Categorie | GamingCulture, Opinioni

Per Guerrilla, tutti i futuri FPS includeranno il controllo gestuale [opinioni Guerrilla motion tracking]

Per Guerrilla, tutti i futuri FPS includeranno il controllo gestuale [opinioni Guerrilla motion tracking]

Non sappiamo se la parola dello staff di Guerrilla Games (Killzone 3) possa avere lo stesso peso di quella di Gabe Newell o Mark Rein, ma le affermazioni del capo programmatore Tommy de Roos sul futuro degli FPS offrono comunque del buon materiale di riflessione. Ecco perchè, a suo parere, l’ intero genere shifterà gradualmente verso l’ adozione del motion tracking:

“La perdita di accuratezza in fase di rotazione rende le cose più difficili in un primo momento, ma esiste una compensazione nella possibilità di puntare in qualsiasi punto dello schermo e fare in modo che i proiettili finiscano proprio li. È un compromesso che molti hardcore gamer stanno assimilando, ed in effetti alcuni di loro preferiscono già utilizzare Move.

Queste sono solo le fasi iniziali. Nintendo ha fatto molta ricerca in questa direzione, noi stiamo facendo lo stesso con graduali progressi. Credo che con l’ evolversi dei sistemi, gran parte degli shooter in prima persona finiranno per essere giocati in questo modo. Lo credo sul serio. Magari non necessariamente con PlayStation Move, ma con un controller simili.”

Il punto che De Roos non sembra centrare a dovere è proprio quello dei compromessi: se è vero che ogni genere di gioco possiede degli elementi chiave che ricevono il grado di cura più elevato durante lo sviluppo, negli sparatutto in prima persona questi elementi sono proprio rotazione e puntamento. Per quale ragione si dovrebbe sacrificare la precisione di uno tra i due, quando l’ accoppiata tastiera/mouse è in grado di accomodarli entrambi in maniera più che efficiente?
La ricerca di cui Guerrilla parla dovrebbe perciò far si che il motion tracking giunga ad una condizione del genere, senza che certe debolezze congenite dei sistemi in commercio vengano passivamente accettate.

Questo post è stato scritto da:

- ha scritto 3648 articoli su Inside The Game.

Contatta l'autore

Commenti

Commenti

Rispondi