Categorie | Annunci, News

Gli hackers attaccano i siti di Deus Ex e di Eidos [comunicato Square-Enix]

Gli hackers attaccano i siti di Deus Ex e di Eidos [comunicato Square-Enix]

Chiamatelo karma, se volete: un titolo incentrato sull’ hacking, lo spionaggio e le alte tecnologie rimane vittima dello stesso fenomeno su cui si basa. Square-Enix ha dato conferma che hackers si sono introdotti presso i siti di Deus Ex: Human Revolution e di Eidos Montreal, rubando informazioni relative agli utenti registrati. In alcuni log files che il Washington Post ha recuperato da non ben specificati canali IRC, i responsabili sostenevano di avere ottenuto informazioni relative ad oltre 80.000 utenti, discutendo della possibilità di rubare i codici sorgente (in gergo, “src”) dei siti interessati. Ecco intanto il testo integrale e tradotto del comunicato Square-Enix:

Square-Enix può confermare che un gruppo di hackers ha avuto accesso ad una parte del nostro sito web Eidosmontreal.com e presso due siti relativi a singoli prodotti. Abbiamo immediatamente disconnesso i siti in questione per capire come ciò sia potuto accadere ed a cosa abbiano avuto accesso gli hacker, disponendo successivamente interventi per aumentare la sicurezza di tutti i nostri siti prima di farli tornare online.

Eidosmontreal.com non conserva informazioni relative a carte di credito o codici, tuttavia esistono curriculum di candidati interessati a lavorare presso i nostri studios. Sfortunatamente, sino a 350 curriculum potrebbero essere stati esposti, e stiamo provvedendo a contattare tutti gli interessati per scusarci dell’ accaduto. Inoltre, abbiamo scoperto che 25.000 indirizzi e-mail sono stati rubati in seguito all’ attacco, indirizzi non collegati ad alcuna informazione personale e forniti dagli utenti unicamente per ricevere aggiornamenti sui nostri prodotti. Al momento non si ha notizia di disseminazioni di dati o utilizzi impropri degli stessi.

Trattiamo con estrema serietà la sicurezza dei nostri siti web ed impieghiamo misure restrittive, regolarmente testate, per prevenire questo genere di incidenti.”

La domanda, come di consueto, sorge spontanea: cosa diavolo sta succedendo nel Web? Trattasi di una guerra organizzata ai danni delle corporazioni, o del “semplice” tentativo di creare rumore e panico da parte di gruppi isolati?

Questo post è stato scritto da:

- ha scritto 3648 articoli su Inside The Game.

Contatta l'autore

Commenti

Commenti

12 Di risposte a “Gli hackers attaccano i siti di Deus Ex e di Eidos [comunicato Square-Enix]”

  1. Hanamichi scrive:

    Sono curioso di vedere come si sviluppera questo topic.
    Coerenza di pensiero vuole che determinati utenti vengano qui a smerdare anche square enix,non tardando a cercare e riportare con precisione e continuità rumors,dichiarazioni di esperti che definivano il sistema di sicurezza square come fallato,e tante tante tante critiche pari a quelle mosse verso sony….

    Credo sia cosa giusta,dato che anche qui parliamo di furto di dati… o lascerete cadere questo topic altrettanto importante nel dimenticatoio perchè “non è sony che ha fallito?”

  2. Alucard scrive:

    Io trovo interessante quest’ ondata di hack su internet, che sia la guerriglia del futuro (a prescindere dal motivo per cui lo facciano)?

  3. Hanamichi scrive:

    in effetti spuntano tutti nello stesso periodo….. la lotta alle corporazioni è probabilmente li li per scoppiare :)

  4. Redwind scrive:

    Stesso periodo si, ma anche solo siti di colossi Giapponesi, le cose sono tre, ho gli hacker sono pagati da Microsoft per danneggiare la concorrenza :d, ce l’anno su con Nipponici, o i suddetti siti sono poco e mal protetti…:D

  5. Beh Hana per quanto siano due fatti sostanzialmente identici hanno chiaramente una portata diversa, per ovvi motivi. Quantità di utenti, servizi e dati sensibili toccati. Sia chiaro, nulla toglie che la sicurezza dovrebbe essere migliorata SEMPRE, ma l’hakeraggio del PSN è un evento di ben altre proporzioni.

    PS: Non è un topic, ma un articolo in Home :p (pignolo inside!)

  6. Strider Hiryu scrive:

    Io credo semplicemente che sia una guerra tra gruppi di hacker dagli interessi diversi, che competono per dimostrare chi può causare maggior trambusto. Non c’è nulla di ideologico in ciò che fanno, tanto è vero che tanto nel caso PSN quanto in questo sono stati presi di mira i dati di utenti che non hanno alcuna colpa… A meno che da oggi, giocare prodotti Sony o Suare-Enix non sia diventata una sorta di colpa o di “atto di fede corporativa”.

  7. Hanamichi scrive:

    concordo al 90%. Anche qui come abbiamo giustamente concordato hanno fregato dati e account. il discorso del topic “sony like suicide” verteva sulla sicurezza in se,non troppo sul lato economico. E allora io dico,perchè non un

    “Square enix like suicide 2?dopo quella imho merdaccia di FF12 e 13 ora anche un furto di dati….non se ne parla?non si cercano rumor e dichiarazioni a iosa sulla notizia? Il concetto è criticare appena si ha l’occasione sony “perchè è sony” mentre il resto è fuffa?personalmente…. non ci sto :)

    Lo dico con serenità, non mi va di innescare un ennesimo “duello”, ci tenevo semplicemente a far notare che un “sony down” porta a fiori di topic che non si preoccupano poi troppo del danno economico potenziale… La discussione viene puntualmente raggirata e sfruttata per arrivare a puntare il dito “sull’inettitudine” di sony,cercando a tutti i costi di denigrarla,con dichiarazioni,rumors e rifacendosi sempre piu spesso all’erroneo concetto “Hacker=povero tizio che entra li dove lo fanno entrare,senza capacità proprie Sony=corporazione di merde,dove tecnici di merda hanno creato un sistema di merda,che da decenni (ipotizzati e rumoreggiati) era fallato,e quindi “E’ TUTTA COLPA DI SONY. PUNTO”….

    ma bene….discutiamo :D

  8. Hana credo tu stia prendendo una cantonata. Non abbiamo aperto fiori di topic per diletto, ma quelli che tu chiami topic sono articoli in home commentabili da forum.
    Siamo un sito di informazione videoludica e, soprattutto, di ”critica” videoludica. E’ il nostro lavoro e la la nostra passione, ed è giusto che se ne sia parlato e se ne parli. ;)

  9. Hanamichi scrive:

    Non parlo di volere la censura Dexterone :) semplicemente di sentore di accanimento, dove parole ufficiali sony sono spacciate per paraculate, parole di tale Spafford o rumor “si sapeva già” per oro colato.tutto qui.

  10. Dexter scrive:

    Io continuo a credere che tu abbia frainteso il senso della rubrichetta “Sony Like Suicide”. Il nostro Renato non porta attacchi sterili a Sony, anzi da quello che so possiede tutte le console della compagnia, ma è uno spazietto personale e di confronto in cui, con una bella dose di ironia, si discute degli eventi bizzarri che vertono intorno alla casa giapponese e al mondo ludico in generale. Scelte discutibili, campagne marketing bislacche, discorsi di onnipotenza che ci fanno sorridere il più delle volte.
    Non avremmo motivo di gettare fango su Sony, siamo videogiocatori in primis e quello che amiamo fare su PS3 è proprio trastullarci con un pad (tranne Dollo che usa il Move-Gelatone alla menta :p)

  11. Hanamichi scrive:

    allora avrò frainteso io, ma l’ultima discussione affrontata mi è sembrata tutto tranne che ironica e per scherzarci su, magari sarà stata proprio colpa mia che l’ho affrontata con serietà.

  12. inskin scrive:

    Dex, è una partita persa…è Kaz Hirai sotto falso nome. :)

Trackbacks / Pingbacks


Rispondi