Indipendent Monday: Cognition – An Erica Reed Thriller – The Hangman [Recensione Indie Game]

Cognition: An Erica Reed Thriller - The Hangman

  • Piattaforma: PC
  • Publisher: Phoenix Online Studios
  • Software House: Phoenix Online Studios
  • Indipendent Monday: Cognition – An Erica Reed Thriller – The Hangman [Recensione Indie Game]

    I Phoenix Online Studios sono a tutti gli effetti uno studio indipendente, soprattutto perché si sono cresciuti e allattati da soli. Niente trailer virali da hype ipoglicemico, niente cartelloni per le strade, niente spot pubblicitari – nemmeno sul tubo – e niente slogan elettorali inarrivabili. La fenice indipendente del web è bruciata e sta bruciando, con la forza di una fiammella di zippo lasciata a soffocare in una stanza piena di ossigeno rarefatto, la cui formula chimica è capostipite dell’alfabeto da triplete. Eppure il successo è arrivato con quel The Silver Lining dal gratuito omaggio e download.

    Avere cognizione di chi sia Erica Reed è questione di esperienza letteraria thrilleristica, percezione di qualcosa di malato, sordido, perverso e distorto. Erica è eroina di un mondo dove la follia del killer, il movente dell’orrore, del coltello e del sangue, si mescolano al soprannaturale istinto della visione, del mondo oltre le nostre capacità cerebrali teorizzate da fisica quantistica e, in qualche parte del mondo, da un fachiro.

    La trama nasce e muove i primi passi in un primo episodio, The Hangman, volenteroso di mostrare tutto e nulla, dove la curiosità suscitata del genere artiglia le mani al mouse e ci costringe a cliccare con riflessione, parsimonia dei gesti e voglia di svelare il mistero dietro le dimensioni quantiche del sogno, dell’agente FBI e del killer.

    Il plot si presenta come quello che sembra, palesa quello che non è, sarà o fu in un’idea interessante. Il genere è nuovo perché contempla una chiave letteraria moderna, contrariamente alle varie trasposizioni di detective londinesi o dal francese accento di nascita belga, e apre alla voglia di sfogliare il districarsi degli eventi, degli enigmi ben congeniati e di apparenti soluzioni via SMS.

    Retrò, cell shading, graphic novel e goffe prestazioni, compongono il quadro generale del comparto tecnico. Il titolo è spesso impacciato, inutilmente pesante e scanzonato nel mix di musiche, situazioni e stacchi d’ambientazione. In questo primo episodio l’atmosfera sembra indecisa, esitante, dalle mani sudaticce e troppo imbarazzata per portarci allo scopo finale del nostro ménage videoludico.

    Cognition: An Erica Reed Thriller, non ci travolge, ma ci sorprende per l’ottima realizzazione complessiva e la capacità di offrire al giocatore un’esperienza di gioco appassionante e moderna. Di contro balzo non abbiamo un prodotto ben congeniato, propositivo od originale per scelte estetiche e gameplaystiche. Erica Reed è un personaggio classico della letteratura compulsiva da mistero e avere il suo contributo spalmato su una serie di episodi dalla longevità piuttosto importante, è buona cosa.

    Inside The Game

    • Classico è un bene
    • Rispetta i canoni del thriller letterario
    • Suscita curiosità
    • Buoni Enigmi

    Outside The Game

    • Tecnicamente impacciato
    • Classico può essere anche un male
    • Atmosfera indecisa
    Voto:

    Interessante

    Come valutiamo i giochi

    Questo post è stato scritto da:

    - ha scritto 574 articoli su Inside The Game.

    Contatta l'autore

    Commenti

    Commenti

    Rispondi