Categorie | COPERTINA, PC, Recensioni

Super Monday Night Combat, un ritorno coi fiocchi…esplosivi [Recensione]

Super Monday Night Combat

  • Piattaforma: PC
  • Publisher: Uber Entertainment
  • Software House: Uber Entertainment
  • Super Monday Night Combat, un ritorno coi fiocchi…esplosivi [Recensione]

    Chi si ricorda di Monday Night Combat ? Quell’interessante TPS a metà strada tra un tower defence ed un TPS a squadre sviluppato da Uber Entertainment per Xbox360 e PC. Beh, se ve lo siete persi allora non dovete lasciarvi scappare la sua versione aggiornata e potenziata distribuita su Steam dalla settimana scorsa…per di più è Gratis. Free-to-Play, la felice moda del momento…anche gli Online Pass ma su quelli ho delle delle difficoltà ad usare aggettivi positivi. Comunque tornado a noi, Super Monday Night Combat è un titolo veramente interessante che vi coniglio di provare, ottimo per giocare in gruppi di amici, ma anche per sperimentare qualcosa di diverso dal ciclo della vita multiplayer: uccidi-muori-respawn. Ma vediamo meglio ed in dettaglio come mai mi sento in vena di consigliare il download di questo titolo.

    Come vi ho già anticipato l’impostazione di gioco di Super Monday Night Combat è veramente ben sviluppata, creando un’esperienza di gioco ibrida a metà strada tra Team Fortress 2 e DOTA. In pratica il gioco prevede lo scontro tra due squadre di 5 componenti  che dovranno scortare le proprie orde di robot verso il nucleo nemico per distruggerlo. Il tutto in vari (anche se non molti) teatri di scontro pieni di difese e potenziamenti da acquisire. Principalmente torrette difensive e potenziamenti per la velocità di spostamento. I personaggi tra cui scegliere sono ben 15, anche se quelli subito disponibili sono circa 7, sbloccati a rotazione per farli provare tutti. Per poterli sbloccare definitivamente dovremo o acquistarli (con soldi veri ovviamente) o attraverso le monete che guadagneremo alla fine degli scontri. Anche se è un processo un po’ lunghetto per ottenere tutti e 15 i personaggi. La composizione di questo folto gruppo è veramente varia sia dal punto di vista delle abilità che del loro design. Comunque avremo i classici tank, medici o personaggi intermedi, per un totale di 6 classi. Però ognuno di loro avrà armi e abilità completamente differenti l’uno dall’altro. Infatti, per esempio, avremo un orango armato di mitragliatore pesante e smoking che può sparare bucce di banana sul terreno di gioco, far rotolare barili esplosivi (vi ricorda niente ? XD), prorompere in un grido di battaglia e lanciarsi in una carica animalesca. Oppure un medico italiano capace di curare i compagni, creare torrette e far partire attacchi aerei. Insomma chi più ne ha più ne metta. Abilità che dovranno essere potenziate durante ogni singolo scontro. Infatti inizieremo da zero per poi potenziare ognuna delle nostre abilità, comprese la bara della vita e i danni che infliggono le nostre armi. L’unico difetto che ho notato in questa impostazione è che i programmatori hanno impedito ai giocatori di poter scegliere due personaggi identici nella stessa squadra. Costringendo quindi a scegliere velocemente o a dover ripiegare tra quelli disponibili. Se questa scelta fa si che nessuno possa focalizzarsi solo su un personaggio certo non aiuta per l’eccessiva differenza di approccio che intercorre nelle possibilità di scelta.

    Ma non ci sono altre modalità come deathmatch, capture the flag o king of the hill ? Purtroppo no, c’è una sola modalità di gioco. Modalità ? Al singolare ? Beh…si. Super Monday Night Combat infatti porta in dote il difetto maggiormente criticato nella sua passata incarnazione. Anche se questa volta stiamo parlando di un titolo gratuito e quindi giudicabile con maggior leggerezza sul fronte della quantità. Infatti anche sulle mappe vediamo un certa scarsezza di contenuti, con teatri di scontro che si contano sulle dita di una mano, ma che risultano comunque ben sviluppati e caratteristici. Facendo anche un passaggio dal punto di vista tecnico non possiamo che fare i nostri complimenti alla software house. Infatti SMNC (scusate l’acronimo ma è lunghetto da riscrivere tutte le volte) presenta una grafica colorata e ben dettagliata creata attraverso il sempre verde Unreal Engine. Certo non siamo ai livelli di raffinatezza di altri titoli ad impostazione TPS, ma certamente non possiamo lamentarci troppo. L’audio invece è proprio uno dei punti forti del titolo. Sembra di essere davvero all’interno di una arena di gioco, con tanto di grida degli spettatori, conti alla rovescia corali e una fantastica (anche se completamente anglofona) radiocronaca di due assurdi commentatori…tra cui l’italiano Gigi O.o

    Ma i difetti ? Quando ho cominciato a scrivere questa recensione ne avevo individuati tanti. Buona parte dei quali nella fase di Match making e nell’interfaccia dei menù di gioco. Se infatti il menù confusionario è rimasto tutt’ora inalterato almeno la fase di match making  è stata notevolmente migliorata da un patch correttiva rilasciata su Steam qualche giorno fa. Una corposissima patch visto che era da 1,4 GB. Prima di tale, necessaria, correzione dovevamo aspettare un casino di tempo prima di poter entrare in partita. Con situazioni imbarazzanti in chat con utenti che imploravano di essere invitati per saltare tale fase o altri che invece lanciavano strane invocazioni alle divinità del multiplayer. Ma come vi ho già detto tutto questo è stato brillantemente risolto. Certo il lavoro di limatura è lontano da essere completato.

    Insomma alla fine di tutto, nonostante la carenza di modalità e mappe, Super Monday Night Combat è un titolo molto divertente…ottimo da giocare in compagnia su Steam o anche solo per provare qualcosa di nuovo. In più essendo gratuito non avete nessuna scusa per non provarlo. Buoni scontri.

    Inside The Game

    • Colorato e divertente
    • Diverso dai soliti multiplayer
    • Cronaca sportiva esilarante

    Outside The Game

    • Poche mappe
    • Una sola modalità di gioco
    Voto:

    Interessante

    Come valutiamo i giochi

    Questo post è stato scritto da:

    - ha scritto 325 articoli su Inside The Game.

    Contatta l'autore

    Commenti

    Commenti

    Rispondi