Categorie | News

Project Zwei: qualche dettaglio per il survival horror di Shinji Mikami [artwork inside]

Project Zwei: qualche dettaglio per il survival horror di Shinji Mikami [artwork inside]

Siamo onesti, quante volte abbiamo visto gli sviluppatori abusare del termine survival horror? Mai come in questa generazione, uno dei generi più amati dagli appassionati sta attraversando un forte periodo di crisi, annaspando in un mercato che richiede sempre più azione, sempre meno cervello e sempre meno idee fuori dal coro. Forse basterebbe volgere lo sguardo al mercato indipendente o solo reinventare il passato, raccogliendosi attorno a quei nomi che hanno reso grande questo modo di intendere il videogioco.

Tra questi c’è Shinj Mikami, il papà di Resident Evil e fondatore dello studio Tango Gameworks, che, con il suo già annunciato Zwei, promette di donare nuova gloria all’orrore digitale. E’ notizia delle ultime ore che Zwei vedrà la partecipazione del lead artist del remake del primo Resident Evil per Gamecube, probabilmente il “Biohazard più Biohazard” di tutti.

L’annuncio è arrivato sul blog dedicato al gioco, previsto per la seconda metà del 2013 e senza una piattaforma di riferimento, un titolo di cui sappiamo e abbiamo pochissimo, se si escludono una manciata di promettenti artwork.

Riuscirà il coraggioso Mikami a scrivere nuovamente la storia di un genere? Naturalmente non possiamo saperlo, ma al momento il game designer giapponese ha la nostra completa fiducia!

Questo post è stato scritto da:

- ha scritto 1691 articoli su Inside The Game.

Contatta l'autore

Commenti

Commenti

5 Di risposte a “Project Zwei: qualche dettaglio per il survival horror di Shinji Mikami [artwork inside]”

  1. fuckusan scrive:

    caro shinji solo tu ci puoi salvare dall’oblio…

  2. fuckusan scrive:

    io farei un sacrificio umano, tipo bruciamo tutti i politici degli ultimi 30 anni che so stati al governo! penso che questo basti al caro shinji…

  3. Hizaki scrive:

    Bah…Voi ci credete?

  4. Alucard scrive:

    Credo che se prendessero un gioco horror indie a caso avrebbero molta più ispirazione che da tutti i prodotti mainstream dell’ ultimo decennio.

Trackbacks / Pingbacks


Rispondi