Categorie | GamingPolitics, Opinioni

Cuba insorge contro Activision e gli U.S.A. [polemica assassinio Fidel Castro in Call of Duty: Black Ops]

Cuba insorge contro Activision e gli U.S.A. [polemica assassinio Fidel Castro in Call of Duty: Black Ops]

Per quanto basata su eventi storici reali, la saga di Call of Duty si è sempre contraddistinta per l’ approccio altamente romanzato e spettacolare. Se i territori della Seconda Guerra Mondiale consentivano agli sceneggiatori di muoversi con una certa libertà, le digressioni più moderne del franchise stanno invece dando loro qualche grattacapo: la dove in Modern Warfare 2 fu la famigerata missione “No Russians” a far discutere aspramente, l’odierno Black Ops mette in campo una versione dell’ Invasione Cubana presso la Baia dei Porci (1961) in cui il giocatore assassina Fidel Castro. Gli esiti potete vederli nel video in alto, con rischio di spoiler per coloro che non hanno ancora provato il gioco.

Prevedibilmente, la reazione del governo cubano è stata immediata ed è giunta attraverso il sito statale Cubadebate, dove si accusano gli Stati Uniti di perpetrare del terrorismo mediatico. Ecco il testo tratto dall’ articolo in esame

“Questo nuovo videogioco è doppiamente perverso. Da un lato glorifica i tentativi di assassinio perpetrati dal governo statunitense contro il leader Cubano… e dall’altro, stimola attitudini sociopatiche nei giovani e giovanissimi Nordamericani. Ciò che gli Stati Uniti non sono riusciti a compiere in oltre 50 anni, lo sperimentano virtualmente.”

Lo scritto prosegue puntando il dito contro prodotti come The Warriors e GTA San Andreas (quest’ultimo accusato di essere la causa diretta di un omicidio in Alabama), specificando come sociologi e studiosi associno al videogioco la possibilità di vestire attivamente i panni di un assassino. Aldilà del qualunquismo insito in questi particolari riferimenti, la faccenda è davvero delicata ed il rischio di desensibilizzare ulteriormente la gioventù americana verso le responsabilità storiche della propria nazione non è poi così astratto. 

Potremmo obiettare dicendo che Black Ops è un’opera di fantapolitica, che un episodio è stato estratto e decontestualizzato allo scopo di creare un vespaio, o che se davvero Treyarch ed Activision avessero voluto dare al loro prodotto una valenza anticubana, probabilmente non avrebbero giustificato la modalità Zombies del gioco con una richiesta d’aiuto di Kennedy e McNamara all’indirizzo del Lider Maximo. Ma se le proteste del pubblico americano hanno portato alla rimozione dei Talebani in Medal of Honor (v. l’articolo “Medal of Honor è ancora bandito dalle caserme USA“), per quale motivo i cittadini cubani non dovrebbero indignarsi nel vedere assassinato il loro leader, tra l’altro ancora vivo e vegeto?

La vostra opinione, come sempre, ci interessa davvero. Pertanto vi invitiamo ad esprimere un parere tra i commenti in basso o contibuire al thread ufficiale di Call of Duty: Black Ops presso il forum di ITG.

Questo post è stato scritto da:

- ha scritto 3648 articoli su Inside The Game.

Contatta l'autore

Commenti

Commenti

8 Di risposte a “Cuba insorge contro Activision e gli U.S.A. [polemica assassinio Fidel Castro in Call of Duty: Black Ops]”

  1. Alucard scrive:

    Mah, per lo meno gli americani riusciranno ad ammazzarlo in COD, visto che nella realtà hanno toppato più volte.

  2. Dollmasterz scrive:

    in ogni caso nel gioco si ammazza il sosia di castro, tanto che poi il vero fidel è vivo e vegeto (niente spoiler, parliamo sempre del primo livello)!

  3. Marco "Strider Hiryu" Tinè scrive:

    Conoscete l’aneddoto dell’ex amante di Castro? Si racconta che gli americani la assoldarono per sedurlo nuovamente ed assassinarlo nella sua camera da letto. Nel momento fatidico, quando Castro si accorse di tutto, offrì lui stesso la pistola alla donna chiedendole di sparargli. Lei abbassò l’arma.

    Quest’uomo è veramente immortale.

  4. raz3r scrive:

    Piccola precisazione, NON LEGGETE SE NON VOLETE ROVINARVI LA SORPRESA FINALE SPOILER, alla fine della campagna c’è una missione bonus (che poi è una mappa zombie giocabile in multiplayer) in cui ci sono proprio Kennedy, Castro, Nixon e non ricordo chi altro che devono combattere una invasione di zombie alla casa bianca. L’inizio è piuttosto ironico e mostra i quattro presidenti quasi come amici, penso proprio per ironizzare su tutto quanto visto nella campagna.

  5. Pinuzzo85 scrive:

    solita furbata dei programmatori per fare parlare del gioco :D

  6. rastasoul86 scrive:

    comunque la rappresentazione di castro all’inizio del gioco non è sicuramente delle più felici….è vero che la missione zombie cerca di mettere una pezza su quanto visto, però non ci riesce pienamente. Questo vale anche per i russi sia chiaro….

  7. Strider Hiryu scrive:

    @ raz3r: la “sorpresa” della modalità Zombies era stata spoilerata da Activision stessa poche settimane prima dell’uscita del gioco.

  8. dOz scrive:

    Concordo con Pinuzzo.

    Visto che quelli di IA son riusciti a far parlare di se per via dei Russi, perchè Treyarch non può provarci coi Cubani ?

Trackbacks / Pingbacks


Rispondi