Categorie | Multiplayer

La paura è un videogioco: F.E.A.R. 2 Project Origin

Ammetto subito un particolare molto importante. Io non ho giocato a F.E.A.R. , FPS horror di Monolith rilasciato per qualunque piattaforma nel 2005. Ne ho sentito parlare, sempre abbastanza bene. L’ho visto giocare in multiplayer alle finali del CPL World Tour. Mi ero fatto un’idea abbastanza nitida della produzione ma, comunque, non avevo mai toccato con joypad la paura fatta FPS e le gesta della mitica “Alma“.

Ho approcciato quindi questo Project Origin, poi rinominato F.E.A.R. 2, con molto scetticismo e lo stavo seguendo più che altro per le notizie di corridoio. Ad esempio il fatto che Monolith, staccatasi da Sierra per il secondo episodio, non avrebbe più potuto usare questo altisonante nome per il suo gioco mentre poi è riuscita, col nuovo publisher Warner Bros, a riavere la proprietà intellettuale di quelle quattro lettere che significano paura. A parte questo, insomma, F.E.A.R. 2 non mi interessava; recentemente ho invece provato la demo, pubblicata su Xbox Live, Playstation Network e su internet, per gli utenti Windows (la trovate a questo indirizzo). Ovviamente, mi sono ricreduto!

Ebbene si signori. Entrare nel mondo dello sparatutto Monolith, software house di cui tra l’altro ero un grande fan (giocai con piacere ad uno dei loro primi titoli: Blood, ve lo ricordate?), è stato una bomba. Grafica davvero super spinta, atmosfera rarefatta e convincente ma soprattutto sangue, a fiumi. Pensavo di trovare il solito FPS, condito dalla mitologia su questa paurosa bambina, Alma: invece F.E.A.R. 2 ha le sue chicche. Salire sul robot, ad esempio, mi ha stupito… così come più volte sono sobbalzato sulla sedia ai vari “flash” che il nostro personaggio ha durante i combattimenti contro i normali soldati. C’è veramente tanto sangue e il gioco sembra programmato apposta per disturbare l’utente: questo mi attira molto anche se, immagino, non potrò praticarlo a cuor leggero.

Insomma questo è un esempio di demo davvero ben riuscita e che può, senz’altro, convincere più di un giocatore ad abbracciare la via della paura. Non ho notato novità di sorta e la possibilità di rallentare il tempo ormai è diventato un clichè. Anche l’ambientazione, molto ben curata graficamente, non mi ha stupito in positivo.

Calcolando però che il gioco sarà senz’altro dotato di un buon multiplayer e aggiungendo quanto di buono fin’ora detto… segnatevi la data d’uscita sul calendario. Il 13 febbraio sarà ora di affrontare i vostri demoni e una bambina di nome Alma. Su Xbox360, PS3 e PC.

Il video, ovviamente, è un trailer.

Ultima postilla, volete fare un test per vedere quanta paura avrete? Volete testare la vostra fear? Bene. Seguite questo link.

Questo post è stato scritto da:

- ha scritto 1304 articoli su Inside The Game.

Contatta l'autore

Commenti

Commenti

9 Di risposte a “La paura è un videogioco: F.E.A.R. 2 Project Origin”

  1. Maverick scrive:

    Io ho finito il primo FEAR ed era un capolavoro in single player, in multiplayer però era molto deficitario secondo me. Vediamo cosa combinano con FEAR 2.

  2. Fucktotum scrive:

    [cit.] “Non ho notato novità di sorta e la possibilità di rallentare il tempo ormai è diventato un clichè. Anche l’ambientazione, molto ben curata graficamente, non mi ha stupito in positivo.”

    Ergo, scaffale per F.E.A.R. 2: le dinamiche del’orrore videoludico iniziano a scricchiolare, basti vedere la demo di Resident Evil che non fa la minima paura: siamo in una fase in cui anche il cinema horror è impelagato, quella delle immagini disturbanti tipo interferenze (alla The Ring) e il mai troppo abusato trucchetto della musica alzata a cannone: è quella che fa zompare sulla sedia, anche se sullo schermo comparissero i Puffi ;) :D :D

  3. AKirA scrive:

    Beh però in un videogioco non mi sembra abusata come dinamica, soprattutto se è così coinvolgente (facendoti vedere come era prima… o dopo, il livello dove ci si trova). Se avesse una trama coinvolgente secondo me questo è un blockbuster, almeno in un genere che sembra aver detto tutto. Comunque sia certo, non è quel capolavoro di Dead Rising, che fa paura con l’interazione, ma ad ogni modo mi sembra che io possa divertirmi con questo titolo :)

  4. Fucktotum scrive:

    Il genere fps di sicuro ha detto tutto, almeno sulle basi attuali.
    Solito discorso: non capisco cosa ci sia di fico nel prendere un modo di far paura da un mezzo (cinema) e traslarlo nei giochi.
    Se i giochi sono un mezzo espressivo artistico come leggo qua e là, dovrebbero trovare le proprie meccaniche, non abusare di quelle proprie di altri opere d’arte.
    Esempio esplicativo: solo un gioco poteva creare la paura del primo Resident Evil (che, guarda caso, al cinema fa cagare) quando si passa per un corridoio tranquillo 100 volte, salvo poi ripassarci per la 101esima (o centoprima ? :D ) volta e trovare uno zombie che sbatte sul vetro esterno di una finestra…Poi, al passaggio 102 (o centosecondo :D ) SBAM! Te lo trovi addosso pronto a sbranarti!
    Questo è genio, questo è adattare i meccanismi del “fare paura” (vecchi come il mondo) al mezzo videoludico: mi va bene anche Dead Space e l’impotenza davanti alla minaccia, ma i flash con la bimbetta fantasma in cui puntualmente non si capisce na cippa…Mi lasciano perplesso: non contrario (anche perchè ho visto solo la demo) ma perplesso.
    Poi sarà sicuro un blockbuster perchè: 1) si spara 2) si spara ai mostri 3) si spara in multi 4) ci sparano addosso tutte le pubblicità possibili!! :D :D :D

  5. AKirA scrive:

    @fucktotum: 4) = LOL!

  6. niccobricco scrive:

    non e’ il mio genere

  7. Matt Brolyen scrive:

    Io non vedo l’ora, ho finito il primo ed era davvero spettacolare, anche se in alcuni tratti avevo troppa caga per continuare lol.
    Però posso dire che è stato il primo gioco a farmi tremare davvero.
    In questo 2 quello che non mi convince è che cè troppo sopranaturale da affrontare… nel primo la maggiorparte delle volte combattevi contro cloni, ma alla fin fine erano cmq umani ed era quello il bello! Terrorizarti sì, ma senza cose impossibili! Qui invece sembra proprio che sia pieno di fantasmi & CO
    Vabbè staremo a vedere

  8. ARTURO scrive:

    WEEE PER ME FEAR 1 E 2 SONO STATI FAVOLOSI E TERIFICANTI CHI GIOCHA DEVE AVERE LE PALLEEEEEEE PER GIOCARCI E SE PRENDETE FEAR 2 GIOCATELO IN COMPAGNIA COSI TI CACHI !!!

Trackbacks / Pingbacks


Rispondi