Categorie | News

Se anche Kickstarter fallisce, Shadow of the Eternals non si farà [Precursor Games]

Se anche Kickstarter fallisce, Shadow of the Eternals non si farà [Precursor Games]

Conversando con i fans, il vicepresidente di Precursor Games Shawn Jackson ha dichiarato su Reddit che Shadow of the Eternals non si farà qualora la relativa campagna su Kickstarter dovesse fallire i propri obiettivi. È un’ombra che aleggia pesantemente sul progetto, fermo ormai da qualche giorno sui 123mila dollari quando ne servirebbero ben 1.35 milioni per trasformarlo in realtà. Precursor Games è formata interamente da veterani dell’industria, con una presenza significativa di ex impiegati Silicon Knights: il vero problema, però, sembra essere la presenza tra questi ultimi di Denis Dyack, che l’opinione pubblica ritiene in toto responsabile del fallimento di Too Human e della caduta di SK stessa. A tal proposito, il designer ha precisato in una recente intervista che il suo unico apporto in seno a Precursor è di supervisione creativa, sollevato quindi da alcun ruolo gestionale o amministrativo.

Cosa ne pensa chi vi scrive? Che con un engine solido come il CryEngine 3 ed una gestione completamente diversa rispetto al passato, potrebbe essere il caso di dare a Shadow of the Eternals una possibilità. Dopotutto parliamo sempre di un sequel di Eternal Darkness, no?

Questo post è stato scritto da:

- ha scritto 3648 articoli su Inside The Game.

Contatta l'autore

Commenti

Commenti

2 Di risposte a “Se anche Kickstarter fallisce, Shadow of the Eternals non si farà [Precursor Games]”

  1. Gidantribal scrive:

    E loro non riescono a trovarsi un publisher o qualcuno disposto a finanziare il gioco? Nintendo per prima dovrebbe andargli incontro… :/

  2. BlackSilver scrive:

    Il problema vero è che si sono bruciati alla grande la fiducia che avevano tra i gamers…poco importa se hanno cambiato nome per cercare di abbandonare il passato prossimo per ricollegarsi idealmente al passato remoto. Infatti era prevedibile questa mossa per rilanciarsi, ma le ombre sono veramente troppe, come i fallimenti che hanno collezionato

Trackbacks / Pingbacks


Rispondi