Categorie | Curiosità, Tempo Libero

Il governo australiano e l’introduzione del rating 18+ [proposta Brendan O’Connor per rating 18+]

Il governo australiano e l’introduzione del rating 18+ [proposta Brendan O’Connor per rating 18+]

Ottime notizie per gli amici della terra dei canguri, da sempre costretti a giocare titoli censurati o a non averli affatto! Il governo australiano tornerà infatti a discutere sull’introduzione del rating 18+ per i videogiochi. In Australia infatti non vi sono rating più alti del 15, portando quindi molti giochi a non essere rilasciati sul mercato o a essere brutalmente censurati per i ragazzi che superino i 15 anni di età.

La proposta è stata lanciata dal ministro degli affari interni e della giustizia Brendan O’Connor e il prossimo venerdi sarà discussa dai ministri, incrociamo le dita.

O’Connor dopotutto ha presentato una documentazione ben accurata  riguardo i cosiddetti giochi violenti, sottolineando che:

  • Non è dimostrato che i videogiochi violenti hanno un impatto negativo peggiore di altri media, come film o musica.
  • C’è una grossa evidenza di effetti a breve termine da parte dei videogiochi violenti, invece che effetti a lungo termine.
  • Alcune ricerche indicano che i videogiochi violenti possono sì essere nocivi a breve termine, ma questi studi non esplorano adeguatamente altri fattori come una personalità aggressiva, influenze sociali e familiari e lo status socioeconomico degli interessati.

“I bambini e gli adolescenti non dovrebbero essere esposti a sesso gratuito, violenza e temi adulti che possono essere trovati in alcuni videogiochi.” Scrive O’Connor, che crede fermamente nel fatto che l’introduzione del rating 18+ potrà precludere certi contenuti a coloro i quali non hanno ancor raggiunto l’età maggiore e al tempo stesso molti giochi non classificati potranno essere finalmente giocati dagli amici australiani.

Se tutto andrà bene quindi, molti giochi che per adesso hanno il rating 15+ verranno riesaminati e rilanciati sul mercato con il nuovo rating da 18+, facendo così felici i genitori, perché tutti i giochi violenti che ricadevano nel rating precedente, diventeranno vietati per gli adolescenti, e tutti gli adulti che finalmente potranno gustarsi giochi come Left for dead 2 senza censure.

Questo post è stato scritto da:

- ha scritto 293 articoli su Inside The Game.

Contatta l'autore

Commenti

Commenti

2 Di risposte a “Il governo australiano e l’introduzione del rating 18+ [proposta Brendan O’Connor per rating 18+]”

  1. Pinuzzo85 scrive:

    Benvenuti nel 2010 :D

  2. Marco "Strider Hiryu" Tinè scrive:

    Sulla questione delle censure, in realtà, non c’è ancora da festeggiare. O’Connor ha specificato che i giochi ad oggi bannati resteranno tali, quindi non c’è alcuna garanzia che anche il metodo di revisione dei contenuti cambierà. Tanto è vero che non appena il provvedimento sarà approvato (posto che si ottenga il consenso di tutti i territori del Commonwealth), il governo dovrà consultarsi con rappresentanti della gaming industry, organizzazioni cristiane e per la tutela dei minori onde stabilire le esatte modalità di applicazione del rating 18+: in quest’ ultima fase potrebbe succedere di tutto.

Trackbacks / Pingbacks


Rispondi