Wii U: flop commerciale in USA e difficoltà nel mercato UK [dati di vendita Nintendo]

Wii U: flop commerciale in USA e difficoltà nel mercato UK [dati di vendita Nintendo]

Wii U, lo sappiamo, è una console giovane e come tutti i ragazzetti ha molto da imparare, tanto ancora da dimostrare. Eppure l’esperienza di Nintendo nel settore è forte, forse la più forte e incisiva di tutte, per così tanti motivi che non basterebbe un blog intero ad elencali.

Una Nintendo che ha immediatamente rialzato la testa dopo il breve collasso di 3DS, la piccolina di casa che, a suon di giochi e price-cut, si è imposta come una delle migliori piattaforme da gioco dell’attuale generazione.

La storia potrà ripetersi con Wii U? Forse, ma solo se il colosso di Kyoto prenderà, a mio modo di vedere, decisioni drastiche e “ferme”, che possano comunicare al suo pubblico che i colletti bianchi servi di Mario sappiano effettivamente dove andare a parare.

Nel frattempo la neonata home console giapponese arranca, tanto in Europa quanto nel mercato americano. Secondo un recente report di NPD, infatti, le vendite del mese di gennaio di Wii U in USA si assestano tra le 45.000 e le 59.000 unità, contro le oltre 125.000 previste dalla casa madre. Risultati disastrosi, segnati dalle stesse aspettative di Mr. Iwata, che si è visto costretto ad abbassare le sue previsioni per il primo anno da 5,5 a 4 milioni di unità.

Sempre secondo l’ente americano, le vendite di Wii U nei primi tre mesi viaggiano ad un ritmo inferiore del 38% rispetto allo stesso periodo dall’uscita di Wii, tenendo poi presente che le prestazioni descritte rappresentano la peggior performance in campo hardware di Nintendo nelle ultime tre generazioni di console.

Spostandoci in Europa, nello specifico sul mercato inglese, la musica pare essere la stessa: tra le vendite di videogiochi fatte registrare il mese scorso in UK, solo l’1,6% è infatti coperto da software Nintendo. I rivenditori all’ombra del Big Ben paiono unanimemente convinti che la soluzione più immediata possa essere un taglio di prezzo per la console, mentre, a modo loro, continuano a fantasticare su strategie a lungo termine.

Secondo James Rowson di ShopTo è necessario un parco titoli più ampio e che guardi al lungo periodo, mentre Jonathan Hayes di TescoGurdeep Hunjan di Sainsbury puntano rispettivamente il dito contro la mancanza di una vera e propria killer application ed evidenti falle nel sistema comunicativo di Nintendo.

E voi, fedeli Insider, avete già un Wii U sotto il televisore? Credete che la mamma di Super Mario riuscirà a ribaltare le sorti della sua nuova home console?

Questo post è stato scritto da:

- ha scritto 1691 articoli su Inside The Game.

Contatta l'autore

Commenti

Commenti

20 Di risposte a “Wii U: flop commerciale in USA e difficoltà nel mercato UK [dati di vendita Nintendo]”

  1. Tankorr scrive:

    che brutta notizia =_=

    concordo cmq con la mancanza di killer app: Mario 64 e Wii Sport, seppure in modo completamente diverso (e con un valore intrinseco abissalmente diverso) sono state 2 killer app a tutti gli effetti.

    Mario Bros U non va assolutamente bene come titolo di lancio e Nintendo Land non ha un briciolo della magia che ci stregò tutti alla prima prova di Wii Sports.

    serve la cura 3ds: price cut e gioconi, o la vedo dura!!

  2. Gidantribal scrive:

    Hanno sbagliato a dare un nome alla console, se la chiamavano “Super Wii” richiamando il leggendario super nintendo ne vendevano a pacchi, parola mia.

  3. Hizaki scrive:

    Vedo che la pensiamo tutti allo stesso modo. Price cut e giochi al più presto, come fatto col 3DS quando era effettivamente un flop.
    Gidan, a livello di nomi hanno fatto i furbi: lasciare le diciture DS e Wii per fregare la gente meno appassionata; riprenderne quasi totalemente le forme. La Nintendo di 10 anni fa avrebbe rivoluzionato tutto invece…Pazienza dai :D
    Per rispondere alla domanda comunque: no, io non ho il WiiU…Attenderò fino al prossimo natale o giù di li…

  4. tummale scrive:

    Ok alle nuove filosofie nintendo ma qui abbiamo.

    - una console con un processore non adeguato nemmeno con le concorrenti xbox 360 e ps3 che sono sul mercato da parecchi anni.
    - nessuna esclusiva degna di nota al rilascio (o tripla A o Killer App)

    per quel che mi riguarda non vedo motivo per acquistarla, purtroppo :(

  5. Hizaki scrive:

    La killer application sarebbe Mario ma per una volta non lo è per colpa di Nintendo. Non puoi fare uscire un mario 2d su 3ds e farne uscire un altro a 4 mesi di distanza come titolo di lancio per una nuova console…Devono assolutamente dare al più presto una data di uscita per Mario 3D, Mario Kart, Pikmin 3; dare notizie del nuovo Zelda e annunciare altro…E magari anche quel leggero taglio di prezzo che farebbe solo bene…

  6. frank75evw scrive:

    e tra l’altro anche perder l’esclusiva di rayman,e posticiparne l uscita x farlo uscire in contemporanea e’ simbolo di gran confusione………
    ok il gioco e’ ubisoft ma nintendo non doveva permetterlo……
    la acquistero’ anch’io quando usciranno quei titoli che posso giocare solamente su wii u,mario kart,super mario 3d ecc. ma ora come ora la mia fida ps3 con abbonamento al psnplus,mi sembra su un altro piano…….ed effettivamente sono piu’ curioso di vedere cosa saltera fuori il 20 febbraio,piu’ di sentirne realmente il bisogno………
    x ora attendo

  7. Killy77 scrive:

    ‘sti cazzoni pensano di poter commercializzare sempre console e prodotti a prezzo pieno, dimenticandosi di come la concorrenza è sempre più spietata ed economica.
    Stessa ragione del fallimento della PSVita (ma in quel caso il disastro è mondiale), venduta ad un prezzo stratosferico e con un parco giochi scarsissimo.
    Una cosa che ho capito è che il videogiocatore medio vuole giocare a tanti titoli assieme spendendo poco e non spendendo cifre allucinanti per avere un gioco decente ogni mese.

    Figuratevi che da tempo immemore sono più attirato dalla PS2 che da una nuova Xbox.

  8. Hizaki scrive:

    Nintendo non ha cacciato un cent per quell’esclusiva. Lì è Ubisoft che ha sbagliato tutto. Il gioco è stato sviluppato per WiiU ed è pronto; per le altre due console ci sarà un porting che nessuno comprerà, per ovvi motivi. “Ubisoft Vaffanculo”

    @Killy: 3DS, Vita e WiiU hanno comesso lo stesso errore. Non capisco perchè col 3DS si sia risolto tutto e alla grande mentre per gli altri 2 non si fa niente. E Vita è in giro da un bel pò eh…

  9. Gidantribal scrive:

    mi chiedo che potrebbe succedere se pure orbis e durango registrassero vendite scarse…

  10. Hizaki scrive:

    Eh ma rayman non vende molto di suo e chi avrà il wiiu lo prenderà li…Poi spero di sbagliarmi…A me se rayman vende fa molto piacere…Nonostante ubisoft :D

  11. Kiory scrive:

    Vende poco? Più giochi e price cut!

  12. Killy77 scrive:

    A me quasi dispiace leggere di tutta questa gente che prende console a prezzo pieno. Non vale la pena aspettare un pochino?

  13. Hizaki scrive:

    L’ho fatto col 3DS, ho preso l’inc****a, non lo farò mai più…

  14. Hanamichi scrive:

    @Killy: concordo pienamente :)

  15. Hizaki scrive:

    Ma soprattutto conviene aspettare anche perchè, come ormai ben sappiamo , siamo i beta tester delle console. Lo siamo stati per ms e sony e non vorrei che anche nintendo ci sfruttasse così…

  16. marcobat scrive:

    è la tavoletta chè sbagliata sono tornati indietro da comandi gestuali ad un baraccone nelle mani, mio figlio da quando ha il tablet non gioca più nemmeno con la wii

  17. Master of Disguise scrive:

    E se pure l’industria comincia a snobbarlo può diventare un grosso problema x Nintendo.

  18. Max scrive:

    Dovevano migliorare il Wiimote rendendolo più preciso, il tablet non è piaciuto molto agli appassionati di party games. Doveva essere più potente e avere più memoria interna. Bene invece l’Idea di un Pad classico.

Trackbacks / Pingbacks


Rispondi