Categorie | COPERTINA, Editoriali

Week Game Over: la settimana videoludica raccontata da ITG [19 – 25 gennaio]

Week Game Over: la settimana videoludica raccontata da ITG [19 – 25 gennaio]

Almeno una volta nella vita, capita a tutti di guardare fuori dalla finestra e filosofeggiare. Se si è fortunati, magari davanti a noi abbiamo immense praterie o oceani meravigliosi e non possiamo fare a meno di riflettere sulla potenza della natura, su chi siamo, dove andiamo e, a seconda dell’ora, cosa mangeremo. Più spesso, però, il panorama offerto dalle nostre finestre non è così bucolico e allora è meglio affacciarsi a quel grande oblò sul mondo che è il nostro computer e porci domande più pregnanti, come “qual era la password della mia casella di posta?”, “progresso ed evoluzione sono la stessa cosa?”, o “ma progredire significa necessariamente migliorare?”

Questa settimana, se Darwin fosse stato più geek e hi-tech avrebbe sicuramente avuto fiumi di inchiostro da scrivere. Purtroppo, la Storia ha voluto affidargli un altro ruolo e un’altra collocazione. Così, a noi non resta che riflettere sugli ultimi sette giorni, oppure chiedere la loro opinione sul Progresso ai fortunati possessori di PlayStation 4 che martedì hanno dovuto fare i conti con l’errore ce-34878-0, un bug che divorava i salvataggi salvati nella console per regalare tante ore di gioco extra alle sue vittime. Sony, però, è intervenuta tempestivamente diffondendo in rete le istruzioni per risolvere il problema che aveva colpito la sua ultima creatura e che ora – si spera – non dovrebbe più ripresentarsi.

Insomma, se progredire significa iniziare un lungo viaggio dove la perfezione è la meta finale, per ora siamo ancora lontani dall’arrivare a destinazione e lo sanno bene anche Ubisoft, Nintendo e GameStop. Venerdì, infatti, dopo che in Italia e negli Stati Uniti la nota catena aveva annullato i relativi preorder, sembrava che lo sviluppo di Watch_Dogs per Nintendo Wii U fosse stato cancellato. Fortunatamente, ai momenti di panico iniziale sono seguite le rassicurazioni: il malinteso sarebbe stato frutto di un errore di sistema nel gestionale dei preorder.

Questa settimana, quindi, abbiamo imparato che errare non è più solo umano e il progresso ha un costo che si può pagare con diverse valute: in salvataggi perduti, ma anche in grosse quantità di GB da sacrificare sull’altare del proprio HDD. Lo sanno bene i giocatori di Dead Rising 3 che, per godere  del primo dei 3 DLC che amplieranno la sua storia  dovranno rinunciare a 13GB di spazio libero. D’altra parte, per fare le pulizie di primavera sugli hard disk delle nostre console c’è sempre tempo: abbandoniamo le polemiche, quindi, e prepariamoci a combattere orde di zombie con le nuove armi e le combinazioni che Capom inserirà con questa nuova e corposa patch. Se al posto di una Xbox One nei vostri salotti c’è una PlayStation 3, non allarmatevi: i non morti (più o meno) torneranno a far compagnia anche a voi grazie al DLC di The Last of Us – Left Behind, del quale questa settimana abbiamo potuto avere un assaggio grazie al trailer con cui Naughty Dog ci ha mostrato i primi minuti di gioco.

Questi ultimi sette giorni, però, sono stati importanti non solo per i giochi ormai alla fine della loro linea evolutiva, ma anche per quelli più vicini allo stato embrionale. Da Kickstarter, infatti, è stato annunciato che Kingdom Come: Deliverance ha raccolto la quota di 300mila dollari chiesta da Warhorse per portare avanti questo ambizioso GDR medievale dai toni iper realistici e privo di qualsiasi connotazione fantasy. Non potete rinunciare a maghi, orchi e anelli magici? Allora, nel caso ve lo foste perso, dovete assolutamente guardare l’ultimo trailer di Middle-Earth: Shadow of Mordor, il nuovo gioco ispirato all’universo de Il Signore degli Anelli. In realtà, questa settimana più che per la sua originalità, Middle-Earth è stato oggetto di attenzione per la sua sospetta somiglianza con Assassin’s Creed 2. Assisteremo a una furiosa battaglia legale tra Warner Bros Interactive e Ubisoft? In attesa di scoprire se l’Occhio di Sauron ha in effetti sbirciato il compito del compagno di banco, possiamo intrattenerci con le ultime novità che hanno animato tanti altri universi fantasy, come quello di World of Warcraft.

Blizzard ha annunciato che chi preordinerà la nuova espansione, Warlords of Draenor, avrà modo di portare il suo personaggio direttamente al livello 90 con un (è proprio il caso di dirlo) balzo evolutivo che permetterà ai giocatori di affrontare le imminenti nuove avventure che attendono gli eroi di WoW. Il mondo dei GDR, però, è in fermento non solo per il prossimo “parto” di Blizzard, ma anche per le notizie circa 2 possibili nuovi concepimenti da parte di Square Enix. In rete, infatti, circolerebbero informazioni relative a due nuovi Dragon Quest in fase di lavorazione. I meglio informati non escludono la possibilità che si tratti di remake (che a mamma Square piacciono da impazzire) di Dragon Quest VII e X, così come di due nuovi titoli. Sempre questa settimana, gli appassionati di GDR (più o meno) hanno potuto provare la demo dell’imminente Lightning Returns: Final Fantasy XIII – gioco della cui esistenza il sottoscritto si era anche un po’ dimenticato.

L’avete provato? Vi è piaciuto? Per le critiche, o le lodi, ci sarà tempo una volta che il gioco sarà disponibile, per ora possiamo parlare degli enormi passi avanti fatti da Lightning, che è diventata una vera avventuriera in grado di saltare, aggrapparsi a cornicioni e calarsi da pali e lampioni con la grazia di una pole dancer. Non è detto che Square Enix non ci abbia già pensato,  ma se girasse per le terre di Luxerion munita di scarponcini e pistole, Lightning ormai potrebbe essere scambiata per la sorella segreta di Lara Croft, che a partire dal prossimo 30 gennaio, quando Tomb Raider sarà disponibile anche su Steam, porterà le sue forme sinuose anche sugli schermi dei possessori di Mac. Nonostante il reboot abbia ridotto il suo “arsenale” (decidete voi in che senso), giocare con la signorina Croft rimane un piacere e Square non intende negarlo a nessuno.

Rimanendo in tema di piaceri da non negare, per concludere in bellezza questa intensa settimana non si può sorvolare sulla notizia del rilascio in Europa di Monster Monpiece. Il gioco è un dangeon crawler che sarà disponibile per Ps Vita e che, a dispetto delle censure, permetterà di accarezzare e strusciare le proprie dita sui corpi dei suoi personaggi femminili per poter sferrare dei devastanti attacchi.

In casi come questo, non si può parlare che di triplo piacere: doppio per i giocatori, che si divertono e strusciano, singolo per i voyeur che sui mezzi pubblici seguiranno con insolito interesse le battaglie combattute sullo schermo delle loro Ps Vita –  tutto merito delle meraviglie del touch-screen e anche questo si chiama progresso.

Insomma, a  volte non c’è bisogno di chiedersi dove stiamo andando, perché sicuramente si tratta di un luogo meraviglioso …

Questo post è stato scritto da:

- ha scritto 37 articoli su Inside The Game.

Contatta l'autore

Commenti

Commenti

Rispondi