Categorie | COPERTINA, PS3, Recensioni, Wii, Xbox 360

Put your hands up! [Recensione Dj Hero]

Dj Hero

  • Piattaforma: PS3, PS2, XBox360, Wii
  • Publisher: Activision
  • Software House: FreeStyleGames
  • Put your hands up! [Recensione Dj Hero]

    Prima di cominciare a parlare del nuovo (si fa per dire, è uscito ad ottobre!) gioco musicale di Activision, vorrei fare una premessa… chi scrive e si appresta a recensire Dj Hero è un metallaro. E non un metallaro della Domenica, no… un metallaro doc, di quelli che ascoltano praticamente solo musica metal, a parte qualche rara eccezione di apertura ad altri generi musicali! E allora perchè un metallaro dovrebbe valutare un gioco con musica prevalentemente dance, techno ed elettronica? Beh…. la risposta è semplice: perchè Dj Hero è una figata mostruosa!

    Ma andiamo con ordine. Il gioco si apre con un tutorial un tantino irritante ma utilissimo sul funzionamento del controller creato ad hoc per il titolo in questione, ed effettivamente di azioni da compiere ce ne sono tantissime! Finito il tutorial si passa al gioco vero e proprio, ma in Dj Hero non troviamo alcuna modalità storia o carriera che dir si voglia, solamente tanti concerti in cui esibirsi, tante location (alcune davvero esaltanti come Time Square) e soprattutto tanti, tantissimi Dj da utilizzare! Ogni brano mette a disposizione del giocatore cinque stelline da collezionare (in base alla quantità di punti  effettuati),  e proprio dall’ottenimento di queste stelline dipende il sistema di rilascio degli Extra, che possono consistere in nuovi pezzi, nuovi vestiti per i personaggi, nuovi strumenti e chi più ne ha più ne metta! C’è davvero tantissimo da sbloccare, e proseguendo nel gioco è possibile avere accesso ai Dj più famosi del mondo come personaggi giocabili (ragazzi, ci sono anche i Daft Punk!!!!!!!!) e ai loro Mix personalizzati, tutti davvero di ottima fattura.

    Parliamo proprio dei brani, secondo me il vero punto di forza di Dj Hero. Ho scoperto, nonostante la mia ignoranza in materia, che tutti i pezzi presenti in Dj Hero (ce ne sono 100 in tutto) sono dei mash up, ovvero miscele di due canzoni (anche appartenenti a generi diversi) mediante l’uso di campionatori. Ora, io sono un felice possessoe di tutti i Guitar Hero presenti sul mercato, ma mai avevo trovato in un gioco musicale una tracklist così completa e coinvolgente! Qui ce n’è davvero per tutti i gusti, si passa dall’Hip Hop (con Tupac, Jay-z ed Eminem) al Pop anni ’80 (i Queen, i Tears for Fears e molti altri), fino ad arrivare alla vera musica da discoteca  (Benny Benassi). Insomma, con tutti i generi musicali toccati, proprio non è possibile giocare a Dj Hero senza appassionarsi ad almeno una canzone! Per quanto mi riguarda ho trovato davvero geniale l’accostamento di “Shout” dei Tears for Fears con “Pjanoo” di Eric Prydz (che avevamo già apprezzato nel trailer di Gta The Ballad of Gay Tony), e ormai a casa mia non si sente altro da giorni.

    Passiamo ai comandi che, se da un lato prendono a piene mani dall’eredità lasciata dai vari Guitar Hero, dall’altro innovano profondamente creando il sistema di controllo più profondo mai realizzato in un gioco musicale. Il controller fornito con il gioco è composto da un piatto completamente ruotabile con tre pulsanti simili a quelli della chitarra, e un supporto che accoglie una manopola e una levetta. Su schermo saranno presenti tre linee ognuna dedicata ad un pulsante del piatto e contemporaneamente ad uno dei pezzi che compongono il mash up (ad esempio il blu corrisponde alla base, il verde alla traccia vocale e il rosso agli effetti). A questo punto le cose si complicano, perchè con la mano destra (ma c’è anche l’opzione per i mancini) dovremo premere i tasti al momento giusto come in un qualsiasi rhythm game, ma con la sinistra dovremo muovere la levetta in modo che i nostri movimenti seguano le linee su schermo che, a differenza dei vari Rock Band, non è sempre dritta, ma va a zig zag! Per quanto riguarda la manopola in alto invece, il suo utilizzo risulta più facoltativo rispetto agli altri controlli perchè si occupa principalmente della scelta di quali effetti inserire nel mash up. E non finisce qui! Infatti in alcuni frangenti i pulsanti da premere sul piatto avranno una forma particolare e il giocatore, nel fomento più assoluto, oltre a premerli dovrà anche mimare un vero e proprio scratch! In tutta questa marea di comandi, gli sviluppatori hanno pensato bene di inserire anche due possibilità extra per tutti gli aspiranti Dj domestici: l’Euforia e il Rewind. L’Euforia altro non è che lo Star Power di Guitar Hero e funziona esattamente allo stesso modo; il Rewind invece è un’abilità che si sblocca eseguendo determinate sezioni perfettamente e permette, con un rapido giro di piatto, di riavvolgere parte della canzone e ottenere un ulteriore moltiplicatore di punti. Ovviamente detto in questo modo potrebbe risultare davvero complicato, ma vi assicuro che, una volta terminato il tutorial, avrete tutto il necessario per fiondarvi anche sulle canzoni più difficili senza problemi. Altra novità che mi ha positivamente colpito è stata l’eliminazione del possibile fallimento di un brano, mi spiego: in Dj Hero non fallirete mai nessun concerto, semplicemente sbagliando o toccando i tasti in maniera errata azzererete il moltiplicatore e non raccoglierete stelline, ma l’esecuzione del brano non sarà in nessun modo interrotta dandovi la possibilità di provare e riprovare senza dover ogni volta innervosirsi quando il gioco interrompe l’esibizione.

    DJ-Hero-Controller

    Sono stati inseriti diversi livelli di difficoltà e possiamo affermare fin da subito che sono tutti molto più semplici di quelli presenti in Guitar Hero, motivo per cui il sottoscritto (che con la chitarra riusciva ad eseguire i pezzi a difficile) dopo sole 48 ore di gioco si trova fisso a livello esperto con percentuali di completamento  pari all’85 % di media! Questa faccenda dei diversi livelli di difficoltà, se da una parte rende il gioco più accessibile  a tutti, da un’altra contribuisce a rendere l’esperienza per chi gioca a normale o addirittura ad un livello inferiore estremamente noiosa, perchè si percepisce chiaramente che Dj Hero manda avanti il pezzo senza troppa collaborazione da parte dell’utente… discorso a parte invece per le difficoltà superiori, dal momento che l’incredibile quantità di azioni da compiere e la relativa facilità di apprendimento delle stesse, rendono l’esecuzione di un mash up una vera e propria scarica di adrenalina da gustarsi con il volume a palla (meglio ancora se siete provvisti di un impianto sorround).

    Per quanto possa amare questo titolo ci sono piccole sbavature che fanno comunque storcere il naso, e la maggior parte di esse fanno riferimento proprio ai contenuti scaricabili che il gioco prevede: non è presente uno store come per i Guitar Hero ma ci sono pacchetti aggiuntivi acquistabili solamente dal marketplace (o psn store che dir si voglia) a prezzi secondo me troppo alti! Ci sono infatti solo due DLC, uno dedicato a David Guetta e l’altro a Eminem e Jay-z, ognuno dei quali provvisto di soli quattro brani al prezzo complessivo di circa 8 euro…insomma non è lo standard suntuoso cui siamo stati abituati dagli ultimi Guitar Hero e soprattutto Rock Band in cui lo store interno al gioco diviene un vero e proprio jukebox virtuale che rende il titolo praticamente infinito e sempre nuovo! Insomma in una produzione del calibro di Dj Hero la mancanza di uno store si fa sentire e anche parecchio, tanto che sul finale alcune basi sono ripetute e incastrate in diversi mash up, quindi perchè non inserire periodicamente nuovi titoli scaricabili (e di licenze ne avrebbero a bizzeffe, pensate solo ad un DLC con i successi dei Daft Punk!) o nuove proposte per allungare la vita del gioco?.

    Per il resto Dj Hero si merita a mio parere la palma del miglior gioco musicale presente sul mercato, dato che riesce a coinvolgere e divertire grazie ad un sistema di controllo stellare e una tracklist da capogiro! Se ci aggiungete che proprio in questi giorni il prezzo ufficiale è stato abbassato da 110 Euro (199 Euro per la Renegade Edition che contiene i DLC e un supporto per il controller) al ben più abbordabile costo di 59 Euro (99 Euro per la Renegade), capirete che Dj Hero è davvero il re dei rhythm game unendo allo stesso tempo divertimento senza pari e una profondità di gioco davvero rara in questo periodo! Vi saluto, e vi lascio un ricordino proprio qui sotto, che spero possa convincervi ancora di più della validità delle tracce presenti…. I like to move it move it! (…qualcuno ha detto re Julien???).

    Inside The Game

    • La migliore tracklist in un rhythm game
    • Controlli profondi e reattivi
    • Atmosfera entusiasmante

    Outside The Game

    • Bilanciamento non sempre perfetto della difficoltà
    • Mancanza di uno store interno
    Voto:

    Da non perdere

    Come valutiamo i giochi

    Questo post è stato scritto da:

    - ha scritto 351 articoli su Inside The Game.

    Contatta l'autore

    Commenti

    Commenti

    Rispondi