Categorie | GamingCulture, Opinioni

DSG: WiiU è vicina, siete da day one o no? [dite la vostra su Nintendo]

DSG: WiiU è vicina, siete da day one o no? [dite la vostra su Nintendo]

Bentornati all’appuntamento con Dirty Sexy Games, che per l’occasione si è acronimato in intestazione, per lasciare maggiore spazio agli argomenti!
Su cosa vorrò mai pungolare i miei lettori o detrattori, venuti qui giusto per sputare sul monitor?

WiiU!

Un nome proprio di console che è divenuto ormai sinonimo di controversie intestine.  Il 30 Novembre ormai è vicino e il nostro Pierpaolo “Dollmasterz” Rainaldi ha preso una solida e quadrata posizione, Avviso la redazione di Inside the Game, i lettori, gli amici e i parenti che ho intenzione di diventare un fan-boy del Wii U. Io vi ho avvisato, poi non rompete le palle.”

Provocazione o meno, possiamo discuterne, ma è sicuramente da lodare la decisione di un redattore di prendere una posizione. Ironica, provocatoria o seriosa, non ha importanza.

Non sono qui per entrare nella psiche popolata di paddoni di Dollo, ma per affrontare la questione WiiU.

Come ben sapete, dopo il primo lancio della console, è subito saltato per aria un magazzino pieno di magagne Nintendo. Aggiornamenti in download dal peso titanico e la possibilità di poter caricare videogames su supporti esterni, favorendo una pirateria che ormai spara sulla croce rossa, sono i due bisogni impossibili da trattenere, per la vescica della nuova di casa Nintendo.

Malfidente per natura, rifletto sulle sorti di questa console che nasce sotto stelle poco brillanti. Le esclusive sono le solite note e l’estensione a un mercato di titoli più hard-core è al momento arenata su uscite già viste, giocate e rigiocate.
Come se non bastasse, nonostante quest’ultimo upgrade, la console non sembra aver puntato sui muscoli e, probabilmente, da un certo punto in poi dello sviluppo di nuova generazione, il WiiU comincerà a contare sulle solite note IP di casa Nintendo - solite ma non disprezzate! Sia chiaro! -. Di certo le software house non faranno passi indietro per la console, avendo gridato a gran voce l’esigenza di nuove e portentose macchine performanti.

Sul fronte on-line WiiU non possiamo speculare molto – o si? -. La grande N non ha certamente l’esperienza di Microsoft e Sony che, nelle loro sperimentazioni, una più antica e l’altra più recente e disastrosa, hanno accumulato dati a sufficienza per poter garantire ai giocatori un glorioso futuro di gameplay in multiplayer.

Per quanto riguarda la pirateria su Nintendo, da maligno, potrei quasi dire che lo si è fatto di proposito. Una console facilmente aggirabile vende più di una inespugnabile. La pirateria, da chi conosce un corsaro vero, non è morta in questo campo!

Tirando le mie, personali, somme, posso dire che, nonostante queste considerazioni, io VOGLIO credere in Nintendo. La mia è una scommessa quotata perdente in partenza. Se guardiamo alle iniziative e alle idee delle due case giapponesi, fra Sony e Nintendo, si potrebbe costruire una bella galleria degli orrori. Contrariamente all’americana Microsoft. Proprio per questo motivo spero di vincere.

Il WiiU parte sicuramente all’insegna di una politica aziendale che a oggi, con Wii, l’ha ripagata dignitosamente e questa voglia di accaparrarsi, per qualche tempo, una buona fetta del mercato hard-core, potrebbe ovviare al futuro sbilancio con le concorrenti più muscolari.

Non è da escludere che un hardware aggiornato, accoppiato con possibilità di gameplay altrettanto ingegnose – riferendosi al paddone – non spingano alcune software house a sviluppare per WiiU. Il mio pensiero va a quelle piccoli grandi realtà come Telltale Games. Nel tablet-controller ci vedrei un ottimo espediente per sviluppare un grandissimo punta e clicca di nuova generazione. Se fossi Tim Schafer ci penserei attentamente alla possibilità di creare un esclusiva Nintendo, con i contenuti tipici del suo marchio di fabbrica.

Ma queste, cari miei lettori, sono solo fantasie. Quali, le vostre su WiiU? Chi ha già una prenotazione da day one? Speculate o mie scimmie volanti, speculate!

Questo post è stato scritto da:

- ha scritto 574 articoli su Inside The Game.

Contatta l'autore

Commenti

Commenti

4 Di risposte a “DSG: WiiU è vicina, siete da day one o no? [dite la vostra su Nintendo]”

  1. Pablus scrive:

    Già ho letto di parecchie critiche alla CPU che fa girare il tutto: specialmente incriminata nel porting di titoli multipiattaforma come Assassin Creed e roba varia.
    Probabile che i fan di Mario e compagnia bella comunque ci passino sopra e che i titoli dedicati soddisfino palati diversi.
    Io osservo curioso l’evolversi degli eventi.
    Sicrumente mi piacerebbe vederla e provarla da qualche generoso amico Nintendaro.

  2. Marco "Strider Hiryu" Tinè scrive:

    Le next gen di Sony e Microsoft sembrano salve, insomma. A quanto ho capito, memoria e chipset grafico dovranno sopperire alla carenza di performance del processore. In questa situazione soffrono soprattutto fisica ed IA dei giochi… Si tratta di un bel tappo evolutivo, ma credo che come sempre fanno, i programmatori troveranno delle scorciatoie.

  3. Penso che, nuovamente, il paddone e quel quid in più rispetto alla generazione attuale, gli consentirà di poter attirare qualche sviluppatore volenteroso di lavorare, seriamente, sul paddone!

    Per me … punta e clicca abbestia o un Heavy rain!

  4. ogni volta che nintendo presenta una console (da wii a 3ds, ma successe anche col ds normale), tutti a dire che nintendo è finita, che la concorrenza saprà fare meglio… e poi, puntualmente, è proprio la concorrenza a rincorrere nintendo.

    Per una volta voglio partire fiducioso, dopotutto è la compagnia che mi accompagna dai tempi del NES in questa passione.

Trackbacks / Pingbacks


Rispondi