Categorie | GamingCulture

Patatine alla Castle Crashers.

Patatine alla Castle Crashers

I videogiochi guadangano sempre più terreno. Sempre di più!

Oggi venivo al lavoro con la macchina, come tutti i giorni, ed ho visto uno con una maglietta con un portale sul davanti blu e di dietro ne aveva uno rosso. Era ovviamente una T-Shirt di Portal, il miglior gioco del 2007 secondo questo blog.

I fan dei VG si moltiplicano sempre di più: stiamo conquistando il mondo…. li annienteremo un giorno, i maledetti non videogiocatori!!!!!

Certo però che in America la situazione è ancora più evidente, come ho detto nel post delle mie vacanze e ve lo ribadisco grazie a questo “menù”. Si tratta di un fast food abbastanza noto negli stati uniti, Trader Joe’s che propone le Ridge Cut Potato Chips e Virgil’s Root Beer ispirate al fantastico hack and slash di Behemoth di cui ha già ampiamente parlato bene Fucktotum.

A quando una bella costoletta di alieno alla Dead Space (o mio dio, esce tra una settimana, non vedo l’ora)? :)

La notizia l’ho appresa dal blog www.kotaku.com.

Questo post è stato scritto da:

- ha scritto 1304 articoli su Inside The Game.

Contatta l'autore

Commenti

Commenti

8 Di risposte a “Patatine alla Castle Crashers.”

  1. ZealotR scrive:

    omg need!

  2. Fucktotum scrive:

    Certo però il re barbaro che si tiene la panza…Nonn fa una perfetta pubblicità a questa catena!!! :D

  3. Peppe scrive:

    Quando il calamaro di super mario??

  4. VMee scrive:

    io però voglio la pizzetta alla alien hominid al bar sotto casa

  5. Maverick scrive:

    Attento akira che mo arriva quello che dice che non hai niente da scrivere e ti inventi le cazzate per aggiornare il blog :D

  6. AKirA scrive:

    E chi sei te travestito? :) Visto che più o meno lo stai dicendo pure tu… bastardo!

  7. Maverick scrive:

    Ma no non mi permetterei mai, su un blog uno può scrivere anche “oggi mi sono alzato. Bella giornata. Ciao”
    Poi io non ho bisogno di travestirmi da niente :D

  8. AKirA scrive:

    ahah LOL dai che scherzavo anchi’io!

Trackbacks / Pingbacks


Rispondi