Categorie | News, Video e Trailer

Ecco come nasce il mondo fatato di Ni no Kuni presso gli studi Level 5 [diario di sviluppo]

Ecco come nasce il mondo fatato di Ni no Kuni presso gli studi Level 5 [diario di sviluppo]

Mentre attendete che i 2.6 GB della demo di Ni no Kuni: La Minaccia della Strega Cinerea  si riversino sugli hard disk delle vostre PS3, potete ben riservare un po’ di banda alla visione del video più in alto, con cui Level 5 parla di vari aspetti della realizzazione del gioco. Oltre a confermare l’aspetto stanco per default del presidente Akihiro Hino, la clip (che a quanto pare è la prima di una serie) è un vero e proprio tour all’interno degli studi Level 5 di Fukuoka, che similmente a quelli di Polyphony Digital, non hanno nulla da spartire con le “camere piccole e buie” spesso associate al mondo dello sviluppo giapponese. Naturalmente si parla dei temi di Ni no Kuni, del modo in cui le sue ambizioni prendono vita, di concetti ed idee portate avanti con grande sforzo ma con altrettanto grande passione. Senza dimenticare un aspetto fondamentale non solo per questo gioco, ma per tutti i titoli del suo genere: le ambientazioni e la world map sono belle da piangere. Qui in Inside the Game stiamo letteralmente fremendo all’idea di poter presto avere un jrpg maestoso, all’altezza dei vecchi tempi! L’appuntamento con Ni no Kuni: La Minaccia della Strega Cinerea è prevista per il 24 Gennaio prossimo in esclusiva PlayStation 3.

Questo post è stato scritto da:

- ha scritto 3648 articoli su Inside The Game.

Contatta l'autore

Commenti

Commenti

4 Di risposte a “Ecco come nasce il mondo fatato di Ni no Kuni presso gli studi Level 5 [diario di sviluppo]”

  1. Posso commentare solo con un cuoricino?
    Si, và: <3

  2. Fucktotum scrive:

    non ce la sto facendo molto bene a resistere… mi sa che dowloado :(

  3. Mentre la quasi totalità degli studi giapponesi va sempre più ridimensionandosi in negativo, Level-5 è in costante crescita. Tra Layton e Inazuma Eleven ha imposto due brand mica male, e ora se ne esce con quello che forse è l’RPG di stampo nipponico che più mi ha commosso negli ultimi anni. E gennaio non è mai stato così lontano…

  4. Gidantribal scrive:

    A me la lacrimuccia è partita all’istante di fronte a quell’immenso capolavoro di Dark chronicle ç_ç ma quanto era bello quel gioco???

    Per Ni no kuni fremo abbastanza :)

Trackbacks / Pingbacks


Rispondi