Categorie | News

Fez II cancellato: storia di un crollo nervoso improvviso [Polytron, Phil Fish]

Fez II cancellato: storia di un crollo nervoso improvviso [Polytron, Phil Fish]

A quanto pare, Polytron Corporation ha abbandonato i lavori su Fez II, annunciato meno di due mesi fa. Lo ha fatto sapere tramite un aggiornamento su Twitter che recita più o meno così: “con cuore pesante, informiamo che Fez II è stato cancellato e non è più in sviluppo. Ci scusiamo per la delusione”. La decisione arriva dopo un velenoso intervento di Marcus Beer, presentatore della rubrica Invisible Walls su Gametrailers.com, che ha pubblicamente insultato Jonathan Blow e Phil Fish definendoli “primedonne” e “hipster fuori di testa”. La loro colpa era stata quella di reagire in maniera infastidita all’ennesima domanda di Game Informer sulle nuove politiche indie di Xbox One [date un’occhiata alle immagini in basso per leggere i loro tweet, immagini a cura di NeoGaf, ndr].

Inizialmente Fish aveva risposto a tono invitando Beer a suicidarsi (!), e dichiarandosi estremamente ferito dalle calunnie ricevute su Invisible Walls. Sabato 27, poi, il crollo: Fish scrive sul blog di Polytron Fez II è cancellato. Ho finito. Prendo i soldi e scappo. Questo è più di quanto possa sopportare. Non è il risultato di un singolo episodio, ma la fine di una lunga e sanguinosa campagna. You win”. Non è chiaro se l’espressione finale si riferisca a Beer in particolare, o all’insieme di chi negli ultimi mesi ha contribuito a trasformare l’immagine del creatore di Fez in qualcosa di particolarmente negativo – sé stesso in primis. Abbiamo perso un grande creativo, o lo vedremo tornare al calmarsi delle acque? Chissà. Quel che resta al momento sono soltanto i postumi di un giornalismo ancora troppo infantile.

P01 P02 P03 P04

Questo post è stato scritto da:

- ha scritto 3648 articoli su Inside The Game.

Contatta l'autore

Commenti

Commenti

7 Di risposte a “Fez II cancellato: storia di un crollo nervoso improvviso [Polytron, Phil Fish]”

  1. Io parlerei di un giornalismo invadente e un po’ piccato, ma Fish ha dimostrato un livello veramente ridicolo tra affermazioni in cui si eleva nelle divinità del gaming, offende intere nazioni e manda in culo chiunque critichi il suo modo di fare.

    • Marco "Strider Hiryu" Tinè scrive:

      Un giornalismo che ha bisogno di offendere gli altri non è né invadente né piccato, è semplicemente ridicolo e dilettantistico. Fish è sempre stato quel che è stato, ma non si può dire in questo caso che ad accendere la miccia sia stato lui.

      • BlackSilver scrive:

        Non è mai bene per il giornalista diventare “notizia”, ma francamente trovo più una constatazione di fatto (più che una offesa) l’aver definito Fish un hipster scoppiato che ama fare la prima donna.

        E poi il tutto è avvenuto su Twitter più che su un pezzo, quindi è una sfera differente…anche se purtroppo ormai la barriera tra pubblico e privato è andata a farsi benedire nell’era social.

  2. Killy77 scrive:

    Mi dispiace ma Fish si è dimostrato un bambino.

  3. Hizaki scrive:

    Fish non è nessuno; Fez non è niente. È un bene se qualche giornalista riporta tutti alla realtá…

  4. Dollmasterz scrive:

    Non mi mancherá affatto… ci sono developers molto più abili ed educati di fish, sti cazzi di fez

  5. Gidantribal scrive:

    Ciao ciao Fish!

Trackbacks / Pingbacks


Rispondi