The Legend of Zelda – Timeline Ufficiale Parte III: L’Eroe Bambino -

The Legend of Zelda – Timeline Ufficiale Parte III: L’Eroe Bambino -

Terza parte della nostra Timeline ufficiale per la saga di Zelda!

In questa sezione andremo ad occuparci della Timeline dell’Eroe Bambino, quella Timeline che si origina nel momento in cui Link, sconfitto Ganondorf nel futuro, viene riportato indietro nel tempo dalla Principessa Zelda per fare in modo che il perfido usurpatore non salga mai al trono.

N.B.  PRIMA DI INIZIARE A LEGGERE CLICCA SUL VIDEO QUI SOPRA PER LA PIU’ GRANDE OVAZIONE MAI SPERIMENTATA AD UN E3!

 

MAJORA’S MASK (Nintendo 64)

Dopo aver completato il proprio incarico avvertendo la famiglia reale del pericolo rappresentato da Ganondorf ed aver quindi salvato il futuro, Link (tornato bambino) parte con il suo cavallo Epona alla volta di nuove regioni da esplorare. In breve tempo si ritrova in un bosco fatato e da lì attraversa, senza saperlo, un portale per un mondo parallelo conosciuto come Termina.

Qui Link apprende che un Imp dal nome di Skull Kid ha rubato dal Venditore di Maschere la Maschera di Majora, un artefatto estremamente potente utilizzato nei tempi antichi per oscuri rituali.

Indossata la maschera, Skull Kid è rimasto soggiogato dal suo potere maligno e ha riversato sul mondo tutta la negatività accumulata in anni di solitudine. In seguito ad un incantesimo della maschera dunque, la Luna ha iniziato a precipitare verso Termina e porterà all’apocalisse in meno di 72 ore.

Link viene trasformato in un Deku (creatura di legno abitante dei boschi) dalla rabbia di Skull Kid ed è solo grazie all’Ocarina del Tempo e all’aiuto delle Maschere magiche che raccoglie nel mondo di Termina che riesce a convocare i quattro giganti protettori del regno.

Dopo aver sperimentato tutta la tristezza, la follia e il panico collettivi scatenatisi nel mondo di Termina con l’avvicinarsi dell’apocalisse, Link e i quattro giganti respingono la luna proprio allo scadere delle 72 ore e riescono a liberare Skull Kid dalle grinfie della Maschera di Majora.

Con l’aiuto di una potente Maschera magica, Link si trasforma in una semi-divinità e affonta Majora in un duello sulla luna, riuscendo ancora una volta a salvare il mondo.

Il venditore di maschere si riappropria della maschera di Majora rubata e scompare misteriosamente da Termina, Link giura amicizia eterna a Skull Kid e festeggia insieme a lui il carnevale di Clock Town.

A questo punto, ritrovato Epona, Link parte per nuove avventure, e di lui si perdono per sempre le tracce.

 

TWILIGHT PRINCESS (Nintendo Gamecube)

Mentre Link, l’Eroe del Tempo, è impegnato su Termina a sconfiggere la Maschera di Majora, ad Hyrule la Principessa Zelda, con l’aiuto dei Saggi, fa condannare Ganondorf (ancora nelle fasi iniziali della sua ascesa al potere) per ucciderlo una volta per tutte.

Durante l’esecuzione però Ganondorf, in possesso della Triforza del Potere, riesce ad uccidere uno dei saggi e getta nel panico i supersiti. Uno di essi, impaurito e senza idee migliori, utilizza il Sacro Specchio del Crepuscolo e confina Ganondorf nel Regno del Crepuscolo, di fatto condannando quel mondo parallelo a subire la malvagità del perfido Re dei Gerudo.

Molti anni dopo Hyrule sembra essere tornata alla normalità ma Ganondorf, ancora vivo nel Regno del Crepuscolo promette all’ambizioso stregone Zant potere infinito in cambio di aiuto per tornare al mondo della Luce (dove sorge appunto Hyrule).

L’unica abitante del Regno che si oppone alla crescente potenza di Zant è Midna, la Principessa del Crepuscolo, che viene maledetta dal suo avversario e gettata in esilio nel mondo della Luce.

A questo punto, senza più oppositori a intralciare i propri piani, Zant lancia il primo assalto ad Hyrule e inizia il processo di fusione tra il Regno del Crepuscolo e il Regno della Luce per dare vita al Reame Oscuro (lo stesso visto in A Link to the Past?).

Strani fenomeni accadono su Hyrule mentre le forze demoniache di Zant si riversano sul mondo degli uomini. Midna, alla ricerca di aiuto per fermare lo stregone, si imbatte nel giovane Link (nelle cui vene scorre il sangue degli Eroi della Leggenda) che è stato trasformato in Lupo dall’oscura influenza di Zant.

Ricordando la profezia per cui il salvatore del Regno del Crepuscolo sarebbe giunto in forma di Bestia, Midna si lega al giovane e, anche grazie al supporto della Principessa Zelda (probabilmente la stessa di Ocarina of Time), riesce a trovare la Master Sword utile per debellare il male.

Link (tornato in forma umana) e Midna giungono sul luogo dell’esecuzione di Ganondorf e scoprono la verità sul motivo che ha portato il Re dei Gerudo nel Regno del Crepuscolo. Midna è furiosa con i saggi, soprattutto perché questi hanno spezzato lo Specchio del Crepuscolo. I due viaggiano in lungo ed in largo per ricostruire lo Specchio, e ad avventura ultimata riescono a tornare nel Regno del Crepuscolo dove uccidono Zant una volta per tutte.

Ma non è finita, perché Ganondorf ha approfittato del portale aperto con il rinnovato Specchio del Crepuscolo per tornare nel mondo della Luce e conquistare il castello di Hyrule, gettandolo nell’oscurità più profonda.

Grazie all’aiuto di un gruppo di combattenti noti come La Resistenza, Link penetra nel castello di Hyrule e si trova faccia a faccia con Ganondorf nella sala del trono.

In una epica battaglia finale (in cui il nostro eroe si ritrova a combattere prima contro la Principessa Zelda posseduta da forze oscure, poi contro il mostruoso Ganon), Ganondorf viene trafitto al cuore dalla Master Sword e ucciso defnitivamente da Link. La Triforza del Potere lo abbandona ed egli muore una volta per tutte.

Ma l’invasione del Regno del Crepuscolo mina la stabilità di Hyrule che ora si trova in due realtà distinte contemporaneamente. Per questo Midna, riacquisita la sua vera natura, elimina ogni traccia del Crepuscolo dal Mondo della Luce e frantuma una volta per tutte lo Specchio magico, evitando in questo modo che Hyrule e il Regno del Crepuscolo possano venire di nuovo a contatto.

 

FOUR SWORDS ADVENTURES (Nintendo Gamecube)

Passano svariati secoli, e i regni di Hyrule e Gerudo sono finalmente in pace.

La serenità viene però spezzata dalla nascita di un nuovo Ganondorf (sappiamo da Skyward Sword che l’odio di Demise per il genere umano darà per sempre origine a nuove incarnazioni del male). L’ambizioso Gerudo viola la legge del suo popolo e ruba il Tridente, un’arma oscura dei tempi antichi.

Con il potere del Tridente Ganondorf riesce ad impossessarsi anche dello Specchio dell’Oscurità, un artefatto in grado di sprigionare il potere di un mondo parallelo dove non penetra mai la luce (probabilmente il mondo di Midna, ormai devastato dalle legioni demoniache).

Per vendicarsi del genere umano e governare su tutto e tutti, Ganondorf cerca di riportare in vita il perfido stregone Vaati e getta Hyrule nel caos risvegliando una versione oscura di Link (la stessa vista in Adventure of Link e Ocarina of Time).

La Principessa Zelda, accompagnata dal giovane eroe Link e dalle sei discendenti dei saggi, si reca sul luogo dove era stato sigillato Vaati per controllare il sigillo, ma una potente ondata di potere oscuro scaglia le ragazza in luoghi lontani sparsi per Hyrule. Rimasto solo, Link estrae dal suo piedistallo la leggendaria Four Sword e si divide immediatamente in quattro corpi ben distinti. Questa azione sconsiderata però risveglia definitivamente Vaati dal suo sonno millenario.

Ganondorf e Vaati, più forti che mai, riversano su Hyrule il loro odio uccidendo tutti i cavalieri protettori del regno e trasformandoli in grossi demoni che vengono mandati alle calcagna di Link, guidati dalla sua versione oscura.

Non senza difficoltà, i quattro Link riescono a liberare dalla maledizione di cavalieri di Hyrule ed a salvare le discendenti dei saggi. Con il potere rinnovato della Four Sword, i quattro Link si intrufolano nel Palazzo del Vento e sconfiggono una volta per tutte Link oscuro e Vaati.

La principessa Zelda è salva, ma Ganondorf, furioso per la sconfitta dell’alleato, si trasforma nella bestia demoniaca Ganon. Dopo un intenso duello gli Eroi riescono a sigillare ancora una volta il male riponendo la Four Sword sul suo piedistallo.

Link (di nuovo in un solo corpo) e la Principessa Zelda tornano al castello, dove sono accolti come gli Eroi della Leggenda.

 

Così termina la Timeline dell’Eroe Bambino, che riporta in vita la Leggenda della Four Sword iniziata con The Minish Cap. Non ci è dato sapere se Nintendo porterà mai avanti questa Timeline che, più delle altre, appare davvero conclusa.

Tuttavia il prossimo gioco della serie, A Link Between Worlds, potrebbe avere qualcosa a che fare con questa realtà. Abbiamo ipotizzato, nell’articolo sulla Timeline dell’Eroe Sconfitto, che il nuovo Zelda potesse essere molto vicino a Link to the Past, ma in un’immagine rilasciata da Nintendo in rete è chiaramente visibile all’interno di una schermata di gioco la Maschera di Majora.

Presto conosceremo la verità, ma per il momento possiamo solo ipotizzare che la Timeline dell’Eroe Bambino verrà lasciata da parte e che A Link Between Worlds apparterrà alla precedente Timeline o, meglio ancora, al filone delle Origini precedente a Ocarina of Time.

Continuate a seguire Inside the Game e non perdete la prossima settimana la quarta e ultima parte, con la Timeline dell’Eroe Scomparso!

Qualora vogliate rileggere i capitoli precedenti trovate ai link LE ORIGINI e la TIMELINE DELL’EROE SCONFITTO.

Questo post è stato scritto da:

- ha scritto 351 articoli su Inside The Game.

Contatta l'autore

Commenti

Commenti

Rispondi