I 10 giochi più sottovalutati della presente generazione di console [sondaggio – classifica]

I 10 giochi più sottovalutati della presente generazione di console [sondaggio – classifica]

Ogni tanto, Inside The Game, sbaglia. E questo è normale. L’anormalità, dico io, è quella di non nascondere i propri errori ma anzi di metterli in piazza, come sto facendo io, provando a dimostare che quell’onestà di cui la nostra pagina about parla non è solo presunta ma anche vera. E vi potrei giurare e assicurare che lo è e lo sarà sempre; è il nostro modo di dire grazie ai nostri lettori: scrivere con trasparenza!

Ma… vi starete chiedendo “Cosa ha sbagliato la mia redazione preferita?”. Ha sbagliato nel proporvi un sondaggio (quello che vedrete qui sotto) che non vi è tanto piaciuto visto che ha ricevuto un totale di soli 136 voti. Ha sbagliato a non chiudere questo sondaggio prima. Ed ha sbagliato nel ritardare il post conclusivo che arriva oggi, giorno di Natale, quasi come una liberazione. Inoltre, si possono realmente eleggere i giochi più sottovalutati se questa generazione ancora non ha tirato le cuoia? Probabilmente no… ma, signori, è di errori che è composta la vita perchè sono proprio quelli, ditemi la verità, i momenti che si ricordano di più: quelli su ci si arrovella pensando “se avessi agito diversamente…”.

Dopo quindi circa 2 mesi rispondiamo insieme alla nostra domanda (Qual’è il gioco più sottovalutato di questa generazione (attenzione: schifezze inside!)? ) e arriviamo ad una classifica “top 10″ dei giochi proposti, decisi da voi utenti ma condivisi anche da noi, soprattutto per quanto riguarda il primo posto. Ma andiamo con ordine.

barbie and the three musketeers

Posizione 10: Barbie and The Three Musketeers (multipiattaforma)

Ebbene si… solamente 3 voti per un gioco che, lo ammetto, non sapevo nemmeno fosse uscito. Anzi, mi correggo, avrei sperato con tutto me stesso di non veder mai su nessun scaffale di tutto il mondo! Ma se quando ero ragazzino mi divertivo a giocare a Sailor Moon insieme a mia sorella sul Super Nintendo, è giusto che i fratelli di oggi aiutino le proprie sorelline con Barbie and The Three Musketeers una delle prime incarnazioni interattive della famosa sexy bambola. In un cross over, peraltro del tutto assurdo, con i Tre Moschettieri! Ma che ci fanno insieme questi due personaggi? Solo i programmatori del titolo (e gli sceneggiatori del film… avete capito bene: c’è un film omonimo) sapranno dircelo. Ovviamente questo era uno dei titoli “specchietto per le allodole” che abbiamo messo nel sondaggio, serviva solo per strapparvi due risate. Ma questo, ovviamente, lo avete capito da soli (3 voti ;) ).

Posizione 9: Bomberman Act Zero (Xbox 360)

Con Bomberman Act Zero le cose cominciano a farsi un filo più interessanti. Perchè questo è un titolo che effettivamente critica e pubblico hanno snobbato ma che alla fine il suo filo di validità ce l’ha. E’ un reboot antico come la pietra, quello di Bomberman, che travalica i confini del videogioco e del tempo visto che è uscito davvero in tutti i formati possibili. In questo caso c’è stato il tentativo, riuscito malissimo a dire la verità, di introdurre una visuale in tre dimensioni ad un gioco per natura bidimensionale. Il risultato, per carita, è molto scarso e non vogliamo difendere un titolo che ha ricevuto pessimi voti ovunque. Certo è che vedere esplodere bombe in quasi soggettiva nei classici labirinti del gioco è comunque un’emozione che se fosse venduta ad un prezzo budget, magari, sarebbe valsa la pena di essere vissuta.

Posizione 8: Little King’s Story (Nintendo Wii)

OH… finalmente si parla, davvero, di un gioco sottovalutato ma da annoverare, forse, nell’olimpo dei capolavori. Qualcuno di voi ne ha sentito parlare? Qualcuno di voi lo ha a casa? Scommetto di no (a parte i più esperti)… eppure i voti espressi dalla critica di tutto il mondo sono eccellenti e il gioco è davvero un’invenzione! Una specie di pikmin con dinamiche più avanzate e la solita pletora di personaggi assurdi e simpatici. Davvero un gioco da non perdere che è stato, purtroppo, dimenticato.

Posizione 7: Contact (Nintendo DS)

Anche qui dovremmo farci tutti un bell’esame di coscienza: perchè un gioco che prende voti che sfiorano il 10 su qualunque rivista ha venduto MENO di 40.000 copie in tutto il mondo? Un gioco di Atlus, tra l’altro. Forse perchè è dedicato agli amanti delle giapponeserie (questo è un neologismo che ho appena coniato: potete rivendervelo se volete, dicendo che è vostro ;) ). Criticato soprattutto per la sua estrema difficoltà e scarsa intuitività, Contact è invece una perla che propone un gameplay fortemente originale per gli RPG, anche per il Nintendo DS (piattaforma dove le sperimentazioni non mancano). Se riuscite a recuperarlo da qualche parte, il consiglio è di accaparrarselo subito se siete fan del genere ruolistico.

Posizione 6: Mad World (Nintendo Wii)

Questo per me è un arcano: sono davvero l’unico giocatore al mondo o quasi a cui è piaciuto Mad World? Qui infatti non si tratta di giochi “sottovalutati” ma di un titolo che ha diviso tantissimo critica e pubblico. Non tutti i recensori sono stati “di manica larga” come il sottoscritto nel valutarlo e non tutti l’hanno apprezzato. Anzi, parlando di questo splatter action di Platinum Games, mi sono spesso trovato in difficoltà con i miei stessi colleghi di Inside The Game e con molti lettori, che lo reputano un titolo troppo ripetitivo per essere considerato indimenticabile. Eppure la sua ironia, la sua critica social e il suo gore estremo ne fanno un titolo da provare, almeno secondo la mia video recensione.

Posizione 5: Condemned (Xbox 360)

Ed ancora, nella nostra classificasondaggio, eccolo un gioco DAVVERO sottovalutato eppure da riscoprire: Condemned, una specie di thriller psicologico / survival horror in cui l’utilizzo dell’oscurità e delle architetture ha davvero destato il mio interessa a livello di gameplay. Un gioco davvero buio e scorretto, che prende i giocatori di sorpresa grazie ai suoi ralenti cinematografici, inframezzati da esplosioni di violenza di rara brutalità. Sega, con il primo capitolo (perchè è uscito anche un Condemned 2, meno interessante) ha sicuramente colto nel segno!

Posizione 4: Paris Hilton Jewel Jam (mobile)

Che trashata! Altro che i giochi più sottovalutati di questa generazione ;) Paris Hilton Jewel Jam è una vera schifezza. Una trovata commerciale targata Gameloft e sponsorizzata dalla più figa ereditiera del mondo (mah, non è poi così bella Paris). Tra l’altro, nel gioco, di “evoluzioni” della bella Hilton (come quelle che tutti conoscono… su non fate i timidi che il sex tape l’avete visto tutti), neanche l’ombra: è un puzzle game. Bleah!

Posizione 3: Prey (multipiattaforma)

Prey è uno sparatutto sicuramente abbastanza atipico; basta questo però per elevarlo davvero nell’olimpo dei videogiochi più sottovalutati della presente generazione di console? Forse no… ma 16 voti li ha avuti. Sedici lettori che comunque si sono appassionati al titolo 2K che per la prima volta, è bene dirlo, presentava alla lontana il concetto di Portal, con dei portali che facevano da teletrasporto nelle mappi (con la differenza, enorme, che non si potevano creare). Presente anche una gravity gun… per sottolineare che non si spara e basta. Forse, ripeto, troppo poco per l’olimpo… ma se lo trovassi usato o sottocosto, magari un pensierino… ;)

Valkyria Chronicles

Posizione 2: Valkyria Chronicles (PS3)

Se questo post è il nostro regalo di Natale che non avreste voluto ricere, probabilmente avrete pensato la stessa cosa scartando il pacco che conteneva Valkyria Chronicles. Vi sareste accomodati nell’angolo più buio della sala, pensando: “VOLEVO KILLZONE 2!!!”. Se le cose sono andate davvero così… avete commesso un bell’errore, perchè questo titolo Sega, che vince la palma della Software House più presente in questa classifica, vince la palma come miglior “tactical JRPG” della storia, forse. La libertà con cui il giocatore può affrontare gli scontri è davvero inedita e la critica ha acclamato il gioco come un vero e proprio capolavoro. Il pubblico, invece, comprava Killzone 2… un titolo davvero modesto, di suo, e infimo se confrontato con Valkyria Chronicles!

Mirror's Edge

Posizione 1: Mirror’s Edge (multipiattaforma)

Quante emozioni, Faith, che mi hai fatto provare. A volteggiare, tra un grattacielo all’altro, trasportando informazioni confidenziali nel tentativo di salvare mia sorella. Quanti tuffi al cuore, quanti voli verso l’ignoto, quanti spigoli afferrati a fatica per salvarsi la vita. Un gioco sontuoso, da DICE, con uno stile unico e dei colori azzeccatissimi. Un titolo coraggioso, da parte di Electronic Arts, che produce il primo FPS creato come un platform. Il primo titolo in prima persona in cui si perde più tempo a rifare un salto piuttosto che a sparare ad un nemico. E quante volte, certi salti, li ho dovuti ripetere. Ma senza frustarmi ma anzi, interpretando un livello di sfida per una volta onesto ma punitivo allo stesso tempo. Tantissimi si sono lamentati del sistema di controllo, non adatto all’idea e alla suggestione del titolo: io invece la chiamo ambizione. Oppure voglia di uscire fuori dagli schemi. Anzi, voglio esagerare: voglia di romperli, gli schemi! Sinceramente non capisco come mai Portal, diverso ma simile nell’intenzione di decontestualizzare gli FPS, sia stato così apprezzato mentre Mirror’s Edge così bistrattato. Io ho letteralmente viaggiato sul bordo di un’emozione mentre ci giocavo e non vedo l’ora di mettere il joypad su un possibile secondo capitolo!

E finisce così, quindi, questo post sbagliato in un giorno sbagliato, quello di Natale (festività che io odio). Con un ricordo davvero indelebile di un gioco fantastico, da vivere tutto d’un fiato e con un augurio speciale da parte del sottoscritto a tutti i lettori.

Che il vostro oggi possa essere sempre “sottovalutato” e peggiore del vostro domani, da qui alla fine dei giorni. Così che la vita sarà per voi eterna scoperta di nuovi orizzonti, splendidi.

Buon Natale a tutti e grazie per essere stati con noi ;)

Questo post è stato scritto da:

- ha scritto 1304 articoli su Inside The Game.

Contatta l'autore

Commenti

Commenti

13 Di risposte a “I 10 giochi più sottovalutati della presente generazione di console [sondaggio – classifica]”

  1. Hanamichi scrive:

    classifica giustissima, ma tra i tanti titoli sottovalutati io continuerò ad aggiungerci monster hunter portable, sempre recensito da tanti siti come una schifezza,elencando difetti che poi difetti non sono (legnosità e mancanza di lock on…era voluto,altrimenti è un devil may cry)

    Il primo posto a mirror’s edge è giustissimo comunque, condivido in todo :)

  2. Pinuzzo85 scrive:

    prey è semplicemente fantastico, un’ottimo fps con idee davvero interessanti! e voglio un seguito :D
    valkyria chronicles è, imho, la miglior esclusiva ps3. altro che heavy rain o uncharted :D

  3. Desert eagle scrive:

    eternal sonata- muramasa the demon blade- dante’s inferno. mi vengono questi intanto!

  4. Killy77 scrive:

    Condemned 1 e 2 li ho amati, soprattutto il secondo per le allucinazioni del protagonista. Prey bello ma non si hanno notizie di un seguito, il che mi sambra suicida. Mirror’s Edge era fantastico. EA è stata coraggiosa, ha proposto un titolo originale (proprio lei) e il mercato ha preferito invece affidarsi ai soliti seguiti. Non ci si lamenti insomma se il mercato è stagnante.

  5. D’accordissimo con le prime due posizioni (Valkyria lo sto amando proprio in questi giorni..) ma manca sempre l’ottimo Banjo-Kazooie: Nuts & Bolts, talmente sottovalutato da mancare persino nel sondaggio! :)

  6. Hanamichi scrive:

    cacchio,eternal sonata me lo ero proprio dimenticato >.< io lo consiglio a chiunque quando ne ho l’occasione!

  7. Master of Disguise scrive:

    Little King’s Story, punto. Il resto è fuffa.

    No, ma LKS è il mio GOTY 2009, poi devo quotare Eternal Sonata e Muramasa, aggiungo Red Steel 2, Darksiders, Infinite Space, Hotel Dusk, Prince of Persia quello del 2008 un capolavoro, Zack & Wicky, troppi…

  8. Dexter scrive:

    A malincuore devo dire il 90% della softeca Wii: Little King’s Story, Muramasa, Red Steel 2, Zack e Wiki, Fragile, Lost Winds, La Torre delle Ombre.. :(

  9. Dado Dido scrive:

    Uhm…Dexter? Me li presti? :rolleyes:

  10. Dexter scrive:

    I miei amati giochilli? Yessa, quando torno a Milano! ;)

  11. Alucard scrive:

    Riguardo a Bomberman al GS lo vedo sempre usato a prezzi ridicoli, direi che la questione soldi è risolta. :D
    Piuttosto, fiero di possedere una delle 400.000 copie di Contact sparse nel mondo, pur non avendolo ancora finito (causa cancellazione accidentale del salvataggio. Doh!).

  12. startawell scrive:

    [QUOTE=Dexter;46665]A malincuore devo dire il 90% della softeca Wii: Little King’s Story, Muramasa, Red Steel 2, Zack e Wiki, Fragile, Lost Winds, La Torre delle Ombre.. :([/QUOTE]

    Oh, sembra quasi postassi col mio account! :D
    Quoto al 100%. Ma Valkyria è secondo me uno dei migliori giochi degli ultimi 10 anni, e pari merito con Uncharted 2, la miglior esclusiva PS3. Se ne parlasse la metà di quanto si parla di GT5, sarebbe un successo, e invece, tra il solito fps, e il racing simulativo, meno simulativo della storia, i giocatori PS3 si son persi un’autentico capolavoro.

    Anche i commenti su Mirror’s Edge mi hanno sempre lasciato a bocca aperta. Insieme a Portal, uno dei pochi giochi che ha portato qualcosa di nuovo in questa gen, snobbato perchè “corto”?

  13. Marco "Strider Hiryu" Tinè scrive:

    No, non snobbato perchè corto. Di fatto, questo è l’ unico punto che forse non si è mai rimproverato a Mirror’s Edge. Il problema è l’ innovazione, questa dannata chimera che inseguiamo ovunque vada ma che quando si gira a guardarci, ci intimidisce al punto da farci girare di spalle. Il videogiocatore è pauroso per definizione, indipendentemente da quanti capitoli di Silent Hill abbia esperito, capace di fuggire dinnanzi un gioco che usa a malapena 2 pulsanti ed ha l’ ardire di fare a pezzi le convenzioni. Tanto nel videogioco quanto nella realtà, la diversità spaventa. È questo il problema.

Trackbacks / Pingbacks


Rispondi