Categorie | DS, Recensioni

The Legend of Zelda Spirit Tracks, la nuova favola di Nintendo [Recensione]

The Legend of Zelda: Spirit Tracks

  • Piattaforma: Nintendo DS
  • Publisher: Nintendo
  • Software House: Nintendo EAD
  • The Legend of Zelda Spirit Tracks, la nuova favola di Nintendo [Recensione]

    C’è stato un periodo nella storia dei videogiochi di quasi totale innocenza. Prima dell’arrivo dell’ hype, del marketing, del cross media e del character design (sì, so che sono tutti termini inglesi, ma è casuale, parlo a livello di concetti), c’erano solo il gioco e il giocatore.

    Una visione sicuramente distorta, quella che vi presento, eppure la sensazione che avrà qualunque “vecchio” dell’ambiente è che questo momento storico, prima dell’adesso e poco dopo del passato remoto, ci sia stato; e per quanto mi riguarda è un periodo legato a doppio filo a The Legend of Zelda; allora l’uscita di un sequel era un evento, l’uscita di un sequel Nintendo ancora di più.

    Oggi, nel 2010 sugli scaffali abbiamo da poco il dodicesimo episodio della serie: The Legend of Zelda: Spirit Tracks; inizierei precisando che non è un numerone, tutt’altro, in un industria in cui esistono IP che sfornano anche più di un episodio l’anno arrivare a dodici in 23 anni potrebbe essere quasi considerato un esempio di parsimonia.

    E’ forse per questo che la saga di Link è riuscita quasi a mantenere quello status un po’ speciale di evento a cui accennavo sopra anche con questa sortita su Nintendo DS, che alcuni considerano come un “antipasto” rispetto al futuro episodio per Nintendo Wii, sbagliando di grosso.

    Da sempre la serie di Zelda si è un po’ configurata come il “paese dei balocchi” dei giocatori: un protagonista quasi sempre neutro nel quale immedesimarsi appieno, un mondo di gioco aperto i cui segreti migliori possono essere scoperti solo esplorando e un canovaccio spesso più simile a una fiaba che a un romanzo. Da questo punto di vista sicuramente l’idea di fondo di Spirit Tracks è pertinente: tante rotaie e un trenino, per riportare il giocatore ancora una volta in un regno della fantasia che leghi infanzia ed età adulta.

    La premessa è semplice: il regno di Hyrule è attraversato da una serie di antichi binari, costruiti alla fine di una guerra tra luce e oscurità, al centro di questa rete ferroviaria si trova una torre, punto di partenza delle rotaie e prigione dei demoni che un tempo minacciarono l’umanità. L’idillio è (naturalmente) destinato a finire il giorno della consena del titolo di macchinista al giovane Link: il sigillo sarà spezzato, le rotaie inizieranno a sparire e l’immancabile principessa Zelda sarà rapita, almeno in parte.

    Il filmato di apertura del gioco

    E qui arriviamo alla seconda novità sbandierata da Nintendo: la presenza di Zelda nella nostra avventura sotto forma di spirito. La principessina in realtà è utilizzabile solamente all’interno della torre di cui sopra, dove sarà indispensabile per risolvere i vari enigmi, vista la sua abilità di possedere le guardie che si aggirano per i vari piani.  La torre svolge il ruolo che in Phantom Hourglass era del tempio: quello di dungeon centrale; fortunatamente, al contrario del predecessore, in Spirit Tracks non c’è più il bisogno di riattraversare tutto il labirinto ogni volta che si rimette piede grazie a un comodo sistema di ascensori.

    Fuori dalla torre si estende Hyrule, ed è veramente uno spettacolo: il motore grafico del piccolo di casa Nintendo è stato spremuto a dovere e tutte le ambientazioni sono piene di colori e in grado di stupire, la grafica e il sonoro riescono pienamente a comunicare il “sense of wonder” che da sempre la serie ricerca. Viaggiare sul treno è un piacere, osservare il paesaggio che sfila intorno lascia spesso a bocca aperta. L’ambientazione di fondo questa volta richiama un po’ la cultura andina, grazie anche al massiccio utilizzo nella colonna sonora di strumenti di origine peruviana; lo stesso Link utilizza un flauto di pan nel corso di tutta l’avventura, da suonare soffiando nel microfono.

    Il tema musicale della mappa

    Come già successo con la nave di Phantom Hourglass, anche il trenino può essere modificato a piacimento, aggiungendo e cambiando componenti. Una volta disegnato il tragitto da seguire sulla mappa inizia il viaggio, e tra assalti nemici, stazioni non segnate sulla mappa, minigiochi di caccia al coniglio e repentini cambi di rotta il rischio di annoiarsi viene spazzato via.

    Nei momenti più canonici il gioco non devia molto dal predecessore, Link si controlla con lo stilo, gli enigmi comprendono il solito repertorio di segni e disegni sulla mappa, e anche gli oggetti non brillano per originalità: accanto al classico arsenale di boomerang, bombe, arco e frecce si trovano il suddetto flauto di pan, una sorta di ventaglio su cui soffiare per creare piccoli tornado e una frusta a forma di serpente per aggrapparsi alle sporgenze. Niente di nuovo sotto il sole, insomma. Anche i dungeon non sono purtroppo eccezionali, peccando di una certa linearità di fondo: gli enigmi sono spesso un po’ troppo semplici e a volte capita di trovarsi di fronte al boss troppo presto, con la sensazione che qualcosa sia stato troncato.

    Fortunatamente però gli scontri con i boss raggiungono spesso l’eccellenza: i nemici sono grossi e soprattutto cattivi quanto basta, e cercare di trovare (e attuare) la strategia giusta sotto il fuoco incrociato è un piacere adrenalinico e genuino.

    A fare da cornice al gameplay c’è un comparto narrativo e di personaggi finalmente riuscitissmo, gli abitanti di Hyrule sono un piacere da vedere e da ascoltare e ferma restando la premessa fiabesca e semplice i colori che vengono dati dai personaggi di supporto alla storia e al muto protagonista sono piacevolissimi. Su tutti spicca ovviamente la principessa Zelda, femminile, intelligente, dolcissima e comica ogni volta che appare sulla scena, forse uno dei personaggi meglio riusciti dell’intera saga; difficile non innamorarsene.

    Quello che abbiamo di fronte non è decisamente un Phantom Hourglass 2, nonostante il ritorno di molti personaggi e meccaniche, e le novità sono talmente tante che riescono a dare una linfa completamente nuova a una formula di gioco basata su schemi già utilizzati, ma questa è un po’ la storia di qualunque Zelda. Un altro grande risultato è l’essere riusciti a restituire il senso dell’esplorazione: lungi dall’essere una sterile corsa da un labirinto all’altro, Spirit Tracks offre tante diversioni narrative e ludiche e riesce a dare la sensazione di essere persi in un mondo aperto e affascinante. Peccato ancora per la struttura dei dungeon, che troppo spesso danno l’idea di voler dare un colpo al cerchio e uno alla botte, alzando il livello di sfida nei combattimenti e abbattendolo per quanto riguarda l’esplorazione, un’occasione persa. Nonostante questi piccoli nei Spirit Tracks si configura comunque come la piccola perla che ci si aspetta da Nintendo, fantasioso, curato e capace di incantare anche chi ormai è un bel po’ avanti negli anni.

    Inside The Game

    • L'ambientazione affascinante
    • grafica e sonoro eccezionali
    • personaggi ottimamente realizzati

    Outside The Game

    • dungeon a volte troppo semplici
    • gameplay non più originalissimo
    Voto:

    Da non perdere

    Come valutiamo i giochi

    Questo post è stato scritto da:

    - ha scritto 239 articoli su Inside The Game.

    Contatta l'autore

    Commenti

    Commenti

    3 Di risposte a “The Legend of Zelda Spirit Tracks, la nuova favola di Nintendo [Recensione]”

    1. pablus scrive:

      Il personaggio di Zelda così come gli scontri e la storia mi stuzzicano non poco anche se, nonostante la recensione conservo ancora qualche dubbio sul fatto di prendere o no questo treno…
      Conoscendomi però sono già con un piede nel mondo di Hyrule :)

    2. Guarda, a me è successa una cosa strana, sono partito con dei dubbi, poi, mentre scrivevo mi sono trovato a pensare "oh, ma questo lo devo scrivere, oh, anche questo, e poi quella volta che…e anche quando Zelda…" insomma, nonostante rimangano dei dubbi sulla formula di gioco e sui dungeon, che mi hanno lasciato freddino, a livello di esperienza il gioco rimane almeno un po’ dentro…quindi, alla fin fine consigliato:)

    3. ArTaX scrive:

      Ci sto giocando ora (diciamo quasi finito) e sono ancora diviso: da un lato sembra molto simile al predecessore, dall’altro ci sono aggiunte valide (e alcune meno). Sicuramente la difficoltà del gioco rimane abbastanza bassa (ma forse sono un po’ troppo vecchio rispetto al target del DS).
      La cosa migliore imho è l’aggiunta di Zelda che può entrare nelle armature, di cui ci sono vari tipi con poteri diversi, che bisognerà usare al momento giusto. Controllare due personaggi (anche se sarebbe potuto essere sfruttato ancora di più) si era già visto in PH e mi era piaciuto: ora è stato ampliato ancora di più.
      I boss sono belli, ma anche in questo caso avrei preferito una maggiore difficoltà. Sono morto mentre li affrontavo solo 1 volta, ma solo perché sono entrato ad affrontarlo senza rifocillarmi. Capisco non avere boss impossibili, ma mi divertirebbe una maggiore sfida. Forse la soluzione sarebbe tornare al vecchio sistema di difficoltà multiple…
      Il treno mi sembra solo un sistema per far sembrare nuovo ciò che è sempre uguale… diciamo che se il resto del gioco fosse stato meno bello lo avrei stroncato di brutto, ma nel complesso non stona!

    Trackbacks / Pingbacks


    Rispondi