Categorie | COPERTINA, Editoriali

Week Game Over: la settimana videoludica raccontata da ITG [15 – 21 dicembre]

Week Game Over: la settimana videoludica raccontata da ITG [15 – 21 dicembre]

Natale è una festa da passare in famiglia, ma dopo che a tavola abbiamo evitato brillantemente domande come “quando ti laurei?” “cosa fai a capodanno?” o “quando ci presenti la fidanzata?” e la nostra pazienza è stata stracciata come la carta dei regali sotto l’albero, l’unica soluzione è sgattaiolare in camera e magari coinvolgere i più giovani in qualche torneo con la nostra console, oppure chiudersi in bagno e leggere Week Game Over, che anche a Natale non manca di fare il punto sulla settimana che si è appena conclusa.

Questa settimana, sotto il nostro albero abbiamo trovato tantissimi trailer, alcuni dei quali mi hanno spinto a fare un po’ di spazio nella mia letterina di quest’anno per chiedere a Babbo Natale di portare un dono anche a tutti quei personaggi che nel corso dell’anno sono stati sfruttati, deturpati e riproposti in tutte le salse, come ad esempio Lightning. Riuscirà, prima o poi, a riposare in pace la povera, fragile Lightning, protagonista di un Final Fantasy XIII che non è stato esattamente apprezzato, comparsa di un Final Fantasy XIII-2 che non si è ben capito dove volesse andare a parare e, ora, stella indiscussa di un Lightning Returns Final Fantasy XIII, che la costringerà a scimmiottare un po’ tutti i personaggi della saga di Square Enix? Se vi state chiedendo cosa succederà a “Light” nella sua nuova avventura, finalmente Square ha rilasciato un trailer “spoiler free”, un bel regalo di Natale per chi, a Lightning e compagni, un’ultima possibilità la vuole ancora dare. A completare il “pacco dono”, ci pensa anche un altro filmato che ci ricorda degli immancabili DLC che aiuteranno Light a vestire i panni di Aeris, Cloud e Yuna, assente – invece – il costume “campione del cattivo gusto”, ovvero quello composto soltanto da moguri.

Oltre a Lightning, vorrei che il caro Babbo Natale si ricordasse anche degli zombie, quelli che da qualche anno vengono riesumati in più di un senso e che incontreremo anche in Dying Light. Se la visuale in prima persona non vi provoca il mal di mare, allora dovete assolutamente guardare (magari proprio mentre vi siete chiusi in bagno a leggere Week Game Over per sfuggire ai parenti) il trailer uscito questa settimana. Meritano un bel regalo anche gli eserciti di Piante vs Zombie Garden Warfare, che si preparano a portare l’ironia del tower-defense di Popcap anche nel genere degli sparatutto. Sulla slitta, però, dovrebbe esserci un posticino anche per un regalino per Clementine, la protagonista di The Walking Dead Season 2 (tanto per restare in tema di non morti), che dal 18 dicembre è finalmente disponibile. Gli amici di Telltale sembrano non aver deluso quanti aspettavano con ansia questo sequel e, almeno per ora, possono stare tranquilli: sotto il loro albero non ci sarà nessun pezzo di carbone.

Anche i protagonisti di Dragon Ball Z meritano un regalo come risarcimento per tutti gli innumerevoli giochi in cui Bandai Namco li ha trascinati. Non esiste console su cui Goku e Freezer non si siano lanciati onde energitiche, anche se il nuovo Dragon Ball Z: Battle of Z non sembra l’ennesima riproposizione del solito picchiaduro e promette una nuova formula con cui incantare i fan delle lotte di Goku e amici. Anche Yukiko, Mitsuro, Aegis e i protagonisti di Persona 3 e 4 meritano un grosso regalo. Infatti, nonostante l’annuncio di Persona 5, Asus non ha smesso di “sfruttare” i suoi precedenti personaggi, che nel 2014 torneranno in Persona Q: Shadow of the Labyrinth, GDR per Nintendo 3DS che unirà i personaggi della serie per una nuova avventura. Se sotto l’albero quest’anno ricevessi (tra le altre cose) la conferma che Persona Q raggiungerà anche i nostri lidi, questo sarebbe proprio uno splendido Natale. Per i Giapponesi e gli appassionati di Giochi di Ruolo, gli ultimi sette giorni sono stati comunque ricchi di regali e l’annuncio di un nuovo capitolo della saga di Tales of (Tales of Zestiria) lo testimonia.

Se, invece, siete appassionati di picchiaduro, gli ultimi giorni vi hanno regalato solo qualche incertezza. Namco ha infatti rimandato al 2014 la data di uscita di Soul Calibur: Lost Swords, la versione Free to Play del noto picchiaduro. Certo, parlare di F2P per un gioco che in realtà, una volta terminate le ore bonus offerte dalla demo, richiederà l’acquisto di gettoni per essere utilizzato sembra un po’ improprio, ma per esprimere pareri è ancora troppo presto. Quel che è certo è che – se fosse davvero così – possiamo dire addio alle ore “perse” ad imparare le mosse e le giuste sequenze di combo del nostro personaggio preferito: il tempo è denaro.

Ad ogni modo, visto il loro ritorno dopo un quinto capitolo che non ha esattamente fatto gridare “al miracolo”, anche Cassandra, Nightmare, Pyra e tutti gli altri spadaccini di Soul Calibur si meriterebbero un regalo.

A Natale, però, oltre alle liste dei buoni e dei cattivi, dei vinti e dei vincitori, si iniziano anche a stilare le prime classifiche e Google ha da poco rilasciato quella dedicata ai 10 giochi più cercati sul suo motore di ricerca. Al primo posto c’è … GTA V, nessuno se lo sarebbe aspettato, vero? Nella classifica, però, compaiono anche nomi mai sentiti prima, come il curioso Cookie Clicker. Volete scoprire quali siano gli altri 8 giochi più cercati su Google? L’articolo di Daniele vi svelerà l’arcano, qui – invece – si parla di Cookie Clicker. Nonostante la parola Clicker riporti alla mente Joel ed Ellie insidiati dai funghi, Cookie Clicker non parla di un biscotto infestato dal Cordiceps. Nel gioco, non dovrete far altro che produrre biscotti cliccando col vostro mouse. Producete 15 biscotti e avrete diritto a un “aiuto”, un click aggiuntivo ogni 10 secondi, sfornate 100 biscotti e avrete una “nonna” che lavorerà a cottimo per voi fino all’infinito. Cookie Clicker, infatti, non ha altro scopo e non ha una fine: potete continuare fino a quando il vostro PC sarà in grado di reggere, o fino a quando voi vi divertirete. Insomma, mentre noi parlavamo di Xbox One e PlayStation 4 il mondo si divertiva cliccando su dei biscottini.

A questo punto, non possiamo che concludere regalandovi il link dove troverete questa meraviglia, che da qualche tempo è disponibile anche come app per dispositivi Android. Potevate sperare in un Natale più dolce?

Questo post è stato scritto da:

- ha scritto 37 articoli su Inside The Game.

Contatta l'autore

Commenti

Commenti

Rispondi