Indipendent Monday: Unmechanical [Recensione Indie Game]

Unmechanical

  • Piattaforma: PC
  • Publisher: Teotl Studios
  • Software House: Talawa Games
  • Indipendent Monday: Unmechanical [Recensione Indie Game]

    Se Jules Verne potesse ritornare a camminare su questa terra, troverebbe in Unmechanical il suo passatempo preferito. Il piccolo robot al centro di quest’avventura, un po’ Pixar perché cugino spirituale dell’eco Wall-E, risucchiato letteralmente verso il cuore di un enorme meccanismo che è la terra stessa, si presta come protagonista di un puzzle game indie dai toni viscerali.

    Il mondo perduto offerto da Talawa Games, modellato grazie all’Unreal Dev Kit, è quanto di più introspettivo e rilassante si possa trovare nello sterminato campo dei puzzle game. Il viaggio verso la rianimazione di un cuore ibrido fra natura e meccanica sci-fi, si articola attraverso la risoluzione di enigmi mai troppo complessi e la fascinazione derivata dall’esplorazione di un mondo sotterraneo suggestivo.

    Nonostante le richieste hardware di scarso impatto, l’estetica di Unmechanical non riesce a deludere, meravigliando per la resa immaginifica di un ambiente da mondo perduto dai colori tenui, freddi e poi fusi con il calore del vulcano, ben inquadrati in uno scenario affascinante. Il colpo d’occhio visivo, non certo all’avanguardia grafica, è completato dal comparto audio. Musiche languide, nostalgiche, echeggianti e lontane, compongono una soundtrack opportunamente inserita all’interno di un titolo che, senza di essa, perderebbe una fetta fondamentale di un’esperienza dove i sensi e l’immersione sono il punto di forza del pacchetto.

    Unmechanical, grazie a tutti questi elementi, riesce a trascinare il giocatore nella pancia di un mondo sotterraneo evocativo, cullandolo con le sue melodie e intrattenendolo con elementi puzzle game piacevoli ma troppo semplici per chi è solito a questo tipo di sfide.

    Talawa Games confeziona però una breve esperienza. Un elemento che potrebbe minare la valutazione complessiva. A nostro parere, il titolo è un cioccolatino per il palato di un giocatore stressato dai gusti forti di esperienze hard-core, e altrettanto dolce per il casual gamer alla ricerca di una distrazione. Una durata maggiore, forse, avrebbe reso l’esperienza boriosa e ridondante, trasformando i suoi elementi zuccherini in noiosa melassa insostenibile. Un altro punto di vista, ci suggerisce che la carenza di longevità sia sintomo di un veloce esaurirsi delle idee degli sviluppatori, riconoscibile in una rigiocabilità garantita soltanto dalla presenza di due differenti finali e dall’impossibilità di aumentare la difficoltà.

    Unmechanical rimane comunque uno sforzo creativo ammirevole, un buon puzzle game, e un titolo indie ben confezionato, consigliato soprattutto al giocatore casual. Se non lo avete giocato e possedete un dispositivo iOS, tenete d’occhio il sito di Talawa Games o l’app Store, poiché farà il suo esordio su tale piattaforma.

     

     

    Inside The Game

    • Visivamente cool
    • Musiche ottime
    • Un cioccolatino ...
    • Immediato
    • Puzzle game interessante ...

    Outside The Game

    • ... un cioccolatino un po' caro
    • ... ma non adatto ai pro!
    • idee limitate
    Voto:

    Interessante

    Come valutiamo i giochi

    Questo post è stato scritto da:

    - ha scritto 570 articoli su Inside The Game.

    Contatta l'autore

    Commenti

    Commenti

    Rispondi