Categorie | News

Le nuove frontiere dell’E3? Ipermercati e parcheggi [Nintendo, OUYA]

Le nuove frontiere dell’E3? Ipermercati e parcheggi [Nintendo, OUYA]

Sapevamo già che Nintendo non sarebbe stata presente al Los Angeles Convention Center per l’E3 2013. E sapevamo pure che sarebbero stati tenuti degli eventi “satellite” nello stesso periodo per coinvolgere il pubblico in un periodo dell’anno indubbiamente caldo per l’industria dei videogiochi. Che farà allora Nintendo? Sorprendentemente, porterà il suo E3 alle masse installando postazioni WiiU in oltre 100 negozi Best Buy (la famosissima catena americana di prodotti elettronici) e lasciando provare agli avventori demo di giochi futuri quali Pikmin 3, The Wonderful 101, il nuovo Smash Bros, Mario 3D e via dicendo. Stando alle reazioni del pubblico statunitense e canadese, si tratterebbe di gran lunga della miglior scelta operata da Nintendo negli ultimi anni; bisognerà vedere cosa comporterà in termini di ordine pubblico, aldilà degli ovvi benefici (nessun biglietto d’ingresso da pagare, tante sedi in cui recarsi, più potenziali acquirenti nei negozi).

Decisamente più “esotica” la scelta del team OUYA, che stando ad una mail inviata dalla portavoce Kellee Santiago, allestirà postazioni di prova per la sua sorprendente console indie in un parcheggio a pochi passi dal Los Angeles Convention Center. L’esposizione durerà da giorno 11 al 13 Giugno, in perfetta coincidenza con l’E3, e fino al 28 Maggio l’organizzazione accoglierà domande da parte della sua comunità di sviluppatori per l’esposizione di demo nei tre giorni in questione. I partecipanti disporranno di tutto il necessario in termini di devkit, monitor e controller negli slot orari a loro assegnati.

Questo post è stato scritto da:

- ha scritto 3648 articoli su Inside The Game.

Contatta l'autore

Commenti

Commenti

2 Di risposte a “Le nuove frontiere dell’E3? Ipermercati e parcheggi [Nintendo, OUYA]”

  1. frank75evw scrive:

    l idea non e’ male,adesso non so quanto possa costare l entrata all e3,ma presumo sia cara………tutta la gente che x un motivo o l’altro non puo’o non vuol spendere i soldi penso accorrera’ a ste iniziative

  2. Gidantribal scrive:

    Con tanto di Julie Uhrman a vendere le console di persona come se fosse il banco dei giocattoli cinesi :P Direct marketing! ;)

Trackbacks / Pingbacks


Rispondi