Categorie | GamingCulture, Opinioni

DSG: Fiducia nel 2013 videoludico … in poi [opinioni ITG]

DSG: Fiducia nel 2013 videoludico … in poi [opinioni ITG]

Carissimi lettori e carissime lettrici, spero ci sia anche qualche gentil donzella a seguire questo blog, oggi sono qui per uccidere il gemello brontolone e lasciare libero di scorazzare quello più infantile, genuino e fiducioso nel futuro. Quello strafatto, per capirci.

Il 2012 è stato un anno videoludico pieno di questioni next-gen, discussioni qualitative sui prodotti videoludici e sull’ansia da prestazione dell’apparentemente poco dotato Wii U. Però c’è sempre chi pensa che l’importante è come batte il martello. O dico male?

Beh, forse è giunto il momento di schierarmi a favore della soluzione e di scostarmi, comicamente contrariato, dal gruppo che non faceva altro che sottolineare il problema. Il punto è: c’è realmente un problema!

Facendo parte della soluzione direi un bel, “certo che no!”, anche se in molti vedono nuvole grigie, scenari apocalittici, disfacimenti d’interi imperi e crolli inesorabili. Don’t Panic, scriverei in cubitali lettere luminose sul retro delle confezioni dei titoli esposti al GameStop – chi capisce la citazione vince un lecca lecca al catrame -, io non ci vedo nessuna emergenza qualitativa.

Merito anche di ragionamenti e quantiche discussioni con qualcuno della redazione e con quel BlackSilver aggrappato al polo positivo della vita e galleggiante al sole del bicchiere mezzo pieno. I prodotti ci sono, tanti, sani, alcuni un po’ commerciali, ma non si può certo dire che manchi la scelta. A ciascuno il suo, direbbe chi del proverbio o del modo di dire non può fare proprio a meno.

Quindi per questo 2013 in poi, cercherò di tenere questa linea positiva e, anche se le critiche non mancheranno in tutta la loro aspra forza corrosiva, penserò sempre che per uno scempio così grande c’è anche un buon divertimento e un grande capolavoro.

E voi, cosa vi aspettate per questo 2013 … in poi????

Questo post è stato scritto da:

- ha scritto 561 articoli su Inside The Game.

Contatta l'autore

Commenti

Commenti

4 Di risposte a “DSG: Fiducia nel 2013 videoludico … in poi [opinioni ITG]”

  1. Killy77 scrive:

    Io sono dell’idea che lamentarsi della varietà e completezza del mercato videoludico è sintomo di mancata conoscenza del settore. Ci sono tante piccole gemme da scoprire che non prescindono dalla grafica, basta solo cercarle, passando magari il proprio tempo a cercarle piuttosto che lamentandosi sui social network.

    • Assolutamente d’accordo e il mio pezzo lo conferma! Il mio vuole essere un cambio di direzione diretto un po’ a tutti, perché spesso ci si lamenta di alcuni titoli commerciali o di alcune cadute di stile di certi brand o varie ed eventuali.

      Quello che però bisogna imparare a guardare è, come dici anche tu, non sempre al mainstream ma cercare anche piccoli lavori o altrove. Io sono un sostenitore dell’indie game e li trovo parecchio.

      Però volevo essere più “rassicurante” e dire: c’è bello ovunque e spesso quei titoli che tanto ci fanno infervorare alla fine ci divertono e quindi …. perché tanto sangue amaro?”

  2. Marco "Strider Hiryu" Tinè scrive:

    Caro Ale, ormai da qualche anno a questa parte è chiaro come la possibilità di scelta in ambito videoludico sia veramente vasta e difficilmente documentabile, specialmente per un piccolo portale come il nostro. Lamentarsi della sindrome da sequel nell’industria dei grandi giochi per PC e console è un po’ come lamentarsi di essere sfigati alla guida perché ai semafori si becca sempre il rosso: è lo status quo e va accettato.

    Si può combattere? Certo che si. Se ti stufano i semafori, infatti, studi un dedalo di strade e stradine che ti porti a casa più in fretta. Nei videogames è la stessa cosa: se la tua meta è il divertimento, ad un certo punto ti accorgi che arrivi prima affidandoti a delle alternative. Semplice logica. Evoluzione. Distruzione delle abitudini. Crescita. Un pizzico di curiosità può far miracoli :)

Trackbacks / Pingbacks


Rispondi