La Infinity Ward si spacca mentre Activision prepara tre nuovi Call of Duty! [L’inizio della fine o la fine dell’inizio?]

La Infinity Ward si spacca mentre Activision prepara tre nuovi Call of Duty! [L’inizio della fine o la fine dell’inizio?]

Tutto questo per un solo motivo, noi amiamo Activision, noi amiamo la società fondata da David Crane, Alan Miller, Larry Kaplan e tutti gli altri che fuggirono a gambe levate da un’Atari oramai irriconoscibile, dove gli hippy erano braccati dai nuovi arrivati, colletti bianchi con calcolatrice nel taschino. Il nostro è fottuto amore, niente altro che amore. Perchè se chiudiamo gli occhi davanti a noi non c’è altro che Zork, non c’è altro che Battlezone in wireframe, titoli che oggi non sono semplici capolavori ma si sono guadagnati una posizione molto più alta, sono le fondamenta stesse dei videogiochi. Ma poi anche Activision si trasformò, a dir la verità tutto il mondo dei videogiochi cambiò radicalmente. Con il crollo del 1983/84 Activision divenne Mediagenic, una società specializzata in software professionale per pc che all’alba degli anni ’90 venne sopraffatta dai debiti finendo in bancarotta. Mediagenic si ritrasformò in Activision con un solo intento: ripartire alla grande creando grandissimi videogiochi.
zork disc
LA RINASCITA
Ci fu così una seconda epoca d’oro, fatta di nuovi ottimi titoli e indimenticabili successi passati rispolverati per l’occasione. Una strada fatta di molte luci e poche ombre, dove al fianco del nostro colosso rinato era possibile scorgere figure estremamente creative come la Neversoft dei primi Tony Hawk’s Pro Skater e la Ritual Enterteinment di SIN, oggi tornata alla ribalta grazie a Take2 (e non è un caso) con il mai troppo lodato Borderlands. Activision era quella buona, mentre Electronic Arts, nelle mani dell’oscuro John Riccitiello, era divenuta nel tempo la cattiva. Vero o falso non ci importa poichè è proprio questo quello che i videogiocatori percepivano.
Tanti successi d’altronde portano una società a crescere e spesso, sembra questo il caso, ha dimenticare le proprie origini, le scelte che l’hanno di fatto resa grande. Con l’arrivo di Vivendi e la fusione con Blizzard oggi la Activision è il colosso dei videogiochi per eccellenza, la più grande produttrice di software per l’intrattenimento del mondo, probabilmente anche dell’universo se non c’è vita oltre la Via Lattea. Ma Activision oggi è anche la società percepita come più malvagia. Vero o falso ancora una volta non ci importa perchè è proprio questo che i videogiocatori percepiscono, è proprio questo quello che ieri hanno pensato nei forum di tutto il maledetto mondo leggendo cosa stava accadendo alla Infinity Ward.

UN PROGETTO INSTABILEbobby kotick
C’è insomma qualcosa che non va nel progetto di Robert Bobby” Kotick, già osteggiato dagli appassionati per le sue dichiarazioni d’amore verso il profitto più facile, a scapito di tutto ciò che spesso rende un gioco grande. Quello che Kotick non capisce è che noi non gli chiediamo di portare la Activision in passivo, noi non abbiamo problemi se sviluppano giochi dal richiamo facile, magari sfruttando senza sosta i brand più famosi. Stiamo parlando di una società quotata in borsa, le regole si fondano sul guadagno, per sopravvivere bisogna pensarci e anche molto attentamente. Ma il rispetto, quello che sembra mancato nel caso di Tim Schaffer, nel caso di Vince Zampella e Jason West, nel caso della Harmonix che prima di Rock Band creò proprio Guitar Hero, il rispetto è importante. Sia nei confronti degli sviluppatori con cui lavorate sia nei confronti del vostro pubblico. La storia dei server Pc di Modern Warfare 2 è un chiaro segno che il rispetto non è più una cosa importante in Activision, un chiaro segno che oramai il guadagno ha superato ogni altro aspetto dello sviluppo creativo di un videogioco. In soldoni (così Bobby Kotick capisce…) un campanello d’allarme per tutta la società, un morbo da cui nemmeno Blizzard potrebbe essere del tutto immune.

infinity-ward-logo

EVENTI CHE SI RIPETONO
Decapitare la Infinity Ward dopo che la software house in questione ha creato il gioco più popolare degli ultimi anni, capace di vendere cifre da capogiro, è una mossa fin troppo azzardata e ben poco lucida. I due boss della Infinity Ward, Jason West e Vince Zampella, sono stati rimossi non per un mancato pagamento delle royalties, come ieri in un primo momento si era paventato, ma per delle divergenze sull’uso e abuso del brand Call of Duty, divergenze ancora una volta creative. La Infinity Ward nasce poi da una situazione molto simile, avvenuta ironia del destino proprio con la vecchia regina del male, ovvero Electronic Arts, per la quale West e Zampella crearono niente di meno che Medal of Honor, il Call of Duty del passato. Fuggiti dalle grinfie della Electronic Arts fondarono poi la Infinity Ward la quale oggi si ritrova nella stessa identica situazione. E secondo voi quante probabilità ci sono che il magico duo creerà il nuovo grande action game del futuro e Activision si ritroverà nel giro di qualche anno con un brand sgonfio come la EA con Medal Of Honor? Ma sopratutto perchè mai nessuno impara dagli errori del passato? Il gradino più alto del podio obnubila la mente, ci sono milioni di prove al riguardo.

TRE NUOVI CALL OF DUTY
Mentre l’ultimo Modern Warfare attende l’arrivo del primo dei due “pacchetti mappe” previsti la Treyarch sta lavorando febbrilmente a Call of Duty 6 (o Call of Duty 7 se HMX_logo_vectorcontiamo Modern Warfare 2), in arrivo entro la fine dell’anno e da quanto si mormora ambientato in Vietnam. Oggi apprendiamo che non solo la Sledgehammer Games (fondata da molti esuli del progetto Dead Space) si appresta a lavorare a uno spin-off che dovrebbe persino esplorare nuovi generi ma che nel 2011 ci sarà con o senza il prossimo gioco della Infinity Ward, un terzo progetto marchiato Call of Duty e affidato a non sappiamo ancora quale software house. Una bulimia senza freni che ha già danneggiato il mercato dei giochi musicali e di conseguenza l’altra grande serie in mano ad Activision, quel Guitar Hero che esattamente come Tony Hawk si ritrova senza gli sviluppatori originali, macellati lungo le estenuanti riorganizzazioni interne imposte anche dalla crisi. Niente più Neversoft, niente più Infinity Ward ma sopratutto nessun nuovo IP di rilievo, Activision si ritrova ora in una posizione che si regge solo ed esclusivamente sul guadagno da arcipelago tropicale di World of Warcraft, brand Blizzard tra l’altro, proprio quei poveri scemi che ci mettono cinque anni per fare un gioco.

Per aiutare qualcuno che si ama non lo si finisce con un colpo di pistola. Inside The Game invita coloro che vorranno commentare sull’argomento a non offendere nomi o marchi, ma piuttosto ricordare ai dirigenti di oggi tutti i giochi che hanno fatto grande Activision e di cui siamo stati diretti protagonisti. Non possiamo certo dimenticarci di Vigilante8, Alter Ego, Interstate ’76, Hyperblade, Mechwarrior, Pitfall!, River Raid, non possiamo farlo ora!

Questo post è stato scritto da:

- ha scritto 112 articoli su Inside The Game.

Contatta l'autore

Commenti

Commenti

9 Di risposte a “La Infinity Ward si spacca mentre Activision prepara tre nuovi Call of Duty! [L’inizio della fine o la fine dell’inizio?]”

  1. Killy77 scrive:

    Io sono dell’idea che il destino di Activision e degli studi come IW sia solo nelle mani dei consumatori. Starà a loro promuovere o bocciare queste politiche economiche, comprando o non comprando un prodotto. Se lo comprano avverrà anche di peggio, se non comprano allora danno un segnale forte a tutti e francamente sarebbe un bene.

  2. Purtroppo però troppi giocatori comprano guardando la scatola. Quanti riusciranno a ignorare la super promozione che questo autunno ci colpirà per l’ennesimo COD by Treyarch?
    Pochissimi.
    Quindi contineranno a sfornare cloni su cloni fino al vomito, come è sempre stato con le “manie” dei vari generi (basti pensare all’età d’oro dei picchiaduro…)
    Il consumatore è parte del problema :D

  3. Daunt scrive:

    il consumatore non ha il potere di cambiare le cose, i numeri in ballo sono troppi. Chi può fare qualcosa è semplicemente una software house concorrente. Una qualsiasi, che tira fuori un gioco qualsiasi che fa breccia e rende il franchise clonato obsoleto. Senza le menti che hanno generato il franchise, la software house non può rispondere che con altri cloni, che segneranno il declino.

  4. Fucktotum scrive:

    d’accordo, ma evitare di comprare roba come CoD WaW o l’ennesimo Guitar Hero forse una bottarella gliela darebbe pure.
    Non hanno paura perchè sanno che l’utenza è facilmente plasmabile, con un trailer d’effetto e tanta, tanta pubblicità.
    Poi è chiaro che il declino non possa che essere inevitabile, soprattutto per tutti i progetti/fotocopie che perdono i loro creatori a vantaggio di gente meno competente.
    E’ però altrettanto vero che se fanno un escremento su bluray e ci scrivono sopra Call of Duty 7: Shit at War, di sicuro vende a pacchi!!!
    Ognuno facesse il suo, supportando sempre ciò che vale e ignorando le copie carbone!! ;)

  5. ViewtifulMax scrive:

    Quoto Fucktotum in tutto.
    Un mio amico s’è recuperato tutti (e dico proprio tutti) i Call of Duty per puro collezionismo.
    E comprerà sicuramente anche il prossimo per finire la collezione e fa la stessa cosa con Guitar Hero.
    Personalmente non amo particolarmente le serie, ma non è questo il punto.

    Sarà che sono un “vecchia scuola”, sarà che (tra le mie conoscenze) sono quello che gioca da più tempo, ma tendo a non fidarmi troppo del brand annuale.

    Come ho letto su un altro sito, alla fine il cliente si stanca, non compra più e il nuovo “fenomeno di massa” diventa quel genere/titolo che nessuno si sarebbe aspettato, un po’ come successe ormai dieci anni fa con un FPS su una console (Halo anyone?).

  6. Ronin scrive:

    E’ veramente triste, ma del resto sono molte le società che arrivate al culmine iniziano a commettere errori su errori.
    Comunque da gamer, vi dico anche che poco mi frega e poco mi riguarda, tanto non abbiamo potere decisionale in merito (potrebbero fare dei sondaggi, che tanto non fanno..)e soprattutto la maggior parte di noi ha la scimmia per questi titoli, chi inevitabilmente continueremo a comprare e a giocare.

  7. Niki scrive:

    Che tristezza :S, non si salva mai nessuno

  8. Foxx scrive:

    andate tutti a fare in culo io a 33 anni e migliaia giochi giocati nn mi so mai piaciuti i sparatutto dopo Modern Warfare 2 nn riesco smettere

Trackbacks / Pingbacks


Rispondi