Categorie | News

Chi sbaglia paga: Adam Orth non è più in Microsoft [polemica Xbox]

Chi sbaglia paga: Adam Orth non è più in Microsoft [polemica Xbox]

Nelle scorse ore, gameinformer.com segnalava le dimissioni di Adam Orth, direttore creativo di Microsoft, in seguito all’inelegante scambio di battute su Twitter intorno all’argomento ‘Xbox sempre online’. Pare che da Redmond abbiano confermato l’accaduto, dopo la pubblicazione di un comunicato ufficiale nel quale l’azienda si scusava pubblicamente per l’atteggiamento del suo impiegato. Se le dimissioni siano state volontarie o caldeggiate da Microsoft stessa non è stato chiarito, ma è un dato di importanza relativa. Ciò che importa è l’atteggiamento dell’azienda stessa, completamente opposto alla superbia che normalmente le si associa:

“Ci scusiamo per i commenti inappropriati espressi da un nostro impiegato su Twitter ieri. Questa persona non è un portavoce di Microsoft, ed il suo punto di vista non riflette la cura del cliente su cui incentriamo la creazione dei nostri prodotti, né lo stile con cui comunicheremmo direttamente coi nostri leali consumatori. Siamo estremamente spiacenti che i fatti abbiano offeso qualcuno, ad ogni modo non abbiamo fatto alcun annuncio relativo alla roadmap del nostro prodotto, e non abbiamo ulteriori commenti da fare in materia.”

Un bagno d’umiltà in stile Sony, oseremmo dire. C’è da sperare che anche il “nuovo prodotto”, così come Microsoft ha sostenuto nel comunicato, ruoti davvero intorno alle esigenze del pubblico e non includa le restrizioni d’utilizzo che attualmente stanno facendo il giro del Web. E poi, non lo diceva anche Kevin Butler? “You can’t believe everything you read on the Internet“.

Questo post è stato scritto da:

- ha scritto 3648 articoli su Inside The Game.

Contatta l'autore

Commenti

Commenti

4 Di risposte a “Chi sbaglia paga: Adam Orth non è più in Microsoft [polemica Xbox]”

  1. Hizaki scrive:

    E dato che non è che possiamo credere a tutto ciò che leggiamo, i nuovi rumors sulla nuova xbox dicono che l’always online ci sarà, ma sarà facoltativo…Come fa l’always online ad essere facoltativo è però un bel mistero :D

  2. Chuck Schuldiner scrive:

    ..e sopratutto, aggiungo, quale persona in italia (con tutti i suoi contro e..i suoi contro) si farebbe attivare un servizio simile??

  3. Gidantribal scrive:

    Alla fine la prossima xbox sarà la più conveniente XD

    -console
    -live gold
    -conessione perenne
    -monolocale in estonia per soddisfare le richieste di una connessione internet perenne.

Trackbacks / Pingbacks


Rispondi