Categorie | Annunci, News

Dettagli multiplayer per Max Payne 3 [Rockstar San Diego]

Dettagli multiplayer per Max Payne 3 [Rockstar San Diego]

Stando ad un rapporto di IGN, che ha raccolto da Rockstar San Diego i primi dettagli approfonditi sull’esperienza multiplayer di Max Payne 3, la scena sarà dominata da una modalità intitolata Gang Wars. Ogni partita sarà infatti divisa in “tempi” assimilabili ai vari livelli di una missione single player: i giocatori partiranno con un obiettivo, ed in base agli esiti riportati nel primo “tempo”, cambieranno dinamicamente le meccaniche di quello successivo. Immaginate, ad esempio, di lottare con una gang rivale per conquistare un territorio durante il primo tempo (team deathmatch), ed una volta raggiunto questo obiettivo, di dover poi disinnescare un potente esplosivo nascosto tra i vicoli (Defuse the Bomb) evitando che il vostro migliore giocatore, su cui nel frattempo è stata posta una taglia, venga freddato.

La logica del gioco cercherà quindi di creare una sequenzialità tra gli eventi, inframezzata da commenti dello stesso Max Payne e da strisce in stile fumetto. Secondo il team di sviluppo, questa soluzione dovrebbe non soltanto rendere più avvincente la struttura del multiplayer, ma anche incoraggiare fortemente il gioco di squadra tra i partecipanti.

Un’altra interessante rivelazione riguarda i Perks, che in Max Payne 3 si chiameranno “Bursts”. IGN ne rivela in particolare due: il primo mette un giocatore in condizione di usare il Bullet Time, rallentando il tempo e diventando un bersaglio quasi inafferrabile per gli avversari (concetto difficile da immaginare in un ambiente di Rete, ma ci sarà), mentre il secondo rende i nemici temporaneamente incapaci di distinguere i propri compagni di squadra – non a caso, si tratta del Burst chiamato “Paranoia”.

Sono tutte idee molto interessanti, e confidiamo che Rockstar diffonda presto qualche indizio filmato sul loro funzionamento in partita. Max Payne 3, lo ricordiamo, uscirà in Europa nel mese di Marzo.

Questo post è stato scritto da:

- ha scritto 3648 articoli su Inside The Game.

Contatta l'autore

Commenti

Commenti

Rispondi