Categorie | GamingPolitics, Opinioni

Fai la tua parte: Be a hero! [Bungie e Halo per Haiti]

Fai la tua parte: Be a hero! [Bungie e Halo per Haiti]

Ciò che è successo ad Haiti non ha spiegazione e non ha colpevoli. Se a volte si può puntare il dito verso il governo, che non costruisce case degne di questo nome, e dall’altra si riesce a trovare un capro espiatorio in un “terrorista” a caso, una catastrofe naturale di questa portata ed entità sembra solo uno scherzo del “Dungeon Keeper” o di un giocatore di Popolous.

Peccato che quelle persone, 50 mile, siano morte sul serio e non in un videogioco. E’ tutta gente con un passato, bello o brutto che sia, e a cui il futuro è stato negato. Sinceramente anche queste mie parole suonano vuote, ora che le rileggo, nonostante il loro tentativo sia positivo: suscitare una qualsivoglia reazione in voi lettori. Una reazione umanitaria, di soccorso, anche solo un pensiero o una condivisione su facebook… per cercare di non dimenticare, mai, che mentre noi videogiochiamo e ci divertiamo, c’è gente là fuori che ha bisogno del nostro aiuto.

Avranno pensato la stessa cosa in Bungie. I produttori di Halo si sono lanciati in un’operazione di solidarietà chiamata “Be a Hero“.

Si può partecipare in molti modi. Il primo, quello a cui cercherò di partecipare io, è “monetario”. Basta comprare dal Bungie Store, un qualunque oggetto fino alla fine di Febbraio che i profitti verranno devoluti in beneficenza alla Croce Rossa americana. Per l’occasione è stata creata anche una maglietta speciale, la cui immagine trovate nel post, che sarà disponibile anche dopo Febbraio (fino ad esaurimento scorte) e che donerà il 100% del suo valore sempre  alla Croce Rossa americana.

Non volete spendere soldi? Bene, fate ciò che vi riesce meglio: giocate ad Halo ODST!

Domani e dopo domani (mercoledì e giovedì) giocare indossando un emblema speciale significherà il vostro attaccamento alla causa e per ogni 1000 persone che parteciperanno, Bungie donerà 100$ alla Croce Rossa fino alla mirabilante cifra massima di 77.000$.

Che dire, un iniziativa lodevole, per avere maggiori informazioni sull’emblema da usare e sulle stanze in cui sarà possibile vestirlo, non dovete far altro che seguire questo link.

Coinvolgete più persone possibili: noi di Inside The Game vi assicuriamo che domani o dopodomani saremo connessi con le nostre Xbox 360 e pronti a bastonarvi su Halo… favorendo col nostro divertimento, per una volta, una nobile causa!

Questo post è stato scritto da:

- ha scritto 1304 articoli su Inside The Game.

Contatta l'autore

Commenti

Commenti

5 Di risposte a “Fai la tua parte: Be a hero! [Bungie e Halo per Haiti]”

  1. Fucktotum scrive:

    Bellissima iniziativa, e bravo tu a renderci partecipi!
    Gamertag:TerroristCatus (presto la vedrete in apposita sezione) ;D

  2. robyx scrive:

    Io non la definirei proprio unn’iniziativa lodevole anzi a me sembra più una pagliacciata…77mila dollari corrispondono a meno di 55mila euro e per una azienda che solo della saga HALO a venduto una cosa tipo 29milioni di copie è una autentica vergogna.

  3. @ robyx: quindi meglio fare come tutti gli altri che non danno un euro? Suvvi,a non cadiamo nel solito disfattismo italico per cui se uno fa, sbaglia perchè avrebbe potuto fare di più.
    Frattini ha dichiarato che il debito di Haiti verso l’Italia verrà estinto ( e vedremo…), anche nel caso in cui desse concretezza a questo sarebbe criticabile perchè non devolve il PIL italiano a quei poveretti?
    L’iniziativa è lodevole perchè Bungie avrebbe potuto fare come il 99% delle aziende e persone sul globo… fottersene ;)

  4. Le vendite dei DLC di Castle Crasher e Alien Hominid verranno versate in favore delle vittime del terremo di Haiti. Si muovono anche i più piccoli!

  5. Fucktotum scrive:

    poi è ovvio che ci lucrino, perchè ODST non è giù più giocato e i DLC made in Behemot sono vecchiotti: non contesto questo, contesto il criticare a prescindere!
    In queste situazioni chiunque faccia qualcosa non può che essere lodato, almeno per me ;)

Trackbacks / Pingbacks


Rispondi