Categorie | News

Eurocom licenzia in massa, “la domanda di giochi per console è scesa vertiginosamente” [industria]

Eurocom licenzia in massa, “la domanda di giochi per console è scesa vertiginosamente” [industria]

Abbiamo più volte visto come un solo titolo sbagliato possa segnare la fine per una software house, spesso indipendentemente dal fatturato o dalla forzalavoro impiegata. Eurocom, ad esempio, impiegava fino a ieri 200 persone ed oggi si trova a poterne mantenere solo 50, in seguito ad una paurosa ondata di licenziamenti che il manager Hugh Binns ha dovuto spiegare con visibile imbarazzo:

“Eurocom sta attraversando una fase di ristrutturazione che tristemente, ci ha costretti a licenziare gran parte della nostra forzalavoro. Tra loro ci sono molti veterani, gente di talento e dalle eccezionali abilità a cui dobbiamo ogni ringraziamento per il duro lavoro e la dedizione prestati.

Abbiamo combattuto per provare a salvare quanti più posti possibile, ma il brusco calo della domanda di giochi per console, culminato nell’abbandono di diversi progetti la scorsa settimana, non ci ha lasciato scelta. Eurocom ha mantenuto uno staff essenziale di 50 impiegati e d’ora in poi si concentrerà su opportunità nel mercato mobile.”

Qualcuno potrebbe parlare di una perdita non grave, trattandosi di Eurocom e quindi di prodotti a marchio “James Bond” qualitativamente discutibili, ma se c’è una cosa che l’economia odierna insegna è che anche con ottimi giochi in curriculum, tenersi a galla può comunque diventare problematico. E poichè il futuro sembra sempre più destinato ad essere visto attraverso minuscoli frame da 7 pollici, è bene cominciare ad adattarsi.

(via GamesIndustry International)

Questo post è stato scritto da:

- ha scritto 3648 articoli su Inside The Game.

Contatta l'autore

Commenti

Commenti

Una risposta a “Eurocom licenzia in massa, “la domanda di giochi per console è scesa vertiginosamente” [industria]”

  1. Gidantribal scrive:

    Ma anche no, il gaming sui tablet è uno scempio.
    La verità è che la gaming industry si sta ripiegando su se stessa già da ora a causa di costi di sviluppo sempre maggiori, se pure i capoccia dell’unreal engine sono preoccupati perchè ci han messo 4 mesi a sviluppare 3 minuti di filmato c’è da preoccuparsi.

Trackbacks / Pingbacks


Rispondi