di essere un po’ schiacciato da un’agguerrita concorrenza, soprattutto perchè ormai siamo al terzo episodio e sembra sempre di trovarsi di fronte a un mero upgrade.

Interrompiamo qui il discorso, già sapendo che di progetti e giochi di cui parlare ne avremmo ancora a decine: non scordatevi però che tra un mesetto scatta la Games Convention e anche in quella sede avremo di che rifarci gli occhi!

Questo post è stato scritto da:

- ha scritto 884 articoli su Inside The Game.

Contatta l'autore

Commenti

Commenti

14 Di risposte a “E3 2008: tempo di bilanci”

  1. Sheik scrive:

    posso fare una correzione? in realtà prima di Animal Crossing c’è stato Animal Forest su N64 (ha cambiato nome solo per l’occidente…e non capisco perchè) quindi in teoria dovrebbe essere il 4 capitolo.
    comunque ha ragione nel dire che si tratta di upgrade ma la formula non era affatto male, ancora oggi riesce a crearmi una certa dipendenza…quella che andrebbe migliorata è l’intelligenza artificiale degli animaletti!
    comunque credo che AC non abbia nulla a che vedere con un MMORPG, è vero entrambi i mondi vivono in tempo reale, ma Animal Crossing resta un gioco principalmente pensato in singolo, e come tale tutto ruota attorno a noi. siamo noi i protagonisti, nessuno completerà il museo o pescherà o catturerà insetti se non saremo noi a farlo (o un nostro amico che gioca al posto nostro). inoltre si può sempre barare e modificare l’orologio interno del wii mentre con un vero gioco online non è possibile. non essendo persone vere puoi trascurarle e riprenderle quando vuoi…se bari un po’ i pupazzetti non se ne accorgeranno nemmeno.
    quello che mi lascia sempre un po’ perplesso sono le scelte grafiche, ma il cell-shading non sembra essere nato per questa serie?

    bel bilancio :)

  2. Maverick scrive:

    Sinceramente a me sti giochi alla AC fanno proprio schifo :D
    Ma di Guitar Hero IV si sa nulla? Quando esce la drogaaaaa

  3. raz3r scrive:

    Si dice che i cinesi copiano tutto. Hanno copiato anche l’E3!! So che forse non c’entra molto con questo post però date un’occhiata qui: http://en.chinajoy.net/ Dal 17 al 19 Luglio hanno fatto una fiera tale e quale! E ci sono espositori come Sony, EA e Ubisoft! E hanno copiato pure le ragazze! Anzi forse queste sono pure meglio :) Date un’occhiata qua: http://news.mmosite.com/chinajoy/2008/

  4. AKirA scrive:

    Si sa qualcosa di guitar hero 4. Si sa che sarà come rock band ad esempio, con tutti gli strumenti. Comunque sia bel bilancio davvero :) Su coi commenti! E soprattutto su con le prenotazioni per Lipsia!!! Ad agosto, tutti a LipsiA!!!!!!!!!! ;)

  5. Kumo scrive:

    aspettiamo la gc :D

  6. Maverick scrive:

    Sai anche la data di rilascio Akira?

  7. AKirA scrive:

    Si. 27 o 28 ottobre 2008 :)

  8. Maverick scrive:

    Ah bene, aspettiamo :D Cmq mi pare che Nintendo abbia annunciato anche un nuovo Pikmin per Wii.

  9. Fucktotum scrive:

    Beh piuttosto ha detto che il team è a lavoro…Purtroppo qualche notiziola in più sarebbe stata assai gradita, così com’è la line up dell’E3 non può essere soddisfacente.
    Mi voglio buttare però: Nintendo a Lipsia ci dirà qualcosa in più, insieme a Bungie che a quanto pare è rimasta assai male di non essere stata inclusa nella conferenza Microsoft (e aveva 60 secondi di filmato da mostrare :roll: :roll: )

  10. Maverick scrive:

    Ma Bungie non è controllata da microsoft? o_O

  11. Fucktotum scrive:

    Si certo che lo è ma se vai su http://www.bungie.net leggi come uno dei boss di Bungie ha commentato questa esclusione (pare all’ultimissimo minuto, per non annunciare un’altra perla dopo lo “scippo” di Final Fantasy): su web c’è addirittura chi si aspetta una fuga di cervelli verso altri lidi…Vedremo a Lipsia!!!

  12. AKirA scrive:

    Mi sa che bungie era controllata da Microsoft… Ora la grande M ha solo tutti i diritti per i prossimi titoli di Halo, ma se bungie dovesse fare qualcos’altro, potrebbe farlo multipiattaforma. Non la do come certezza…

  13. Mariuccio scrive:

    Ciao Ragazzi per vostra informazione è già uscito :D Guitar Hero IV 8)

  14. Mariuccio scrive:

    o_0

Trackbacks / Pingbacks


Rispondi