Categorie | GamingPolitics

Crolla il mercato dei videogiochi: flessione del 30% in USA

E’ successo ed è tutto vero. L’unico mercato che aveva resistito alla crisi economica, addirittura aumentando il proprio segmento vendite del 5% negli scorsi mesi, è ora a picco e gli analisti prevedono pioggia a catinelle.

Leggendo qua e là, sui vari articoli della stampa generalista, sembra un’ecatombe dalla quale non ci rialzeremo più. Parlo al plurale ma solo come fan, io (purtroppo) non lavoro in una società che abbia qualcosa a che fare con i videogiochi… se si esclude una trasmissioncina nata per gioco della durata di tre minuti.

Dicevamo, ecatombe. Eppure i dati per valutare un simile calo li avrebbero anche loro sottomano, senza dover fare dell’inutile sensazionalismo con titoli come quello che io ho usato, appositamente, per farvi spaventare. Oddio e ora come faremo? Un calo del 30% significa un taglio di personale, un taglio di qualità, un taglio di videogiochi!!! Aiuto, non potremo giocare più a Starcraft 2!!!

Calmi, ragazzi, calmi. Ragioniamo. Diamo il giusto peso alle parole. Innanzitutto cosa vuol dire calo del 30% nelle vendite? Calo rispetto a cosa? Di solito i giornali, o i politici burloni, ci danno cifre assolute quando invece sono relative. Io sono un cazzo di ingegnere, signori: un calo del 30% deve essere un calo rispetto a qualcos’altro, non è mica una cosa assoluta…

Dicevo, ragioniamo: cosa è uscito l’anno scorso nel periodo di Maggio che ovviamente arriva fino all’autunno per gli analisti? Mai sentito parlare di GTA4??? Mario Kart??? Sto parlando di super giochissimi che, ovviamente, avranno aumentato a dismisura il fatturato e le vendite di console rispetto all’anno precedente: normale che quest’anno, dove allo stesso periodo non sono corrisposti titoli altrettanto attesi ma qualche nuovo IP lanciato che ancora deve conquistarsi la fiducia degli acquirenti, ci sarebbe stata una flessione. Insomma rispetto al 2007, l’anno precedente al precedente, quanto vorrete che abbiamo perso se non ci fosse stato “l’exploit bianco d’Aprile” (se mi legge qualche redattore questa non copiatela che ha il copyright LOL ) di uno dei videogiochi più venduti di sempre (Grand Theft Auto 4)?

Insomma ragazzi io direi di non preoccuparsi, però sono contento di una cosa, nel settore dell’hardware la mia console preferita (vabbè, si fa per dire: io ho solo dei giochi preferiti non una piattaforma preferita, se un titolo merita lo gioco ovunque esca… però gli achievement mi hanno drogato) ha tenuto: il Wii ha perso il 46%, PS3 addirittura del 59% mentre quelle di Xbox 360 sono aumentate del 5%! Probabilmente ha vinto la politica “taglieremo caro taglieremo tutto” voluta da Microsoft che in un anno è riuscita ad abbassare il prezzo della sua macchina da gioco addirittura due volte, mentre i rivali rimanevano saldi nelle loro convinzioni.

Nell’immagine il famoso Lunedì Nero.

Fonte dei dati, questo articolo su “Il Tempo” del Sole 24 Ore.

Questo post è stato scritto da:

- ha scritto 1304 articoli su Inside The Game.

Contatta l'autore

Commenti

Commenti

7 Di risposte a “Crolla il mercato dei videogiochi: flessione del 30% in USA”

  1. Daemon scrive:

    Personalmente credo sia semplicemente dovuto al fatto che le uscite di nota sono state limitate ultimamente, in vista del natale :)

    preparati al superlavoro!!

  2. inskin scrive:

    Tutto giustissimo quanto detto dal buon Akira.
    Ci tengo però a puntualizzare il mio personale punto di vista. La crisi c’è stata e c’è tutt’ora, e l’ambito videoludico ha retto bene/benissimo ma non ne è stato certo immune: i licenziamenti di EA, la crisi di Midway, e soprattutto la chiusura di tanti studi di medie dimensioni (Free Radical e Grin solo per citarne due) sono aolo alcuni dei tanti segni incontrovertibili di una selezione naturale del mercato estremamente accelerata proprio a causa del periodo nefasto che stiamo attraversando e che, credete a me, è tutt’altro che finito.
    Detto questo, guardiamo al futuro, che a dispetto della crisi e dei giornali per il VG si preannuncia roseo.
    E questo perchè, a differenza dei tanti mercati rimasti sotto le macerie, il mondo videoludico è dinamico.
    Basta guardare lo spessore ludico, artistico e culturale crescente dei giochi in vendita tramite digital delivery per percepire che qualcosa si sta muovendo. Qualcosa di grosso.

  3. AKirA scrive:

    @Inskin: ti lovvo! Dici sempre cose giuste!

  4. deLa scrive:

    io aspetto trepidante un eventuale cs2 :|
    se riescono nel miracolo di unire le due community di css e cs1.6 questa è la volta che valve fa il botto…

  5. raz3r scrive:

    L’unico titolo degno di nota uscito negli ultimi mesi è The Sims 3, tolto quello non ho visto altri brand in grando di rivaleggiare con GTA IV. Da Settembre in poi si vedrà la vera impennata visti i titoli in uscita. Io ho già un paio di scontrini preorder nel portafoglio e ne arriveranno altri (povere le mie risorse xD). Dal prossimo mese fino a fine 2010 e oltre ci sarà FINALMENTE da giocare. No perchè non so voi ma io mi sto letteralmente annoiando. Alle volte accendo il PC che finalmente ho tempo di giocare e non so che minchia mettere. Dalla disperazione ormai mi sono rassegnato e perdo il mio (poco) tempo a guardare i video di GameTrailers e a ad aspettare, con calma…

  6. AKirA scrive:

    Comprati un xbox raz3r … :) Vedrai che non ci si annoia! ;)

  7. raz3r scrive:

    Ce l’ho l’Xbox Simone :D Ti ho anche negli amici :D Solo che io apparte le esclusive non riesco a giocarci niente sopra, poi considerando che i giochi di guida sono il mio pane non potrei mai staccarmi dal mio G25 che purtroppo con la 360 non va :/

Trackbacks / Pingbacks


Rispondi