Categorie | News

SEGA si accorge che esiste Inazuma Eleven… e cita in giudizio Level 5! [brevetti]

SEGA si accorge che esiste Inazuma Eleven… e cita in giudizio Level 5! [brevetti]

Uno tra gli aspetti più effervescenti, diciamo così, della gaming industry consiste nell’attività legale dei suoi addetti. Generalmente, Inside the Game si limita ad informare sui casi più eclatanti, ma questa notizia ci ha particolamente incuriositi, e di conseguenza ve ne mettiamo a parte: SEGA ha infatti deciso di trascinare in tribunale Level 5 dopo aver studiato attentamente i controlli touch di Inazuma Eleven, saga ormai sul mercato da diverse ere geologiche (non esageriamo: ci avrà anche giocato Fred Flintstone, ma era solo l’estate del 2008). La casa di Sonic sostiene che l’idea di muovere dei personaggi su uno schermo tattile è parte integrante di due suoi brevetti, pertanto chiede alla giustizia giapponese che Level 5 le corrisponda 8.4 milioni di euro in royalties mai pagate, e che ogni copia di Inazuma Eleven per DS e 3DS venga ritirata dal mercato! La casa di Akihiro Hino si è limitata a dichiarare che presenterà al più presto un ricorso, ma diciamo noi, è davvero difendibile un’idea tanto vaga qual è il “muovere dei personaggi su uno schermo tattile”? Si tratta di una caratteristica inerente alla natura dei portatili Nintendo come di qualsiasi dispositivo con touch screen, per cui c’è sicuramente qualche dettaglio essenziale della faccenda non svelato al pubblico. Staremo a vedere! 

(ringraziamo la comica traduzione di Yomiuri Online offerta da Google)

Questo post è stato scritto da:

- ha scritto 3648 articoli su Inside The Game.

Contatta l'autore

Commenti

Commenti

3 Di risposte a “SEGA si accorge che esiste Inazuma Eleven… e cita in giudizio Level 5! [brevetti]”

  1. Hizaki scrive:

    E lo spero proprio altrimenti anche Nintendo coi suoi due zelda è nei casini :P

  2. lumaca scrive:

    mazza ormai sega e ea non han più vergogna nel mungere soldi alla gente

  3. Riddick scrive:

    A questo punto citasse in giudizio anche tutti gli sviluppatori che hanno fatto giochi su Apple Store e Android XD Della serie: come spillar soldi su brevetti impossibili da non infrangere.
    Suvvia è come citarmi in giudizio perchè faccio il caffè come in un brevetto e non pago le royalties. E’ assurdo!

Trackbacks / Pingbacks


Rispondi