Categorie | News, Voci di corridoio

Phil Fish contro Microsoft: “nessun supporto agli indie”

Phil Fish contro Microsoft: “nessun supporto agli indie”

Qualche giorno fa è stata pubblicata la notizia secondo la quale già da qualche mese, precisamente da Aprile, Microsoft non richieda più un pagamento per la pubblicazione degli aggiornamenti dei giochi su Xbox 360. Fino ad allora infatti per poter pubblicare un aggiornamento, che non fosse il primo, bisognava pagare alcune migliaia di dollari, 10,000 sembrerebbe. Ci si aspetterebbero urla festanti, gente che piange dalla gioia e la fine di tutte le guerre e invece c’è chi proprio non è riuscito a trattenere il proprio malcontento.

Stiamo parlando di Phillipe Poisson, conosciuto dai più come Phil Fish, creatore del celebre puzzle/platformer Fez. La storia di Fez non è proprio delle più felici: inizialmente pubblicato in esclusiva come Xbox Live Arcade, Fez era piagato da molti bug, che a seguito di un aggiornamento non furono risolti ma, se possibile, peggiorarono. A questo punto Phil Fish si rifiutò di pubblicare un nuovo aggiornamento, citando come motivazioni i 10,000$ richiesti da Microsoft e la bassa percentuale di giocatori affetti dai problemi più gravi, l’1% a suo parere, certamente dei fattori da valutare quando sei un piccolo sviluppatore indipendente.

La scoperta di questa nuova politica di Microsoft ha fatto nuovamente infiammare l’animo di Fish, che attraverso il suo Twitter ha rivelato di averlo scoperto solamente qualche giorno fa tramite un sito di notizie videoludiche: “sento questo rumor da mesi ma Microsoft non ci ha mai detto nulla a riguardo”. Phil Fish non è certo il primo a denunciare la mancanza di supporto della casa di Redmond, ma si affianca ai creatori di Super Meat Boy, altri sviluppatori indie a cinque stelle.

Alla fine di tutto ciò bisogna ancora capire quale sarà il futuro dei giochi indie su Xbox One, dopo che il mese scorso è stato confermato che gli sviluppatori indipendenti non avranno la possibilità di auto-pubblicarsi sul Marketplace.

Questo post è stato scritto da:

- ha scritto 10 articoli su Inside The Game.

Contatta l'autore

Commenti

Commenti

Rispondi