Categorie | News

TGS 2012, il mondo open world di MGS: Ground Zeroes dettagliato da Kojima Productions

TGS 2012, il mondo open world di MGS: Ground Zeroes dettagliato da Kojima Productions

Il Tokyo Game Show di quest’anno ha un illustre assente, ossia Metal Gear Solid: Ground Zeroes, ma Kojima Productions era più che presente allo show ed ha approfittato per snocciolare alcune caratteristiche interessanti sul gioco. Leggete un po’ più in basso…

  • Il caricamento avviene sempre in background, quindi è un open world virtualmente privo di caricamenti.
  • L’unica eccezione è nei viaggi in elicottero che collegano regioni diverse — li ci sarà una schermata di caricamento.
  • Ci saranno molti mondi aperti alla Grand Theft Auto, collegati via elicottero.
  • Il video rilasciato giorni fa appartiene al prologo di gioco, ambientato in un piccolo mondo aperto. Ce ne saranno di molto più grandi.
  • Nel gioco c’è il concetto di tempo, quindi anche un ciclo giorno/notte in real time.
  • Prima di usare il FOX Engine in altri titoli, Kojima Productions vuol creare uno standard per i mondi aperti.

Non abbiamo ancora visto quasi nulla, ma Ground Zeroes ha già intorno a sé un’aura di figaggine grandiosità notevole. È vietato sbagliare, Maestro Kojima, ma immaginiamo tu lo sappia già bene.

Questo post è stato scritto da:

- ha scritto 3643 articoli su Inside The Game.

Contatta l'autore

Commenti

Commenti

6 Di risposte a “TGS 2012, il mondo open world di MGS: Ground Zeroes dettagliato da Kojima Productions”

  1. Gidantribal scrive:

    Più che altro se quelli visti nel primo trailer sono gli standard open world per le console attuali allora ci possiamo preparare all apocalisse nel caso venissero progettati titoli dai contorni più ristretti. Insomma tra kojima productions, naughty dog e quantic dream il messaggio è chiaro: anche se i pc sono evidentemente avanti l’attuale generazione di console è ben lontana dal pensionamento.

    • Marco "Strider Hiryu" Tinè scrive:

      Il che dipinge uno scenario interessante per tutti: WiiU potrebbe trovarsi con uno spazio tale da prendere il largo, se le attuali console continuassero a vivere ed essere sfruttate così intensamente. Ma d’altro canto, Sony e Microsoft non vorranno lasciarle troppo spazio d’azione. È un bel dilemma industriale.

      • Gidantribal scrive:

        Un bel dilemma davvero, c’è da dire che la base installata di ps3 e 360 nel mondo è davvero enorme, cosa farà da ago della bilancia è il Giappone, dove wiiu macinerà a occhi chiusi delle belle vendite e metterà in qualche modo Sony in condizioni di dover correre ai ripari. O sony butterà in pasto al mercato una ps4 oppure spigerà fortissimo sul binomio ps3-vita accoppiato al remote play.

  2. Marco "Strider Hiryu" Tinè scrive:

    Stando a CVG (http://www.computerandvideogames.com/369715/gamestop-halts-wii-u-pre-orders-due-to-overwhelming-demand/), GameStop e Target hanno addirittura dovuto sospendere i preordini di WiiU per la troppa domanda! Il campo di battaglia non è solo giapponese, a quanto pare…

    • Gidantribal scrive:

      Tempo che nintendo venderà un pacco allucinante di wiiU in tutto il mondo e microsoft lanci la sua nuova console, allora sony coi i suoi autolesionistici tempi lancerà una PS4, anche se i tempi e le caratteristiche tecniche ed i servizi soprattutto di un nuovo parco macchine sia sui lidi microsoft che quelli sony sono alquanto ignoti.

      • Marco "Strider Hiryu" Tinè scrive:

        Sony avrà anche un grosso problema non dipendente da lei, ossia l’attuale rivolta popolare dei cinesi contro le industrie giapponesi nel loro territorio. Mitsubishi ha dovuto ritirare il proprio personale, per impedire che rimanesse coinvolto in eventuali attacchi verso gli stabilimenti. Sembra proprio che la fortuna, insomma, non arrida alla grande S dei nostri giorni.

Trackbacks / Pingbacks


Rispondi