Anteprima Donkey Kong Country Returns [due scimmie, una banana e un rinoceronte..]

Anteprima Donkey Kong Country Returns [due scimmie, una banana e un rinoceronte..]

Quello che state per leggere è un piccolo, ma sentito viaggio nei ricordi. I ricordi di un videogiocatore, di un Nintendaro convinto. In più di venti anni i pad che mi sono passati tra le mani sono tantissimi, ma quello che più mi è rimasto nel cuore è sicuramente il controller del Super Nintendo (o SNES), con i suoi pulsantoni colorati e tanti, troppi pixel da controllare. Forse nei primi anni ’90 non potevo ancora definirmi un giocatore esperto, e la portata storica di determinati titoli mi era ancora ignota. Ero assolutamente inconsapevole di cosa rappresentassero un Super Mario World, uno Zelda qualsiasi o Donkey Kong: contava il divertimento ed io contavo i giorni che mancavano dalla promessa di acquisto di un nuovo titolo da parte dei miei genitori.

Oggi, a 25 anni suonati, le cose non sono poi tanto diverse. Lo stesso entusiasmo mi colora il volto ad ogni nuovo video di The Legend of Zelda, la stessa sensazione di attesa e stupore per le prime immagini di un nuovo capitolo del gorillone Nintendo, quello a cui la Rare di un tempo, una Rare che purtroppo non esiste più, portò a nuovi livelli di perfezione in ambito platform. Genere che in questa generazione ha trovato inaspettatamente nuova fioritura, come un vecchio amico perso di vista da fin troppo tempo.

L’evoluzione della specie

Parlare di Donkey Kong Returns rappresenta proprio questo: il ritorno di un vecchio amico. Un ritorno talmente gradito e inatteso da lasciarmi senza fiato durante la presentazione all’E3 di quest’anno. Guardare un video della nuova, ma nostalgica, incarnazione di Donkey significa spaziare tra i ricordi e immergersi nuovamente in un titolo che già anni fa rappresentava un’esperienza audiovisiva eccezionale.

A questo giro, con lo sviluppo in mano ai talentuosi Retro Studios (già autori della serie Metroid Prime su GameCube prima e Wii poi), il ritorno di Donkey Kong è un omaggio ai titoli originali e alla tradizione, ma rappresenta allo stesso tempo un’evoluzione per quanto riguarda gameplay e controlli. I Retro hanno così l’ingrato compito di dare vita al miglior Donkey Kong mai creato (per citare le esatte parole proferite da Sua Maestà Shigeru Miyamoto). Donkey Kong Country Returns si presenta infatti come un grandioso ritorno alle origini, per un videogame capace di conquistare i giocatori di nuovo corso e di entusiasmare i fan di lunga data. Si, perchè a fronte di un sistema di controllo del tutto diverso, l’atmosfera di un tempo è rimasta immutata, tra banane disseminate ovunque, le scimmiesche e un po’ goffe animazioni dello stesso Donkey e il bastardissimo level design originale (alla faccia dell’eccessiva semplificazione dei titoli attuali).  Così come la realizzazione tecnica contribuisce ad amplificare la già forte familiarità del titolo, caratterizzando quello che, senza esagerazioni, si può già definire uno dei migliori titoli per Wii da un punto di vista squisitamente grafico.

Come si sbuccia una banana?!

In un contesto fortemente ancorato al passato e alle meritate e dovute citazioni dei titoli dell’era SNES, un elemento spicca per originalità ed innovazione: il sistema di controllo! Shakerando alternativamente Wiimote e Nunchuck, la palla di pelo Nintendo potrà performare una violenta percussione sul terreno, che ricorda da vicino i movimenti di bongo dell’esperimento per Cubo Jungle Beat, e che sfrutta alla perfezione le possibilità offerte dalla piccola home console di Kyoto. Naturalmente anche l’interazione con l’ambiente sarà piuttosto ricca, in quanto picchiando a terra non ci si limita a stordire gli avversari nelle vicinanze ma è possibile anche rompere superfici e rivelare parti di fondale nascoste, il tutto ad un ritmo molto serrato. Qualche dubbio infatti mi è sorto considerando i ritmi adrenalinici tipici della serie e le meccaniche dei motion controller.. Ma questo andrà valutato per ben sul campo il prossimo 21 Novembre! ;)

Two monkeys is megl’ che one!

Quando si parla di DK, non ci si può certo permettere di dimenticare il piccolo Diddy. Anche in questo capitolo firmato Retro la componente multiplayer la farà infatti da padrona. La collaborazione tra i due gorilla è fondamentale sia per sconfiggere i nemici che ci si pareranno davanti, sia per la risoluzione di semplici puzzle. Il piccolo Diddy potrà salire sulle spalle di Donkey, sfruttandone slancio e spinta o soltanto le più lente, ma possenti capacità di movimento. Ma piccolo non significa sempre più debole e Diddy è pronto a dimostrarlo, grazie ad un armamentario di tutto rispetto, fatto di jatpack, pistole caricate ad arachidi e noci di cocco ed una velocità di movimento sconosciuta al più goffo zio. Novità di questo Returns è la possibilità di affrontare assieme ad un amico l’intera avventura in coop, abbandonando la soluzione dei titoli precedenti in cui lo stesso giocatore doveva utilizzare alternativamente i due personaggi. Per tutti coloro che invece si stanno chiedendo che fine abbiano fatto gli amici animali di DK, non c’è di che disperare. Torneranno sicuramente, primo fra tutti Rambi, il rinoceronte casinista già apparso nei precedenti capitoli della serie. Largo allora ad un nerdoso e giunglesco entusiasmo!

Dalle avventure spaziali alle banane il passo potrebbe essere alquanto rischioso, ma i Retro Studios hanno tutte le intenzioni di fare centro ancora una volta, regalandoci un mese dei Morti più vivo che mai e un nuovo must buy per chiunque possieda un Nintendo Wii! ;)


Questo post è stato scritto da:

- ha scritto 1691 articoli su Inside The Game.

Contatta l'autore

Commenti

Commenti

3 Di risposte a “Anteprima Donkey Kong Country Returns [due scimmie, una banana e un rinoceronte..]”

  1. brema82 scrive:

    Bella preview Dexter!
    Il Ritorno di DK mi ha messo addosso un hype incredibile, tanto da metterlo in cima alla lista dei titoli da acquistare nel corso della stagione natalizia.

    Bella prova per i ragazzi di Retro tra l’altro, che centrando in pieno un grande risultato dimostrerebbero un eclettismo degno di nota.

  2. Grazie brema, ci ho messo tutta la passione possibile. Questo “vecchio” cuore è a forma di grande N! :D

  3. Xenorik scrive:

    Assolutamente il mio gioco in cima alla lista dei most wanted.

    I DKC su snes sono tra i giochi a cui sono più affezionato in assoluto, reputo DKC2 uno dei giochi più vicini alla perfezione mai realizzati.

    Attendo con trepidazione…

Trackbacks / Pingbacks


Rispondi