Categorie | Classifiche, COPERTINA

The League Of Unextraordinary Gentlemen [Classifica – Top 10 eroi per caso dei videogiochi]

The League Of Unextraordinary Gentlemen [Classifica – Top 10 eroi per caso dei videogiochi]

In un mondo popolato da intrepidi cacciatori di demoni, prorompenti eroine dal grilletto facile e guerrieri dai sacri poteri, parrebbe davvero non esserci spazio alcuno per il caro, vecchio Normal Man. Relegato talvolta a meri ruoli da comprimario e molto più spesso a stolido agnello sacrificale da immolare all’altare del crimine virtuale, il classico impiegato del catasto, quello che nella vita di tutti i giorni potrebbe essere persino nostro padre, trova in effetti nel videogame la più ignobile delle forche caudine.

Eppure, tra la moltitudine di uomini qualsisasi che vengono travolti ora da micidiali epidemie, ora da bizzarre mutazioni, ora da assatanati signori del male con l’occhio sanguigno, si nasconde una strenua rappresentanza di Eroi per Caso: semplici persone con la p minuscola che, complice l’intuizione di qualche buon soggettista stanco morto dei cliché, si ritrovano a vivere da protagonisti quel famoso “giorno di ordinaria follia” di cui sarebbero dovuti esser soltanto vittima.

La cosa buffa è che, in barba ai Marcus Fenix, ai Solid Snake e alle poppute Mrs. Croft, molti di loro hanno saputo regalarci alcune delle migliori esperienze videoludiche mai vissute, ed è proprio per questo motivo che Inside The Game ha deciso di celebrali nel più “average” degli special mai creati: la Top 10!

… Lasciate dunque spade magiche, super poteri, muscoli guizzanti e dissenati arsenali fuori dalla porta ragazzi: per una volta, che a parlare siano soltanto diplomi, occhiali a doppio fondo, eiaculazione precoce e abiti casual

1. GORDON FREEMAN Half Life

Fisico Teorico nato a Seattle, impiegato della Black Mesa Research Facility. Capello alla Doctor House, occhiali degni di Woody Allen, il pizzetto del 38enne medio: più che una  look-choice, una necessità volta magari a coprire un abbozzo di doppio mento. Nella sua stanza, da piccolo, non c’erano i poster di Rambo, bensì le gigantografie di Albert Einstein e Stephen Hawking. Nessuno avrebbe sospettato che dietro quel suo immacolato camice si nascondessero coraggio da leoni e attribuiti siffrediani.”

2. LESTER KNIGHT CHAYKIN Another World

Fisico Nucleare fresco fresco di Laurea allo MIT. Un’anonima T-Shirt blu notte, il pantalaccio della domenica pomeriggio, due sneakers ai piedi. Sulla Terra sarebbe stato il cassico tipo sulle cui spalle avremmo appiccicato il foglietto “kick-me”, nell’Altro Mondo avrebbe invece avuto occasione di assurgere al rango di eroe, trasformando la sua pavida fuga in una mirabolante insurrezione planetaria…”

3. ALAN WAKE Alan Wake

“Lo Stephen King del nuovo millennio gigioneggia in TV, firma best seller da Oscar Mondadori e con l’alibi del “Blocco dello Scrittore”  si concede una placida vacanza a Bright Falls. Piuttosto che favorire il ritrovamento della perduta  intimità sessuale tra lui e la sua compagna, il viaggio assume tuttavia connotati Lynchiani… E al principe delle librerie newyorkesi non resta che reinventarsi  indagatore dell’incubo.”

4. ETHAN MARS Heavy Rain

“Marito e padre più o meno ideale, l’architetto più bagnato del globo  avrebbe senz’altro fatto la sua porca figura all’interno del cast di Un Medico in Famiglia. Vittima di un soggettista senza scrupoli, si è invece ritrovato a far da Main Character nella versione noir del La Stanza del Figlio. Piuttosto che ridursi a vestire i panni di un qualsiasi Nanni Moretti dei poligoni, il nostro preferisce però giocarsi la carta del riscatto, pagandone ovviamente il fio. Provateci voi a lavarvi i denti col Sixaxis…”

5. ZAK MCKRACKEN Zak McKracken and the Aliens Mindbenders

“La piovosa Seattle, tutti lo sanno, è diventata famosa per due sole cose: il Grunge e Zak McKracken. Mettendo per il momento da parte Layne Staley, Cobain e i Motherlove Bone, ci limitiamo a tessere le lodi di quest’ultimo: giornalista schizzato (e diciamolo forse anche un po’ tonto) disposto a girare mondo e sistema solare in maniche di camicia pur di dare un significato al sogno che ha fatto dopo la peperonata del venerdì sera.”

6. LARRY LAFFER Leisure Suit

“Essere un eroe vuol dire cimentarsi in imprese spesso impossibili, il cui compimento implica altrettanto di frequente  il sacrificio finale. Nel caso di Larry, tutto ciò si riflette nel costante, disperato tentativo  di infilarsi negli slip di ogni donna procace che incontra: cosa che, con quel riporto a gatto morto sul cranio e la statura di un pigmeo, è ben al di là della sua portata. Alla luce di tutto ciò, i suoi successi non valgono certo di meno rispetto a quelli ottenuti da un qualsiasi Master Chief.”

7. GEORGE STOBBART Broken Sword

Avvocato, latinista, mechato. George Stobbart sembra Ken di Barbie e di certo nessuno ce lo ha mai visto con un Kalashnikov in braccio a fare secchi i Talebani. Stando a quanto narrato in quel di Broken Sword, la mediazione di quest’anonimo belloccio californiano avrebbe tuttavia salvato le nostre misere vite in più di un’occasione, scongiurando catastrofi metafisiche mica da ridere. Da qui il sospetto che nel dicembre del 2012 ci servirà più uno come lui che un semplice Marine Spaziale armato fino ai denti.”

8. KATE WALKER Syberia

Avvocatessa newyorkese dal look alquanto snob, Kate Walker viveva delle soddisfazioni garantitele dal lavoro di rappresentanza che la legava ad un noto produttore di giocattoli… E c’è da scommettere che mai e poi mai avrebbe pensato di ritrovarsi a vestire i panni dell’eroina videoludica. Pur non facendo ricorso ad armi sofisticate e capriole varie, la tipa riuscì in ogni caso a rivestire questo ruolo con una certa classe, dimostrando a tutti che per avere successo in questo business non occorre esporre necessariamente le proprie protuberanze mammarie.”

9. JAMES SUNDERLAND Silent Hill 2

“Onde beneficiare del pathos garantito  dal supporto di protagonisti tanto ordinari da regalare agli spettatori l’irresistibile brivido della precarietà, Silent Hill ha sempre fatto dell’Uomo Medio il suo cavallo di battaglia. Tra i vari Average-Joe avvicendatisi alle redini del franchise, il super vedovo James Sunderland resta senza dubbio il più memorabile, altro non fosse che per la disponibilità di pics a tema in quel di  Google Immagini. Liberissimi in ogni caso di sostituirlo con lo sgranatissimo Harry Mason.”

10. FRANK WEST Dead Rising

“Con una stazza del genere, Frank West non avrebbe di certo sfigurato in un main event UFC e magari avrebbe anche messo a nanna Minotauro Nogueira se solo gliel’avessero permesso… Eppure, il tizio in questione altro non era che un semplice foto-reporter interessato a catturare con la sua fida Nikon gli strambi siparietti della non-morte verificatisi per le vie della placida cittadina di Williamette. Il resto, come sapete, fu una Battle Royale a sfondo Hardcore…”

Questo post è stato scritto da:

- ha scritto 37 articoli su Inside The Game.

Contatta l'autore

Commenti

Commenti

9 Di risposte a “The League Of Unextraordinary Gentlemen [Classifica – Top 10 eroi per caso dei videogiochi]”

  1. Bellissima classifica! Scontato il primo posto… :) Forse Frank West poteva meritarsi qualche posizione in più ma solo perchè il gioco in cui è il protagonista è un capolavoro. Gli altri sono effettivamente più mitici.

    Una domanda su Larry: ma non era un investigatore? Cioè, come giustifichi la sua presenza ad “eroe improbabile”? ;) Semplicemente perchè… è improbabile? ;)

  2. Devo dire che gli eroi improbabili sono spesso indimenticabili, però su di me fanno più colpo i duri, puri e stereotipati.
    E’ quest’adolescenza che non riesco a togliermi di dosso :)

  3. Pinuzzo85 scrive:

    ETHAN MARS FOREVER!!!

    al secondo posto frank west :D

  4. Dado Dido scrive:

    Per me manca Tim di Braid…

  5. Killy77 scrive:

    LESTER KNIGHT CHAYKIN di Another World al secondo posto? Ma stiamo scherzando? Non se lo merita affatto, ci sono personaggi che hanno fatto molto di più anche solo in termini quantitativi.

  6. It’s only rock’n roll eh! E poi… magari altri avranno fatto anche di più… ma quanti di loro possono dire di essere stati i protagonisti di Another World? :)

  7. Alessandro scrive:

    secondo me, manca il protagonista di Farenheit… :)

  8. Ma infondo questo è il bello delle classifiche: ci manca sempre qualcuno… Sai quanti altri ce n’avrei messi io? Roba da riempire una Top 100 :D

  9. DarkAlexander scrive:

    Veramente una bellissima classifica! :)

Trackbacks / Pingbacks


Rispondi