Categorie | Annunci, News

Morto lo scrittore Tom Clancy, aveva 66 anni [RIP]

Morto lo scrittore Tom Clancy, aveva 66 anni [RIP]

Questo è un post triste anche se io ho sempre ignorato l’opera di Tom Clancy, quantomeno quella letteraria. Di certo però non ho potuto ignorare e, anzi, ho gradito molto, quella videoludica spesso semplicemente “tratta” dalle opere scritte ma a volte invece plasmata in prima persona. Anzi, a dirla tutta, Tom era un signore a cui i videogiochi devono molto perché è stato assolutamente tra i primi ad investire tempo, soldi ed energie nell’industria. Magari pochi sanno che nel 1996 fondò Red Storm Entertainment, uno studio di sviluppo dedicato a creare videogames tratte dalle sue opere (e non solo, anche originali), in seguito acquistato da Ubisoft. Insomma l’autore di “La grande fuga dell’Ottobre Rosso” (da cui è stato tratto il magnifico film di John McTiernan con Sean Connery) era sicuramente un precursore: credere nei videogiochi nel 96 non era da tutti.

Ricordo ancora il primo Splinter Cell. Era il 2002 e l’epoca era quella da sogno, per il gaming su PC. Il gioco mi sembrò subito davvero qualcosa di nuovo visto che comunque portava quella spruzzata di stealth che non si pul non individuare come novità, appunto, su una macchina dove gli sparattutto facevano la parte del leone. Sam Fisher era ed è un protagonista assolutamente d’antologia e, all’epoca, il caschetto con i tre “occhi” non poteva che aggiungere curiosità ad un prodotto destinato a diventare leggenda. Sia perché fu l’inizio di una serie coi contro-beep sia perché la trama, anche del videogioco, era scritta da uno scrittore con i contro-beep, Clancy appunto.

Riposa in pace Tom e insegna agli angeli a diventare spie… in fondo l’armageddon si avvicina e qualche infiltrato ai piani bassi servirà :)

 

Questo post è stato scritto da:

- ha scritto 1304 articoli su Inside The Game.

Contatta l'autore

Commenti

Commenti

Comments are closed.