Categorie | Events, Opinioni

Independent Games Festival 2013: ecco i finalisti [presente anche un team italiano!]

Independent Games Festival 2013: ecco i finalisti [presente anche un team italiano!]

Sarà ancora una volta il Moscone Center di San Francisco ad ospitare, il 27 Marzo, l’Indipendent Games Festival 2013. Un evento fondamentale per gli studenti di game design e i piccoli sviluppatori indipendenti, ingolositi dai diversi premi in palio, per un totale di 60.000$.

Nelle ultime ore sono stati comunicati i nomi dei finalisti, suddivisi per categoria e selezionati tra il ragguardevole numero di 589 iscritti, tutti aspiranti eredi di FEZ, che l’anno scorso è riuscito a portare a casa il premio più ciccioso da 30.000$, il Seumas McNally Grand Prize. Golose anche le novità introdotte in questa edizione, tra cui un premio per le migliori qualità narrative (Best Narrative) e una collaborazione con Valve (proprio oggi nell’occhio del ciclone per la sua Piston) per la pubblicazione dei progetti in finale sulla sua celebre piattaforma Steam.

Tra i finalisti in gara, spicca per la prima volta un gioco tutto italiano, Mirror Moon, su cui potete buttare un occhio grazie al video in apertura. Sviluppato con Unity, frutto degli sforzi congiunti di Paolo Tajè e del duo di Santa Ragione e, per aggiungere nostalgia ad orgoglio, minimalista nell’estetica e nel gameplay. Scontato l’in bocca al lupo dai blogger di Inside The Game, mentre il listone qui sotto non lo è affatto!

Excellence In Visual Art
Incredipede (Northway Games e Thomas Shahan)
Kentucky Route Zero (Cardboard Computer)
Guacalamelee! (Drinkbox Studios)
Lovers in a Dangerous Spacetime (Asteroid Base)
Year Walk (Simogo)

Menzione d’onore: Fly’n (Ankama Play), Eleven (Christoffer Hedborg, Datahowler), The Bridge (Ty Taylor e Mario Castaneda), Thomas Was Alone (Mike Bithell, David Housden e Danny Wallace), Hundreds (Semi Secret feat. aeiowu)

Excellence In Narrative
Thirty Flights of Loving (Blendo Games)
Cart Life (Richard Hofmeier)
Kentucky Route Zero (Cardboard Computer)
Dys4ia (Auntie Pixelante)
Gone Home (The Fullbright Company)

Menzione d’onore: Goblet Grotto (thecatamites, j chastain, NEW VADERS), Analogue: A Hate Story (Christine Love), Papo & Yo (Minority Media), The Stanley Parable (Galactic Cafe), 7 Grand Steps (Mousechief)

Technical Excellence
StarForge (CodeHatch)
Perspective (DigiPen Widdershins)
Little Inferno (Tomorrow Corporation)
Intrusion 2 (Aleksey Abramenko)
LiquidSketch (Tobias Neukom)

Menzione d’onore: Mobiloid (Monty Melby), Skulls Of The Shogun (17-BIT), Foldit (University of Washington), 140 (Jeppe Carlsen), Gateways (Smudged Cat Games)

Excellence In Design
Samurai Gunn (Beau Blyth)
FTL: Faster Than Light (Subset Games)
Starseed Pilgrim (Droqen & Ryan Roth)
Super Hexagon (Terry Cavanagh)
Super Space ______ (David Scamehorn & Alexander Baard/DigiPen)

Menzione d’onore: Spaceteam (Henry Smith), Helix (Michael Brough), Little Inferno (Tomorrow Corporation), Rymdkapsel (Martin Jonasson, Grapefrukt Games), Hotline Miami (Dennaton Games)

Excellence In Audio
Kentucky Route Zero (Cardboard Computer)
Bad Hotel (Lucky Frame)
140 (Jeppe Carlsen)
Hotline Miami (Dennaton Games)
Pixeljunk 4AM (Q-Games)

Menzione d’onore: Thomas Was Alone (Mike Bithell, David Housden e Danny Wallace), Little Inferno (Tomorrow Corporation), Gone Home (The Fullbright Company), Fract OSC (Phosfiend Systems), Dust: An Elysian Tale (Humble Hearts)

Nuovo Award
Cart Life (Richard Hofmeier)
Spaceteam (Henry Smith)
Dys4ia (Auntie Pixelante)
Bientot l’ete (Tale of Tales)
7 Grand Steps (Mousechief)
MirrorMoon (SantaRagione + BloodyMonkey)
VESPER.5 (Michael Brough)
Little Inferno (Tomorrow Corporation)

Menzione d’onore: Renga (wallFour), Starseed Pilgrim (Droqen & Ryan Roth), Frog Fractions (Twinbeard), Thirty Flights of Loving (Blendo Games), The Stanley Parable (Galactic Cafe)

Seumas McNally Grand Prize
Hotline Miami (Dennaton Games)
FTL: Faster Than Light (Subset Games)
Cart Life (Richard Hofmeier)
Little Inferno (Tomorrow Corporation)
Kentucky Route Zero (Cardboard Computer)

Menzione d’onore: Gone Home (The Fullbright Company), Thirty Flights of Loving (Blendo Games), The Stanley Parable (Galactic Cafe), Super Hexagon (Terry Cavanagh), Starseed Pilgrim (Droqen & Ryan Roth)

 

Questo post è stato scritto da:

- ha scritto 1691 articoli su Inside The Game.

Contatta l'autore

Commenti

Commenti

2 Di risposte a “Independent Games Festival 2013: ecco i finalisti [presente anche un team italiano!]”

  1. Pablus scrive:

    Ho dato un’occhiata a Kentuchy Rock Zero e devo dire niente male!
    Di sicuro effetto su chi ha amato Another world. :)

  2. E permettetemi di fare un grandissimo “in bocca al lupo” ai Santa Ragione, con cui i miei Need her liver hanno collaborato per il loro primo video!

Trackbacks / Pingbacks


Rispondi