Categorie | News

Muore a 70 anni Roger Ebert, il più autorevole critico “anti-videogiochi” [cultura]

Muore a 70 anni Roger Ebert, il più autorevole critico “anti-videogiochi” [cultura]

Dopo anni di lotte e sacrifici, il cancro ha avuto la meglio su di lui: ci lascia all’età di 70 anni il critico cinematografico Roger Ebert, penna di spicco del Chicago Sun-Times con alle spalle 40 anni di recensioni filmiche ed una conoscenza impareggiabile della Settima Arte. Non se la cavava altrettanto bene con i videogiochi, dei quali è stato per lungo tempo un fiero oppositore: nel 2005 scriveva “per quanto ne so, nessuno internamente o esternamente al settore è mai stato in grado di citare un gioco degno del confronto con grandi drammaturghi, poeti, registi, scrittori e compositori. Che un gioco possa aspirare ad un’importanza artistica in quanto esperienza visuale, questo lo accetto. Ma per gran parte della loro utenza, i videogiochi rappresentano uno spreco delle ore preziose di cui disponiamo per renderci più acculturati, civilizzati ed empatici”.

Nel 2010 il critico ebbe a rettificare questa sua posizione sostenendo di non avere cambiato del tutto idea, ma che avrebbe fatto meglio a non divulgarla pubblicamente con tale forza perché la sua personale esperienza di videogames era pressoché inesistente. Tornare sulle proprie opinioni, a modesto parere di chi vi scrive, è segno di un’intelligenza che nel caso di Ebert era comunque arduo mettere in discussione: unico nel suo ramo ad aver vinto un Premio Pulitzer, non ha mai rinunciato alla passione per il cinema e per il suo lavoro sino ad appena due giorni dalla dipartita, offrendo un esempio di tenacia che manca a molti altri professionisti. La lunghissima battaglia con il cancro gli aveva fatto perdere la mandibola – e con l’essa la possibilità di parlare e mangiare – ma la sua penna non si è fermata, sino a martedi scorso. Inside the Game saluta Roger Ebert con la deferenza che gli è dovuta.

Questo post è stato scritto da:

- ha scritto 3648 articoli su Inside The Game.

Contatta l'autore

Commenti

Commenti

Rispondi