Categorie | News

Ma che abbiamo fatto di male? Niente italiano anche in Pokémon Conquest [Nintendo DS]

Ma che abbiamo fatto di male? Niente italiano anche in Pokémon Conquest [Nintendo DS]

L’idea alla base di Pokémon Conquest è decisamente graziosa: ambientato nel periodo Edo, questo strategico a turni racconta le guerre tra i signori feudali giapponesi sostituendo ai soldati umani delle armate di pokémon. Trattandosi però di un titolo per Nintendo DS, la casa di Kyoto ha ben pensato di combattere il pericolo pirateria in uno tra i modi più frustranti per i giocatori, ossia limitando la localizzazione occidentale alla sola lingua inglese. Niente italiano (ma neanche francese, tedesco o spagnolo) quindi, per quella manciata di utenti che acquistano ancora cartucce originali per il portatile last gen di Nintendo.

Si potrebbe essere meno “cattivi” ed obiettare che forse, questa amara conclusione è figlia di analisi di vendita sul territorio, ma è pur vero che come dimostra il caso di Kingdom Hearts 3D: Dream Drop Distance (quello che ha fatto giustamente incapperare il nostro Dollmasterz e tutta la redazza di Inside the Game), lasciare da parte le lingue europee sta diventando per le case editrici una pratica adottabile a priori. Si saranno accorti che compriamo spesso su Play.com, Zavvi et similia? Sarà, ma resta comunque una mossa stupida precludere la fruizione di un gioco anche a coloro i quali, purtroppo, non hanno particolare dimestichezza con la lingua della Regina Elisabetta – in senso ovviamente figurato.

Tutti gli altri piangeranno con un occhio, pensando alla compatibilità software tra DS e 3DS nonché all’erba del vicino: per far contento il nostro Inskin, ci tocca puntare ancora una volta il dito su Sony e sullo sconfinato catalogo di titoli interessanti per PSP che potrebbero essere comodamente tradotti in inglese e far godere le utenze PSP/Vita. Vabè… Dove ho messo l’Oxford Paravia?

Questo post è stato scritto da:

- ha scritto 3648 articoli su Inside The Game.

Contatta l'autore

Commenti

Commenti

7 Di risposte a “Ma che abbiamo fatto di male? Niente italiano anche in Pokémon Conquest [Nintendo DS]”

  1. Gidantribal scrive:

    Su questo versante sento uno scomodo ritorno ad un “medioevo videoludico”

    Aggiungo un altro precedente abbastanza illustre che si può inserire nell’elenco: Dissidia duodecim aveva per traduzione “solo” i sottotitoli nei dialoghi di gioco, per tutto il resto ( menù,hud,corrispondenze del mogùnet, equipaggiamenti vari e le altre bricole non era stata fatta la traduzione. E ci tengo a segnalare che il primo dissidia era completamente in italiano (vabbè dialoghi parlati a parte ma a quello ci siamo abituati)

  2. Snowvilliers scrive:

    :( da questo titolo proprio non me l’aspettavo ero sicuro che nintendo l’avrebbe tradotto, se davvero ne varrà la pena lo prenderò magari usato quando scenderà di prezzo

  3. Dexter scrive:

    Ma un bel ”FUUUUUU” in coro?
    limortè.

    • Bravo scrive:

      Certo, cosa vi aspettate ? L’Italia è il paese degli scariconi e nessuno spende un centesimo di euro per una traduzione che non rende. Preferiscono spendere dove c’è il ritorno economico. Iniziate a comprare i giochi originali e vedrete che ci sarà non solo la traduzione ma anche i dialoghi saranno localizzati in italiano.

      • Dexter scrive:

        Ma ancora con sta barzelletta?
        PES o FIFA sono i giochi più piratati in assoluto, ti pare che non vengano localizzati? Poi questo “iniziate a comprare giochi originali” a uno che non ha mai preso un gioco pirata in vita sua e fa di questa passione quasi un lavoro fa riderissimo.

  4. Alucard scrive:

    Non penso che la traduzione di un gioco vada influenzata dall’ indice di piratabilità, semmai da quante vendite sono previste per quel titolo, secondo me. Avranno pensato che non avrebbe fatto chissà che cifre e tiè, solo inglese.

Trackbacks / Pingbacks


Lascia un Reply toBravo