Categorie | Annunci, News, Video e Trailer

[Spike VGA 2012] L’anima oscura di From Software torna alla luce, annunciato Dark Souls 2!

[Spike VGA 2012] L’anima oscura di From Software torna alla luce, annunciato Dark Souls 2!

Se c’è qualcosa per cui dobbiamo ringraziare From Software, è quella di aver dimostrato che anche in Giappone si è in qualche modo carpita l’essenza del fantasy occidentale, e si è quindi in grado di esprimerla su livelli di eccellenza. Il trailer di Dark Souls 2, annunciato poche ore fa nel corso degli Spike VGA 2012, non fa che confermare questa impressione rinnovando le aspettative ormai tipiche per un titolo della serie Souls, ossia quella di un gioco che trasuda ostilità sotto ogni aspetto. L’atmosfera non sarà tra le più originali, ma resta comunque ammaliante per chiunque ami l’avventura e non abbia paura di farsi (tanto) male. Ecco cos’hanno avuto da dire publisher e sviluppatori in merito al gioco:

Dark Souls II mantiene l’essenza d base di Dark Souls evolvendosi per presentare nuove sorprese e sfide che i fan di vecchia data ameranno, ma sapranno attrarne anche di nuovi. From Software si è addentrata in un sentiero estremamente oscuro con Dark Souls II; i giocatori dovranno guardare profondamente dentro sé stessi e chiedersi se hanno lo stomaco per imbarcarsi in questo viaggio.” (Carlson Choi, Vice Presidente del Marketing di Namco Bandai)

“Questo nuovo capitolo nella saga di Dark Souls ci ha offerto delle opportunità per innovare in sede di gameplay, sviluppando una storia completamente nuova, ed espandendo gli orizzonti del mondo con cui il giocatore potrà interagire. abbiamo intrapreso questi passi indispnsabili in Dark Souls II per migliorare l’esperienza offerta dalla saga. L’intero team di sviluppo si sta sforzando di rendere Dark Souls II un’esperienza in grado di mantenere le proprie radici risultando fresca al tempo stesso, ed offrendo ai giocatori nuove sfide di gameplay. Il nostro obiettivo è quello di sorprendere ed entusiasmare i nostri fans con esperienze e colpi di scena nuovi, invitando al contempo altri giocatori ad affrontare il viaggio.” (Tomohiro Shibuya, direttore di Dark Souls II)

Questo post è stato scritto da:

- ha scritto 3349 articoli su Inside The Game.

Contatta l'autore

Commenti

Commenti

27 Di risposte a “[Spike VGA 2012] L’anima oscura di From Software torna alla luce, annunciato Dark Souls 2!”

  1. Fucktotum scrive:

    Va tutto bene, lo voglio domani ma, cazzo, NON TOCCATE LA DIFFICOLTà!!!!

    • Chuck Schuldiner scrive:

      Circa il livello di difficoltà da lasciare invariato son d’accordo con te, ma se oltre quello, aggiungessero una difficoltà un tantino più umana non sarebbe meglio? ovviamente, ripeto, senza toccare la difficoltà che l’ha reso celebre..

      ps: più che altro sono stregato da questa saga, ma al tempo stesso terrorizzato. Vorrei comprarmi, per iniziare, Demon’s Souls. Non vorrei, però, che il gioco, per me risulti essere troppo frustrante, del tipo: respawn delle creature, impossibilità di salvare, morti (anche da idioti) per ricominciare il livello/dungeon, non vi nascondo che un pò me la fa prendere a male..

      me lo consigliate?

      • Killy77 scrive:

        Io me lo sono rivenduto figurati.
        Troppo troppo difficile e dire che il gameplay mi piaceva, così come l’ambientazione.
        Poi non capisco quale sia il problema nell’inserire una difficoltà umana, in altri giochi ci sono anche livelli disumani di difficoltà.
        Ninja Gaiden è via via diventato più semplice nel corso dei capitoli e secondo me faranno prima o poi lo stesso anche con Dark Souls.

        • Pinuzzo85 scrive:

          se lo fanno più facile non sarebbe più dark/demon souls.

          • Chuck Schuldiner scrive:

            Ma loro dimostrerebbero di essere meno elitari e più aperti anche alle esigenze di coloro che vorrebbero giocarlo magari a livelli umani, ma che per via dell’estrema difficoltà che a quanto scrive Killy77 immagino sfoci nella pura frustrazione, non possono. Mettere in un gioco difficoltà preimpostate così alte, secondo me è sbagliato di suo, un livello di difficoltà estremo te lo puoi scegliere, vedi ad esempio il “dante must die” in Devil may cry, ma metterlo predefinito non ha senso.

          • Killy77 scrive:

            Il punto è proprio questo. Appare come una soluzione logica, gli autori del gioco ne hanno anche parlato sui social networks ma hanno ricevuto una valanga di no da parte dei fan che peraltro hanno sporcato le tastiere di nutella oltre ad aver fatto diventare i joypad della 360 neri quando erano bianchi :)

  2. Chuck Schuldiner scrive:

    Ah, beh, immagino quanta dura resistenza abbiano fatto. Purtroppo quando la nerdaggine (nessuna offesa poichè anche io rientro nella categoria) raggiunge livelli epici, ci si sente in dovere di preservare il prodotto dalla contaminazione di mani “profane”, cosa che reputo assai stupida.

  3. Xenorik scrive:

    Il discorso non è così semplice… la paura generale è che venga snaturato il gioco in sé, che ha fatto della difficoltà imposta il suo cavallo di battaglia.
    Per chi ama questo tipo di impostazione (tra l’altro tipica della From Software, provate a giocare all’ultimo Armored Core per credere), che ti premia se ti impegni, che ti fa all’inizio sembrare le cose difficili, ma che IN REALTA’ sono piuttosto abbordabili se affrontate con la dovuta strategia e tattica, ora c’è la paura che pian piano il gioco venga spogliato di una delle feature fondamentali, per la quale lo hanno amato.
    Guardate che fine ha fatto Ninja Gaiden dopo un primo capitolo che rasentava la perfezione.
    Il fatto è che un gioco come Dark Souls (il quale in verità non presenta una difficoltà così elevata, semplicemente è meno permissivo e meno guidato rispetto alla media dei giochi odierni, che ci hanno reso negli ultimi anni dei “lazzaroni” che vogliono tutto senza il minimo impegno) ci fa riscoprire sensazioni sepolte che ci ricordano come mai una volta ci piaceva di più videogiocare, o almeno per alcuni è così. Se si inizia a cambiare un pò lì e un pò là, il rischio che la magia si perda è fortissimo.

    • Chuck Schuldiner scrive:

      Sono in parte d’accordo con te su questo scetticismo di fondo, troppi prodotti sono stati ampiamente semplificati fin ad arrivare quasi ai livelli “ameba”, ma qui si parlava d’altro, evidentemente non mi son spiegato bene: non si parlava di “cambiamenti”, bensì di “aggiunte”, il prodotto rimarrebbe lo stesso, semplicemente ci sarebbe una difficoltà un pò più abbordabile, tutto qui. Come ad esempio capita anche in Diablo, dove gli utenti più smanettoni possono sbizzarrirsi cimentandosi in imprese che definirei quasi titaniche con la mostruosa “hardcore mode” anche per Dark souls potrebbe essere lo stesso.
      Praticamente l’approccio attuale rimarrebbe immutato, si andrebbe ad aggiungere semplicemente una modalità un pò più permissiva e con permissiva non intendo a prova di bimbominkia, in questo modo il gioco accontenterebbe molti più giocatori e non smetterebbe di essere quel prodotto adatto solo ad una categoria di utenti.

  4. Pinuzzo85 scrive:

    Cmq hanno già semplificato. Demon era più difficile.
    La difficoltà sta nel capire come fare determinate cose. Una volta compreso come affrontare il gioco, diventa tutto molto più semplice( ma cmq più difficile della media degli ultimi anni di vg).

    • rastasoul86 scrive:

      secondo me invece è molto più difficile dark soul. demon soul dopo i primi due mondi diventava una passeggiata, mentre dark diventa ancora più difficile alla fine ;)
      Comunque la vedo dura che inseriscano una modalità “facile” perchè semplicemente snaturerebbe troppo il gameplay. Che poi il trucco sta solo nel livellare, niente di più. quindi nn è tanto la difficoltà il problema (se cosi si può chiamare) ma il fatto che se facciamo un passo falso potremmo perdere migliaia di anime raccolte con tanta fatica!

  5. Dexter scrive:

    D’accordo col buon Xeno.
    Sarebbe poco fattibile anche in termini prettamente ”pratici”.
    Livello di difficoltà in un gioco del genere non significa farlo più facile o più difficile, ma ribilanciare il tutto secondo un sistema diverso. Ed a quel punto ha senso una frase come quella di Pinuzzo, ”non sarebbe più Dark Souls”.

    • Chuck Schuldiner scrive:

      Non è propriamente vero Dex, anche perchè esistono difficoltà estreme ozpionabili o sbloccabili una volta terminato il gioco (ti ricordo la modalità hardcore in diablo). Comunque sia, ieri al gamestop ho trovato un buon prezzo e l’ho preso (dark souls). Premetto che l’ho giocato molto poco, ma da quel poco l’ho trovato molto legnoso, nei movimenti, ovviamente immagino sia stata una cosa voluta, per dare maggiore realismo, tuttavia potevano evitare il fastidioso respawn delle creature quando ci si accampa. Continuando, per ora, la disposizione dei tasti che spero vivamente di poter cambiare, abituato che sono ad i tasti quadrato/triangolo, non è il massimo della comodità, trovarmi ad usare le levette alte non è stato molto diretto come approccio.

      • Pinuzzo85 scrive:

        il problema(relativo) è che DS non può avere varie difficoltà, è proprio come è concepito il gioco a renderlo complicato.
        cmq hanno dichiarato che più faranno più user-friendly.
        e io ho paura.

  6. Xenorik scrive:

    Il problema è che le software house iniziano con l’aggiungere e finiscono col sostituire. E’ questa la paura.

    Poi se in verità non sarà così, tanto meglio, però pensando a certi casi del passato, la preoccupazione nasce legittima. Soprattutto nel mercato attuale, dove la banalizzazione è quasi un imperativo per vendere di più. E a noi poveri cristi a cui piace complicarsi le cose?

  7. Fucktotum scrive:

    “potevano evitare” “sarebbe stato maglio”… GIOCATECI E FATEVI RAPIRE!!!! Poi la difficoltà non sarà un problema, ma meno esegeti del videogioco e più uccisioni! DS è un grande gioco PROPRIO perchè non è permissivo e nutelloso, rende terrorizzante fare anche solo 10 metri, proprio come il primo Resident Evil. Per l’ennesima volta, la difficoltà è parte integrante del gameplay di DS come lo era, per dire, del primo Dead Rising.

  8. Chuck Schuldiner scrive:

    Non sono d’accordo poichè il grado sfida in un gioco dovrebbe essere sempre ben calibrato, anche perchè sfide titaniche messe solo per soddisfare le voglie di hardcore gamer che si sento realizzati solo perchè ci hanno messo 3 ore per abbattere un boss, la trovo assurda come cosa, poi ovviamente de gustibus. Hai citato Resident Evil 1 che onestamente è ben lungi dall’essere paragonato a DS in quanto all’elevato grado sfida: In re1 (poi non ti parlo del rebirth che è una davvero una cavolata se paragonato) bastava razionare le munizioni, schivare gli zombie e fare leggermente attenzione ad alcuni boss che ovviamente non sono minimamente paragonabili a quelli in DS.
    Comunque sia alla fine l’ho comprato, l’ho giocato per troppo poco tempo quindi non posso sbilanciarmi troppo, già da oggi penso, visto lo rigiocherò con maggiore calma, credo di potermi fare un’idea più approfondita.

    • Xenorik scrive:

      Io non credo che Fuck abbia citato il primo RE per l’effettiva difficoltà, ma per il “senso di pericolo” che si provava quando si percorreva un corridoio e non si sapeva cosa potevamo trovarci dietro l’angolo. C’è da ribadire che le sfide di DS non sono affatto titaniche, c’è bisogno solo di una attimo di trial&error. Fare l’ultima sfida del recente Mortal Kombat è cosa ben più stronza, così come finire tutti i livelli segreti di Super Mario 3D Land. Come il primo RE, DS da una sensazione di pericolo (con un pizzico di atmosfera opprimente alla Silent Hill), ma ti assicuro che il gioco è molto più facile di come lo si dipinge, ed è già perfettamente bilanciato. Semplicemente non è immediato, ma dopo averlo padroneggiato, si viaggia più che bene. Certo, occorre impegnarsi un attimo, ma neanche eccessivamente.
      Dai, renderlo più facile è come guidare una moto senza marce, cioè uno scooterone, e i motocilcisti non li possono vedere gli scooteroni. E gli scooteroni esistono proprio per chi non vuole la sbatta (ma neanche le soddisfazioni) della moto. Io DS lo voglio con le marce.

    • Fucktotum scrive:

      non parlare di un gioco che non hai (ancora) giocato. Non farti influenzare da chi si sente un eroe perchè ha finito DS. Io l’ho giocato e finito, a tratti è frustrante come qualunque gioco privo di un setting di difficoltà. Tutto ‘sto terrore, tutta ‘sta paura… de che? Provate, capite (perchè giuro, basta capire cosa chiede DS per amarlo) e giocate. Senza tante seghe mentali. “Il gardo di sfida dovrebbe essere calibrato” sulla base di che? Non è un gioco per bambini, ma per videogiocatori. Se lo sei (e non ho dubbi) non sarà ‘sta tragedia dipinta da giocatori privi del pollice opponibile. Giuro, si tratta solo di studiare, è volutamente così impegnativo perchè si lega alla “trama” (meglio all’ambientazione diciamo). Sei un non morto, quindi puoi morire infinitamente, con un po’ di astuzia muori solo dove puoi recuperare le Anime (che peraltro nessuno ti obbliga a mettere a rischio, basta spenderle appena possibile). Insomma, un capolavoro “criticato” perchè difficile sa proprio tanto di videogiocatori viziati (non voi, il mondo), preprati da anni di inutili FPS a andare dal punto A al punto B, con continui checkpoint e freccette che indicano non solo cosa fare ma anche quando farlo. Vedrai che lo amerai! :D

  9. Fucktotum scrive:

    ah ecco un difetto (credo detto più su o sul forum) è che da subito è caldamente consigliato avere un minimo di guida-raffronto soprattutto per gli oggetti e l’ordine con cui fare le cose. Esempio privo di spoiler veri: al primo falò dopo la prigione puoi andare a destra o sinistra: da un parte vai per la giusta strada, dall’altra vai verso la parte finale del gioco. è chiaro che se uno è terrorizzato dal igoco cattivo-e-difficile e sbaglia pure strada… beh inizia a morire ben prima del previsto. Io non sono contro una modalità “più facile”, sono contro le motivazioni addotte qua e là. Nemmeno “ho provato e ho fallito” ma “sò che è difficilissimo quindi esay mode”. Eh no diamine, eh no! ;)

  10. Chuck Schuldiner scrive:

    Giocato ieri e come immaginavo la frustrazione, in particolare in alcuni punti, raggiunge picchi impressionanti. Mi trovo tra l’incudie e il martello: da una parte ho una specie di “minotauro”, dall’altra un cavaliere mega cazzuto, la cosa buffa è che sono appena all’inizio! Non vi nascondo che le imprecazioni sono state svariate. Il calendario è stato per me fonte d’ispirazione..Ora però volevo chiedere a coloro che l’hanno finito ragguagli poichè alcune cose non mi son ben chiare.
    Anzitutto, come mi avevate suggerito, per non perdermi le anime che con fatica ho raccolto, appena posso livello, ma onestamente i miglioramenti non li noto o se ci sono sono impercettibili. Se miglioro la destrezza, ad esempio, sembra aumenti anche il danno come se aumentassi la forza, quindi perchè aumentare la forza? ma l’agilità del personaggio (schivare, muoversi etc..) sembra invariata: ciocco era, ciocco è. Per il resto, ma quei due tizi li devo ammazzare o sono li per bellezza, per fartela prendere un tantino a male? immagino li debbo far fuori, anche perchè altrimenti non vado avanti, ma il toro gigante con un colpo mi manda al creatore, facciamo 1 e mezzo vai..l’altro non ne parliamo.

    • Fucktotum scrive:

      YEAH!
      Per quanto riguarda le due minacce, non so dirti se si tratti di incontri “normali” (i cavalieri magri in armatura completa con varie armi) o mini boss: il minotauro potrebbe essere il Capra Demon (stanzetta chiusa, coppia di cani che ti inseguono e mega sbruffone con due spade e testa di capra?). Potresti essere un po’ avanti rispetto al tuo livello (nel gioco puoi imbatterti in zone anche di livello altissimo quando sei di basso, quindi tutto sembra over powered!). Le abilità crescono molto piano quando gli attribuisci punti, ma i miglioramenti dopo un po’ diventano molto più evidenti: la discriminante (e il difetto di cui parlavo più su) è che determinate armi che ti aiuterebbero un casino per tutta l’avventura hanno requisiti di abilità senza cui non puoi usarle. La spada che si prende dalla coda del drago sul ponte ad es. dovrebbe avere come requisito la Forza, per questo ti converebbe cominciare da quella perchè è una super arma che porterai molto a lungo con te e si ottiene in modo facile e veloce. Sul forum del gioco (ti linko appena lo trovo) avevamo messo un buon numero di dritte a suo tempo ;)

Trackbacks / Pingbacks


Rispondi