Categorie | News, Video e Trailer

Sol Trigger innesca la potenza di PSP [trailer di lancio]

Sol Trigger innesca la potenza di PSP [trailer di lancio]

Proprio ieri, il nostro Gidantribal si chiedeva se gli sviluppatori giapponesi avessero scoperto PSP soltanto nel 2010, ed è senz’altro una bella domanda. Visti i costi di sviluppo relativamente bassi associati a PS Vita, era naturale attendersi una transizione che invece non c’è stata, ed il primo handheld Sony continua a sfornare prodotti per il mercato interno giapponese ad un ritmo senza precedenti.

Sol Trigger, titolo targato ImageEpoch che vi abbiamo presentato appunto ieri, è un esponente illustre di questa tendenza e perfettamente allineato a ciò che ci si aspetterebbe da un jrpg tradizionale: combattimenti a turni, modalità Easy per chi vuole godersi la sceneggiatura e budget elevato – il più elevato mai speso da ImageEpoch, a quanto pare.

Dove siano confluiti gli investimenti è evidente nel trailer di debutto più in alto, ricco di ottime scene di intermezzo in stile anime ed assaggi di gameplay in tempo reale dove la potenza di PSP sale davvero in cattedra (un altro esempio recente che ci aveva lasciati di stucco era quello di Bakemonogatari Portable). Insomma, ci saranno anche voluti degli anni perchè i coder giapponesi riuscissero a fare sulla piccola di casa Sony qualcosa di livello paragonabile alle produzioni Square-Enix, ma ciò non significa che sia troppo tardi per dare loro una chance in Occidente via SEN/PSN, grazie alla retrocompatibilità di PS Vita.

Aspettiamo ancora Final Fantasy Type-0, eh?

Questo post è stato scritto da:

- ha scritto 3533 articoli su Inside The Game.

Contatta l'autore

Commenti

Commenti

Una risposta a “Sol Trigger innesca la potenza di PSP [trailer di lancio]”

  1. Gidantribal scrive:

    “Aspettiamo ancora Final Fantasy Type-0, eh?”

    Si solo perchè propone una mappa del mondo dopo troppi anni di assenza (o almeno così sembra) ;)

    PSP in giappone si sta comportando come PS2 verso la fine del suo ciclo vitale mi pare. Più in generale i programmatori si sbizzarriscono maggiormente su un hardware che consente di prendersi qualche rischio in più ed ecco i risultati ;)

    Insomma parte della creatività giapponese si trova qui se quel genialoide mancato del creatore di Fez avesse una vista che va oltre il suo naso se ne sarebbe accorto.

Trackbacks / Pingbacks


Rispondi