Categorie | GamingCulture, Opinioni

Sesso virtuale e videogiochi porno: Microsoft Kinect apre una nuova frontiera? [video NSFW]

Sesso virtuale e videogiochi porno: Microsoft Kinect apre una nuova frontiera? [video NSFW]

Uno degli articoli più letti su Inside The Game, almeno fino ad un anno fa, era il mio secondo post (quando ancora questo blog era semplicemente il mio spazio personale e non una rivista): quanto tira il porno? Poco nei videogame. Era il 21 Novembre 2007 e la mia teoria era semplice, così come la domanda del titolo del post. Come mai il porno non ha mai tirato “tanto” nei videogame? Nominatemi un tripla A porno o erotico… fate fatica vero? Forse in Giappone, il mercato degli Hentai, può permettersi di autodefinirsi “grande” (non credo) o quantomeno di dimensioni non trascurabili (già più probabile), ma in Europa e in America, a parte Leisure Suit Larry, c’è veramente poco o niente.

La mia teoria a riguardo potete leggerla nel post: i videogiochi porno non hanno mai tirato perchè non si possono fare entrambe le cose contemporaneamente. Si avete capito a che cosa mi riferisco… se hai in mano un joypad non puoi anche auto “sollazzarti” contemporaneamente. Meglio Youporn, a quel punto (o un vecchio VHS, per chi di voi fosse rimasto al paleolitico).

La crescita dei controller basati sul movimento e l’arrivo di Kinect… aprono però spazio ad una nuova era, forse, di videogiochi porno. A parte le censure di Microsoft come quella a Gal Gun e l’annuncio del colosso di Redmond relativo al fatto che titoli come quello che vedete in video non arriveranno MAI e poi MAI sulla sua console, considerata per famiglie, lo scenario, soprattutto su Personal Computer, non può che considerarsi interessante. Tanto, si sa, collegare Kinect ad un PC non è poi difficilissimo e, se non sarà Microsoft ad estendere la sua periferica ai non possessori di console, sarà qualcun altro a creare qualcosa di simile, “rubandosi” anche una fetta della torta.

Fatto sta che, con i controlli di movimento, il sesso virtuale e i videogiochi porno, potrebbero davvero vivere la loro “età dell’oro” e una prima giovinezza worldwide. Pensate ai tanti laidoni (si… ci sono in giro persone che non si accontentano di masturbarsi) che vorrebbero poter toccare e non solo guardare la propria pornostar preferita.

Le applicazioni sono innumerevoli e le possibilità infinite. Senza passare da bamboline virtuali fatte di poligoni, si potrebbero usare filmati reali registrati ad hoc con attrici vere, che si potrebbero distribuire a puntate via digital delivery… insomma, fossi il marketing manager di 3D Sex Games comincerei davvero ad abbattere questo “muro”, sottile come un irrinunciabile desiderio, che separa i videogiochi erotici o a sfondo pornografico, dal diventare prodotti di successo anche in occidente.

Questo post è stato scritto da:

- ha scritto 1298 articoli su Inside The Game.

Contatta l'autore

Commenti

Commenti

15 Di risposte a “Sesso virtuale e videogiochi porno: Microsoft Kinect apre una nuova frontiera? [video NSFW]”

  1. Master of Disguise scrive:

    Ma…inverosimilmente a quanto si possa pensare tu posti un topic a sfondo figaiolo XD…

    Ormai sei un Guru nel campo del sesso/videogiochi!!!

  2. ryohazuki84 scrive:

    mia al day-one qualsiasi cosa riguardante l’argomento

  3. Killy77 scrive:

    Io mi stupisco di come questi videogames non siano ancora sul mercato.

  4. Narayan scrive:

    i came..

  5. Hanamichi scrive:

    piuttosto triste…..tristissimo….. :(

  6. Anche io credo sia davvero triste… però non si può negare che potrebbe davvero aprire un mercato.

  7. Killy77 scrive:

    Secondo me sarebbe un bel business. Qualcuno si scandalizza ancora per i gadget e i giochini (fisici e non virtuali) erotici, ma si tratta di mercati ben sviluppati, senza considerare che anche per quanto riguarda la consegna dei prodotti, ormai le aziende sono più che all’avanguardia.

  8. Hanamichi scrive:

    secondo me invece rappresenterebbe una regressione in campo videoludico….

    Hanno/Abbiamo fatto tanto per ottenere il rispetto che meritiamo. Se prima i videogamers erano considerati babbei bambocciosi, oggi non dico che siamo “rispettati” quando diciamo che la nostra passione sono i videogame, però perlomeno possiamo sbattere in faccia alla gente titoli come Modern warfare 2 e black ops che hanno incassato piu di Avatar, possiamo finalmente dire che il videogame non è piu di nicchia, avrà anche una sua parte casualona e bimbominchiosa, però il videogame è ormai realtà, rispettato come lo è il cinema, come lo sono i libri. Possiamo (effettivamente,a pensarci) fregiarci di un Dante’s Inferno, una rivisitazione (molto libera) dell’inferno di Dante, della mitologia greca con God of war, di scenari post apocalittici in pieno stile hollywoodiano alla Fallout, o in scenari fantapolitici tra i giochi tom clancy e metal gear solid 4, quest’ultimo costato milioni di dollari di produzione….

    Abbiamo tante pecore nere su cui i critici possono ancora attaccarci… GTA4, Manhunt…però come ho già detto il mercato dei vg si è evoluto cosi tanto visivamente,artisticamente,qualitativamente parlando che sta diventando inattaccabile, e ripeto, oggi ammettere di giocare alla playstation è ben diverso dal dirlo che so, anche solo 10 anni fa. Siamo al pari di tutto e tutti…

    Aprire il mercato a minchiate simili,vuol dire veder nascere cloni, e cloni, e cloni, e se vende otterremo lo stesso percorso battuto dal wii, che ha ufficialmente aperto la strada ai giochi e ai giocatori casual, tra cooking mama e wii fit….

    Sarebbe meglio che giochi del genere siano negati,almeno ufficialmente, di modo che tutti gli sforzi fatti da designer,produttori,creatori di vg per portare il concetto di videogame su un altro livello (e Dio perdoni ad esempio chi affermi ancora oggi che “uncharted è un giochino”) non vadano persi…

    è umiliante vedere che dopo tanti anni di sforzi, rischiamo di venire additati nuovamente (nel caso il mercato di sti “simil porno” per console fiorisca) come bambocci occhialuti perditempo che poi rischiano di venire fraintesi se comprano un kinect…. immagina la situazione dopo che la tv ha rotto le palle per giorni per “lo scandalo gioco porno+kinect”… una ragazza ti vede comprare un kinect…o ammetti che a casa hai un kinect…. già li vedo tutti a ridere o a prenderti per il culo come accadeva 20 anni fa quando dicevi che adoravi final fantasy….

  9. Narayan scrive:

    Ahah srsly? Sto tizio ha creato una homebrew per palpare il seno a una gnocca 3D, sticazzi? Ottime capacità di programmazione bro!

    Ste cose non usciranno praticamente mai in produzione di massa, e anche se fosse? I videogiochi sono un mercato praticamente quasi saturo, ulteriore segmentazione non può che essere una cosa positiva, se non ti piace non lo prendi, as easy as that =\

    E poi basta con sti discorsi: ” Noi videogiocatori meritiamo il rispetto che ci spetta di diritto”, che siamo? Neri fuggiti dai campi di cotone che dopo 100 anni di soprusi vogliamo essere trattati al pari di tutti gli altri?
    Ok che alcuni esempi di videogiochi arrivano a livelli piuttosto alti artisticamente, ma è pur sempre mercato di massa finalizzato al cosumo eh.. Sennò ogni 3 mesi non staremmo qua a fapparci sulle charts di ogni console per vedere chi ha venduto di più.

    TL:DR Non siamo così diversi da chi legge un libro o si guarda un film (e qui ti quoto ma è ormai palese con l’avanzare delle generazioni), nessun bisogno di fare le vittime o peggio ancora gli illuminati, e più robe strane escono/usciranno meglio è (soprattutto se riguardano le bewbs)

    P.s. Killy ha capito bene di cosa si sta parlando

  10. Narayan scrive:

    Quella faccina ignobile era un TL: DR

  11. Dexter scrive:

    Quoto ogni virgola del discorso di Nara. E gli lecco la faccia deforme. *_*

    PS: festeggiamo il suo primo post ”serio”. :D

  12. Killy77 scrive:

    x Hanamichi

    anche il cinema, la letteratura, i fumetti, la pittura e anche altri tipi di arte, hanno le loro componenti erotiche e a volte anche porno. Per inciso i videogame porno esistono da tempo, solo che sono limitati all’ambito PC, ma vedrai che anche Apple se ne interesserà prima o poi.

  13. Hanamichi scrive:

    Non si tratta di vittimismo, ma ammettiamolo….perchè essere appassionati di videogiochi e di cinema vengono considerate cose cosi diverse?
    Perchè ad una tipa che ci piace non possiamo dirle “sono appassionato di videogames” sapendo che il risultato sarebbe “fuga della tipa” o “probabile stereotipo del bambinone”mentre “sono appassionato di cinema” otterremmo un probabile e sincero “davvero? Tipo?che film guardi?”

    Perchè se parlo di un libro la gente è interessata,ma se inizio la frase con “oggi ho giocato ad un videogioco, parla di…” la gente già ti guarda in modo strano?

    Suvvia, non possiamo non ammettere che il videogioco è ancora visto come una cosa per bambini, sarebbe come negare l’intolleranza e la fobia verso lo straniero creata attraverso continui servizi su “il tunisino ha ucciso, il magrebino ha ucciso, l’albanese ha violentato”…

    Io dico semplicemente che artisticamente siamo ormai a livelli altissimi di videogame, ogni gioco costa quanto e piu di un film,a lavorarci c’è un intero studio, è diventato un business certo, ma ormai dietro ogni videogame c’è un enorme “bestiario” di attori,doppiatori,artisti,musicisti ormai di fama mondiale,documentazioni originali utilizzate per creare una storia…. perchè passare al porno? chi ne ha bisogno? perchè arricchire (o impoverire, secondo il mio punto di vista) un campo (quello delle console) dedicato al videogiocare puro e semplice, ora arricchito (ora si) con trame da capogiro,intrighi,giocabilità stellare e grafica fantastica, con robetta che non farebbe arrapare manco un tizio di prima media? non si tratta di portare su console racconti,arte pornografica,letteratura erotica, o grafic novel sporcaccione, qui si tratta di toccare,interagire con qualcosa di…boh, di squallido, ecco perchè mi rifaccio al mio primo post “triste….tristissimo”… I NERD super infognati di vg, e dico quelli seriamente infognati,quelli che giocano 24 ore al giorno tutti i giorni,senza alcun altro interesse se non giocare-mangiare-dormire, senza ragazza, che spendono la vita fino a 40 a giocare supportati dai genitori,senza nulla…beh gli manca solo una cosa del genere per porre un ultimo chiodo sulla loro vita sociale e sulla loro possibilità di “accoppiarsi” sul serio….

    @Killy: sicuramente, ma quali di queste cose che hai citato è cosi “malata” da proporre di toccare il vuoto, o peggio ancora una ragazza virtuale? cioè,qui stiamo parlando di “sesso virtuale”, non di lettura della parola “caxxo in fixa”, o di un disegno con una tipa a 90…. qui parliamo di finta interazione con un qualcosa che non c’è, tastare il vuoto per tastare una tetta virtuale…a che pro? perchè? perchè per console? qual’è il vantaggio di un titolo simile? La letteratura da emozioni, il quadro stupisce…ma il finto sesso con un ammasso di poligoni è solo una deviazione, non è come il porno in se che è una visione dell’atto sessuale tra 2 persone, quindi tu terzo incomodo guardi e ti “fai”, e semmai ci fossero gli ormai conosciuti “POV”, è pur sempre un video,lo sai,non interagisci XD Ma a mio avviso ciò che è stato mostrato qui (e a quanto pare viene difeso, e potenzialmente acquistato dal nostro Ryo XD ) è solo una deviazione…

  14. Hanamichi scrive:

    Per inciso,otterremmo tanti di quei matrimoni “uomo-console” che (spero) saremo qui a riderci su, come è successo tempo fa….in caso diventi la normalità,beh,io resterò dell’idea che preferisco rischiare di prendermi un pugno reale tastando un seno vero, che star li di fronte ad una camera a tastare il vuoto… bah…. giuro che stavolta non vi capisco…

Trackbacks / Pingbacks


Rispondi