Categorie | COPERTINA, Editoriali

Week Game Over: Year Game Over

Week Game Over: Year Game Over

Secondo l’oroscopo cinese, il 2013 era l’anno del “serpente” e gli articoli più letti su Inside the Game lo confermano. Ai serpenti, infatti, piace sollazzarsi su “superfici” bollenti come quelle offerte dalla top ten di queste ragazze appassionate di videogame: sono loro (eliminati tutorial, guide su farmville o skyrim e trucchi di varia natura) a dominare le vette della classifica dei post più letti. In tempi di crisi, sembra siano stati decisamente graditi anche i riferimenti al made in Italy e al vintage di Virtual Inseminator, mentre hanno mancato di poco la top ten le miqo’te birichine di Final Fantasy XIV (articolo che forse risente dei 3 anni di anzianità) e il video divertente sulla vita sessuale dei personaggi dei videogiochi, entrambi spodestati dalle naturiste che giocano col kinect senza veli.

Bene, ora che abbiamo fatto la gioia di un altro tipo di joy-stick, passiamo a parlare di quelli più “tradizionali”, quelli WiFi delle nostre PlayStation, delle nostre Xbox e delle nostre Wii. Arrivati alla fine dell’anno, ognuno di noi sente il bisogno di fare un bilancio. Week Game Over non fa eccezione e per l’occasione il sottoscritto ha pensato di trasformarla in Year Game Over per stilare una classifica dei 5 titoli che – secondo il suo modesto parere – è valsa la pena di aver giocato nel 2013.

5.Criminal Case

Le sue notifiche hanno superato in fastidio persino quelle di Farmville, ma tutti noi dobbiamo ringraziare il 2013 per Criminal Case. Criminal Case c’era quando dovevamo studiare per l’esame ma non ne avevamo voglia, Criminal Case ci è rimasto vicino quando avevamo bisogno di una scusa per distrarci e non pensare alle angherie del nostro capo, ogni volta che eravamo al computer Criminal Case c’era. Lui e i suoi personaggi per tutto l’anno ci hanno ricordato che era da un po’ che non giocavamo, ci hanno offerto patatine fritte, humburger e spremute d’arancia per recuperare le energie e proseguire con le indagini e ci hanno fatto sentire un po’ sul set di CSI. Il suo sostegno è stato così concreto che mi sento anche di perdonargli i biechi e fallimentari stratagemmi per costringerci a cedere alle lusinghe delle microtransazioni.

4.Plants vs Zombie 2: It’s about time

C’è crisi e quindi non sempre è possibile tenersi al passo coi tempi e provare gli ultimi giochi per tempo, ma per fortuna c’è Popcap che ha deciso di dimostrare che rilasciare giochi di qualità e gratis è possibile! Piante vs Zombie 2 è divertente, difficile in più di un punto e in grado di assuefare chiunque. In qualche passaggio la tentazione di buttare il tablet fuori dalla finestra è molto forte, ma la sensazione di appagamento che si prova al superamento di ogni livello non ha eguali. Grazie, 2013, per aver reso meno noiosi i viaggi di moltissimi pendolari con questa chicca.

3. Tomb Raider

La nuova Lara Crof non mi va giù. Sono passati mesi dal lontano marzo in cui la nuova, timida e spaventata Lara si è avventurata nelle nostre console, ma ancora non riesco a farmene una ragione. Rivoglio la vecchia archeologa, quella spaccona con un coraggio che per dimensioni è secondo solo al seno di Lady Croft. Nonostante questo e la scarsa longevità, il reboot di Tomb Raider ha qualcosa di accattivante, che riesce a regalare momenti di tensione e di puro divertimento. È un po’ un peccato che invece di proseguire su questa strada e migliorare quanto non funzionava in questo primo capitolo, Square Enix si sia limitata a proporre per le nuove generazioni una versione HD della solita minestra. Auguriamoci che per Lara il 2014 sia ricco di sorprese.

2.The Last of Us

È il gioco più sopravvalutato dell’anno? Il suo successo è merito soltanto dell’hype che Naughty Dog ha saputo creare intorno alla sua ultima creatura? No. The Last of Us, pur non essendo privo di difetti, merita ogni lode che ha ricevuto. Questo gioco è riuscito a infondere un mix di sensazioni (paura, ansia, curiosità, commozione, divertimento …) come non accadeva da anni. Le uniche due vere pecche di TLOU sono la scarsa durata della trama principale e il finale, che non sembra all’altezza del crescendo di emozioni che accompagna tutto il viaggio di Ellie e Joel e lascia non poche perplessità. Visto il periodo festivo, ci sentiamo di sorvolare sul modo in cui è stato gestito il season pass: solo il 2014 ci dirà se è davvero valsa la pena di averlo acquistato.

1.Grand Theft Auto V

C’era d’aspettarselo, ma non poteva che essere il gioco per GTA V cui non ringrazieremo mai abbastanza il 2013. GTA V è capace di far tornare 12enni tutti quei giocatori che sono cresciuti con la prima PlayStation, mettendoci davanti all’evidenza che il divertimento che si trae dalle attuali produzioni è soltanto l’ombra di quello che le software house hanno saputo regalarci in passato. Rockstar ha dimostrato di cosa fossero veramente capaci le console della scorsa generazione, spingendo ai limiti le PlayStation 3 e le Xbox 360 di tutto il mondo con un gioco praticamente infinito, grazie all’inesauribile modalità online che non smetterà di farci compagnia anche nel 2014.

Quali sono, invece, i 5 giochi che hanno conquistato i vostri cuori?

Questo post è stato scritto da:

- ha scritto 37 articoli su Inside The Game.

Contatta l'autore

Commenti

Commenti

Una risposta a “Week Game Over: Year Game Over”

  1. lukesca scrive:

    gtav é il gioco dell’anno!

Trackbacks / Pingbacks


Rispondi