Quando guido io in GTA [è ‘na cambogia]

Quando guido io in GTA [è ‘na cambogia]

Non sono bravo ai giochi di guida. Non lo sono mai stato perché non mi piacciono. Quindi: non ci gioco mai, non li compro mai e non mi diverto mai. Adoro però Grand Theft Auto nelle sue ultime incarnazioni e, purtroppo, lì c’è molto da guidare. E il gamer che è in me esce fuori, leggete come!

Quando guido io in GTA … è ‘na cambogia come alla Fiera del Tufello. Macchine che volano, moto che volano, bestemmie che volano. Insomma, il cielo si riempie e le strade si svuotano. E’ una questione di entropia, se non avete studiato, mi spiace, ma rimarrete nella vostra ignoranza.

Quando guido in GTA preferisco di gran lunga la moto. Passa in posti piccoli dove una macchina rimarrebbe schiacciata e riesce a fare dei fuori pista che neanche a Cortina. Quando guido a GTA, in verità, non datemi seriamente una moto: una volta stavo andando a prendere un amico a Paleto Bay e mi sono sfondato il cranio sul tramezzo di un ponte, semplicemente perché dovevo fare l’ennesimo sorpasso di cui sarebbe andato fiero Dino Risi. GTA stesso è a conoscenza della cosa e dopo una missione in cui ero morto due volte solo per arrivare al punto B, al mio respawn mi ha levato il mezzo a due ruote dalla vista… cara vecchia Rockstar, mi vuoi proprio bene. Quasi quanto io ne voglio a te.

Quando guido in GTA i pedoni sono miei nemici, i semafori sono miei nemici, le altre macchine sono mie nemiche, le staccionate sono mie nemiche, ogni oggetto mobile sembra avercela con me. Il problema è che me la prendo anche con gli oggetti immobili più stupidi: con i muretti, ad esempio, ho sviluppato un’attrazione fatale, come nella vita reale. Chiedete a mio padre e al suo carroziere. Lui, davvero, mi amava molto.

Le scorciatoie, quando guido in GTA, sono la mia specialità. Il GPS lo sanno tutti, in un gioco del genere, è seriamente buggato. Non dovrebbe farmi percorrerre la STRADA più breve per andare nel fantomatico punto B ma lo sterrato più breve, al limite. Voglio passare nei giardini dei ricconi di vinewood con la porshe, rovinare qualche partita di golf, sgraffignare una birra da un barbecue e soprattutto fare il tour dei condomini più rovinati. A dirla tutta ogni volta che mi invento una scorciatoia, solo guardando la mappa, succede sempre lo stesso (mis)fatto: non c’è alcuna via percorribile se non una montagna che sembra il Grand Canyon. Avrei fatto molto prima a non tagliare questo pezzo di strada ma, sapete com’è, il gusto del pericolo! E poi GTA è super realistico no? Avete mai scalato una parete di 2 metri con una porshe? Tutto fattibile e arrivati sulla strada maestra, un gusto… numero uno!

Quando guido in GTA ho dovuto produrmi in una serie di acrobazie col camion che neanche i Blues Brothers. E non parlo di camion piccoli, ma di veri e propri mostri della strada. Con quelli scappare dalla polizia mi è particolarmente difficile, ma guida nel traffico è una soddisfazione unica. Dritto, sempre, e bum bum bum

Quando guido in GTA non sono uno di quelli che si mette la radio e si gode il tragitto. Sudo, sono tutto teso, potrebbe succedere di tutto. Una volta sono riuscito anche ad ammazzarmi a macchina ferma. Ancora oggi mi chiedo come sia stato possibile. Forse è il karma. Ma anche no.

Quando guido in GTA, dopo 60 ore di gioco, ormai sono diventato un maestro, tutti percorsi perfetti.

Te credo, pijo sempre er taxi!

Questo post è stato scritto da:

- ha scritto 1304 articoli su Inside The Game.

Contatta l'autore

Commenti

Commenti

Rispondi