Categorie | COPERTINA, Video Unboxing

Inside the Tech #4 – Unboxing e recensione del Sensei RAW [SteelSeries]

Inside the Tech #4 – Unboxing e recensione del Sensei RAW [SteelSeries]

Salve ragazzi di Inside the Game e benvenuti a questo quarto appuntamento con Inside the Tech, la rubrica dedicata all’hardware su PC (e non solo). Terminata la mitica e semi impacciata trilogia estiva di Cooler Master, Inside the Tech è pronta ad andare oltre con altri prodotti e sopratutto altri produttori che ci hanno gentilmente concesso (ed inviato) i loro prodotti per scartarli e recensirli. In questa puntata vedremo un prodotto realmente fondamentale per il gaming su PC, anzi uno dei due elementi centrali nell’esperienza di gioco, nonché l’elemento che storicamente divide il fronte dei videogiocatori tra PCisti e Consolari. Avete capito di cosa sto parlando? Del fidato Mouse che ci da tante soddisfazioni sopratutto nel campo di RTS, FPS e TPS…insomma tutto quello che termina in S. Quindi, ringraziando nuovamente SteelSerie, addentriamoci nei meandri tecnologici del Sensei RAW Rubberized Surface.

—————————————————————————————————————————————————

La serie Sensei di SteelSeries ha sempre presentato dei Mouse di altissima qualità, tecnicamente pensati e sviluppati per il gaming. Infatti tutti i modelli (siano essi classici o RAW) presentano 8 pulsanti in totale, di cui ben 7 programmabili attraverso il software proprietario chiamato SteelSeries Engine, del quale parlerò in seguito. Il mouse che abbiamo avuto modo di provare è come già detto il Sensei RAW Rubberized Surface, ovvero il modello pensato per il gaming quotidiano del videogiocatore di medio-alto livello…non il Pro Gamer da tornei. Infatti come potete vedere dalla tabella comparativa qua sotto le differenze con la versione normale non sono poche e non riguardano solo l’aspetto estetico dei materiali e dei led:

comparison-chart1

Infatti il Sensei RAW presenta Led pulsanti e regolabili di colore bianco con una superficie nera venduta nei modelli liscio o gommato. Non ho provato la versione nera liscia, ma vi posso assicurare che la versione gommata ha un grip veramente interessante ed è anche molto resistente alle ditate che normalmente le luccicanti superfici trattengono con avidità. Il prodotto è dotato anche di un lungo cavo morbido con output USB placcato d’oro. La scorrevolezza del mouse su diversi superfici è sempre stata ottima, grazie ai cuscinetti in politetrafluoroetilene (o PTFE per gli amici), e al peso complessivo di appena 90 grammi. Il design di tutti i modelli Sensei sono pensati perfettamente simmetrici e quindi utilizzabili tranquillamente da qualunque utente.

DATI TECNICI:

Frames PS: 12000
Inches PS: 150
Mega pixels PS: 10.8
CPI: 90 – 5670
Accellerazione massima: 30 G

Compatibile con Windows 2000, XP, Vista, 7 e Mac OS X

Peso: 90 grammi
Altezza: 38.7 mm
Larghezza: 68.3 mm
Lunghezza: 125.5 mm

Ma parliamo adesso un po’ del softwre per la gestione del mouse, ovvero SteelSerie Engine. Il sistema una volta installato riconoscerà automaticamente il mouse in dotazione e ci darà la possibilità di intervenire su ogni aspetto, dalla programmazione dei pulsati alla sensibilità del mouse stesso. Nella prima schermata è infatti possibile programmare i pulsati per varie operazioni o semplicemente impostare il settaggio per utenti mancini, mentre in “Settings” sarà possibile modificare sia il CPI che il Polling Rate (normalmente settato al massimo sui 1000 Hz), anche l’intensità e le “pulsazioni” dei led. In “Properties” sarà possibile creare dei profili per i singoli giochi o software, mentre avviando le “Statistics” sarà possibile avviare un test che ci dirà quanti click abbiamo effettuato in ogni singolo pulsante. In più il software ci spiegherà qualunque elemento passandoci sopra col mouse, cosa che rende il tutto accessibile anche a chi non ha una grande esperienza in merito. Insomma un sistema veramente comodo che ci da totale libertà di settaggio per quasi ogni aspetto del Sensei RAW. In più se non siete amanti della lingua di Albione (Inghilterra per i contemporanei) sappiate che il software è disponibile nelle principali lingue internazionali, italiano compreso.

Sensei RAW Sotto

 

CONCLUSIONE: La conclusione di questa recensione non può che essere positiva quanto la mia esperienza con il Sensei Raw. L’ottima qualità del prodotto in termini di design, costruzione e precisione lo rende un validissimo alleato per le nostre scorribande digitali…e per la normale fruizione quotidiana sui nostri PC. L’unico difetto può essere rilevato nel suo cavo che per lunghezza e spessore lo indirizzerebbe verso il regno dei PC fissi e un po’ meno verso i portatili, ma comunque niente di invalidante. Il vostro Black di fiducia vi consiglia l’acquisto ad occhi chiusi, non vi deluderà.

TEST: Ho testato il Sensei RAW per due settimane sostituendolo completamente al mio mouse per notebook. L’ho utilizzato ogni singolo giorno sia per la normale interazione con il mio portatile che per videogiocare, in particolare ci ho concluso Sleeping Dogs (gran bel gioco) e iniziato Kane & Lynch 2: Dog Days (gran bei…ehm…lens flare).

Pagine ufficiale del prodotto: Sensei RAW

Questo post è stato scritto da:

- ha scritto 325 articoli su Inside The Game.

Contatta l'autore

Commenti

Commenti

Una risposta a “Inside the Tech #4 – Unboxing e recensione del Sensei RAW [SteelSeries]”

Trackbacks / Pingbacks

  1. […] AttackInside The Game – I videogiochi giocati dall’internoPlayer Attack /** * thumbnail-title related posts style **/ #alrp-related-posts h3, […]


Rispondi