Categorie | News

The Division pronto al 40%, Ubisoft Reflections è il secondo sviluppatore [Ubisoft]

The Division pronto al 40%, Ubisoft Reflections è il secondo sviluppatore [Ubisoft]

Avete presente Driver: San Francisco, gioco che in molti a suo tempo snobbarono perché “tanto chi se lo fila più, Driver?”. Perfetto. Il grande pubblico non avrà tributato ad Ubisoft Reflections gli allori che meritava all’epoca, ma adesso che lo studio britannico figura ufficialmente come co-sviluppatore di Tom Clancy’s The Division, forse a qualcuno verrà la curiosità di rispolverare il loro magnifico titolo precedente. Tornando alla notizia, è proprio da un portavoce di Ubisoft Reflection che apprendiamo come il titolone next gen di Massive Entertainment sia giunto al 40% del suo sviluppo, con buona parte delle meccaniche di base ancora in costruzione:

“Stiamo lavorando su tutti i sistemi di gioco: personaggi principali, nemici, elementi da GdR, la ricostruzione di Manhattan, le componenti online e così via. Questo ci mette in condizione di influenzare ampiamente il gioco, non come nelle battaglie navali di Assassin’s Creed III dove eravamo molto limitati. Abbiamo apportato a The Division ottimi esempi di design e potenziale tecnologico. Il team Massive conta più membri, ma il nostro apporto è significativo ed ha una competenza artistica, tecnologica e progettuale che fa la differenza.

In Reflections c’è grandissimo apprezzamento per The Division. I nostri ragazzi sono letteralmente impazziti e per alcuni di loro, partecipare al suo sviluppo rappresenta un autentico obiettivo di vita. Quanto alle voci su eventuali problemi di sviluppo, posso dirvi che non c’è assolutamente nulla di vero. Facciamo parte di un modello di sviluppo globale che Ubisoft sperimenta ormai da 7/8 anni, e che contempla un certo tipo di gestione nella grandezza dei team. Nelle fasi di concetto iniziali bisogna avere una squadra piccola, perché serve molta agilità. Ma quando entri nella produzione vera e propria – specie quando il gioco ha obiettivi così giganteschi – i numeri devono aumentare.”

[Pauline Jacquey, via Develop]

Questo post è stato scritto da:

- ha scritto 3648 articoli su Inside The Game.

Contatta l'autore

Commenti

Commenti

Rispondi